Un robot da cucina che funziona senza elettricità: il progetto di un giovane studente – link video

Esamina una cucina tipica e probabilmente scoprirai armadi pieni di gadget, utensili e dispositivi volti a rendere più conveniente la preparazione del cibo. Manuel Immler, uno studente di design tedesco, si è reso conto della mancanza di sostenibilità nel possedere più utensili da cucina elettronici e ha invece progettato un mixer senza elettricità come prototipo che cambia le regole sino ad ora indiscusse:

Immler non solo ha identificato le pratiche dispendiose della produzione di massa, ma ha anche notato il consumo di energia nella produzione e nell’uso di dispositivi elettronici da cucina. In quella che è diventata una società consuma e smaltisci, Immler mirava a creare un prodotto che fosse durevole e sostenibile dall’inizio alla fine. Nella sua tesi di master presso la Libera Università di Balzono, il tema dichiarato era: “Sviluppo di un robot da cucina sostenibile con focus su materiali regionali ed economia circolare “. Per raggiungere questo obiettivo, il giovane ideatore ha attinto alla sua passione per il design eco-sociale, valutando l’intero ciclo di produzione del prodotto finale:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Per la mia tesi di master, mi sono chiesto come devono essere progettati prodotti e merci in modo che i loro effetti nocivi possano essere ridotti al minimo attraverso il consumo di risorse ed energia, ma anche attraverso il trasporto, i rifiuti e gli effetti di rimbalzo”, ha detto Immler. Il risultato di questo sforzo è un elettrodomestico da cucina chiamato Pino che proviene da materiali locali, riducendo al minimo la necessità di trasporto e fornendo posti di lavoro locali. Il dispositivo non necessita di elettricità grazie ad una manovella manuale. Pino è costruito per durare per evitare la necessità di frequenti sostituzioni. Inoltre, può svolgere più funzioni per sostituire la necessità di numerosi gadget da cucina diversi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il design stesso non è solo finalizzato alla sostenibilità, ma anche all’attrazione visiva con il suo esterno in legno naturale. Questi pezzi sono senza tempo ma comunque intercambiabili quando sei pronto per aggiornare il look. Per una maggiore durata, la base è in ghisa e i componenti interni sono in acciaio. Utilizzando una serie di marce disponibili, Pino può variare da 50-1000 giri al minuto per fornire più potenza. Ciò consente alla macchina e ai suoi accessori di macinare, mescolare, mescolare, spremere, raschiare, piallare, sbattere o grattugiare. Il link ad un video dimostrativo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

In questo secondo filmato, si dimostrano le capacità di potenza di uno strumento che sfrutta la forza moltiplicata dall’uso degli ingranaggi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.

Info sul prodotto: https://manuelimmlerdesign.de/portfolio/pino/