Stonehenge: reperti antichissimi trovati negli scavi di un tunnel sotterraneo – foto

foto embed: Wikipedia.org

Tombe dell’età del bronzo, ceramiche neolitiche e le vestigia di un misterioso recinto a forma di C che potrebbe essere stata un’area industriale preistorica sono tra i reperti portati alla luce dagli archeologi che hanno svolto i lavori preliminari sul sito del nuovo tunnel stradale proposto a Stonehenge:

Una delle due sepolture del periodo dei becher trovate vicino al sito del proposto tunnel stradale di Stonehenge. Fotografia: Archeologia del Wessex

Una delle scoperte più intriganti è un oggetto di scisto unico che avrebbe potuto far parte di uno staff o di un club trovato in una tomba di 4.000 anni. Nelle vicinanze si trova il punto di riposo di un bambino sepolto con un piccolo bicchiere. I fossati che fiancheggiano il recinto a forma di C contengono selce bruciata, suggerendo che un processo come la lavorazione del metallo o della pelle è stato eseguito lì migliaia di anni fa. Appena a sud del sito del centro visitatori di Stonehenge , gli archeologi si sono imbattuti in ceramiche neolitiche scanalate forse lasciate lì dalle persone che hanno costruito il cerchio di pietre o lo hanno visitato:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Un archeologo scava una nave dell’età del bronzo trovata durante i lavori preliminari sul tunnel A303 sotto Stonehenge. Fotografia: Archeologia del Wessex

“Abbiamo trovato molto: prove sulle persone che hanno vissuto in questo paesaggio per millenni, tracce della vita quotidiana e della morte delle persone, cose intime”, ha detto Matt Leivers, archeologo consulente A303 Stonehenge presso Wessex Archaeology . “Ogni dettaglio ci permette di capire cosa stava succedendo in quel paesaggio prima durante e dopo la costruzione di Stonehenge. Ogni pezzo porta quell’immagine un po ‘più a fuoco. ” Il piano per far cadere la A303, che passa vicino alle pietre, in un tunnel di due miglia è estremamente controverso , con molti esperti che hanno affermato che l’esecuzione di lavori di costruzione così intrusivi causerebbe danni disastrosi a uno dei paesaggi antichi più preziosi del mondo e portare alla perdita di centinaia di migliaia di manufatti. Alla fine dell’anno scorso è stata lanciata una sfida legale contro il piano da 1,7 miliardi di sterline. Highways England and Wessex Archaeology, che sta conducendo l’esplorazione del corridoio del tunnel, ha affermato di aver lavorato al progetto in modo sistematico e sensibile:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Durante questa fase preliminare, gli esperti del Wessex hanno scavato e setacciato a mano una vasta area. La prossima fase degli scavi archeologici inizierà entro la fine dell’anno 2021 e durerà circa 18 mesi e coinvolgerà fino a 150 archeologi. I lavori di costruzione del tunnel dovrebbero iniziare nel 2023. Vicino al previsto portale orientale del tunnel, gli archeologi hanno scoperto grandi quantità di debitage – materiale di scarto dalla fabbricazione di strumenti di selce – e fossati che potrebbero risalire all’età del ferro e potrebbero essere associati al campo di Vespasiano, una fortezza collinare a sud. Vicino all’estremità occidentale, sono state trovate due sepolture di persone di Beaker (cultura del vaso camoniforme), che arrivarono in Gran Bretagna intorno al 2.500 aC. Uno era un adulto, sepolto in posizione accovacciata con una pentola o un bicchiere. Nella tomba c’era anche un punteruolo di rame o un frammento di uno spillo o un ago e un piccolo oggetto cilindrico di scisto, di un tipo che non si crede sia stato trovato prima:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

“È una stranezza”, ha detto Leivers. Verrà svolto un lavoro più dettagliato per scoprire di cosa si tratta, ma una teoria è che potrebbe essere la punta di un bastone cerimoniale di legno o di una mazza. Nella stessa area è stata trovata anche una fossa risalente all’età del popolo Beaker contenente le minuscole ossa dell’orecchio di un bambino e un vaso molto semplice – segno che anche questa era una tomba. Di solito i vasi Beaker sono decorati ma questo è semplice, probabilmente per riflettere l’età della persona che è morta Un po ‘più a sud, è stato trovato il recinto a forma di C. “È uno strano schema di fossati“, ha detto Leivers. “È difficile dire cosa fosse, ma sappiamo quanti anni ha perché abbiamo trovato un vaso dell’età del bronzo quasi completo in uno dei fossati.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anche nei fossi c’era una grande quantità di selce bruciata. “Questo suggerisce che potrebbe aver avuto qualche funzione industriale”, ha detto Leivers. “Potrebbe essere lavorazione del metallo o della pelle, produzione di ceramiche, lavorazione del raccolto.”mUn altro ritrovamento è stato un gruppo di oggetti risalenti al tardo neolitico – quando fu costruito il cerchio di pietre – tra cui ceramiche scanalate, una selce e corna di cervo.Per il momento i reperti sono in deposito a Salisbury e alla fine saranno esposti nel museo della città. Il team accetta che tutti i progetti stradali abbiano un impatto sull’archeologia di un’area. Andy Crockett, direttore del progetto A303 per Wessex Archaeology , ha dichiarato: “Non esiste un’opzione che consentirebbe un impatto zero sui resti archeologici; questo è vero per ogni sviluppo a cui puoi pensare “. Ha detto che il compromesso era che la vista di auto e camion che si muovevano lungo la A303 vicino alle pietre sarebbe svanita e due metà del sito del patrimonio mondiale ora diviso dalla strada sarebbero state riunite. Highways England ha affermato che la quantità di lavoro di indagine che è stata eseguita non ha precedenti a causa dell’importanza del sito. David Bullock, responsabile del progetto A303 per Highways England, ha dichiarato: “È stata effettuata un’enorme quantità di indagini in modo che questo percorso possa essere attraversato in modo da disturbare il meno possibile”.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.