Il pesce castagnola diventa il primo animale ad addomesticare un’altra specie.

La civiltà umana non sarebbe dov’è oggi se non avessimo animali domestici. Ora i ricercatori australiani hanno scoperto quello che affermano essere il primo esempio di un animale che addomestica un altro animale , una specie di pesce che è stato scoperto per reclutare piccoli gamberetti per aiutare a prendersi cura dei loro allevamenti di alghe. Si ritiene che gli esseri umani abbiano prima addomesticato il lupo circa 15.000 anni fa per aiutarci a cacciare, e in seguito per compagnia. Nei successivi millenni, abbiamo aggiunto capre, maiali, pecore e bovini per cibo e materiali.

E quasi tutte le piante che mangiamo non hanno nulla a che fare con le loro controparti selvatiche originali, essendo state perfezionate nel corso di migliaia di anni nelle nostre mani per essere più grandi, più robuste, più gustose, più nutrienti o più facili da coltivare, raccogliere e mangiare. Fino ad ora, gli unici altri organismi noti per addomesticare gli altri sono stati gli insetti: ad esempio, le formiche coltivano afidi, proteggendole dai predatori in cambio della sostanza appiccicosa e dolce che espellono. Ma questo comportamento non è mai stato osservato prima in altre specie di vertebrati.

Fino ad ora. Durante una spedizione alle barriere coralline del Belize, un team guidato da ricercatori delle Università Griffith e Deakin ha scoperto che le castagnole dalle pinne lunghe sembrano aver addomesticato i gamberetti. Le castagnole sono note per coltivare alghe per il cibo e sembrano usare le feci dei gamberetti come fertilizzante per aiutare i loro raccolti. In cambio, i gamberi hanno un rifugio sicuro in cui vivere. I pesci spaventano i predatori che si avvicinano troppo. Gli scienziati hanno confermato la loro teoria attraverso una serie di test sul campo e di laboratorio. Hanno scoperto che i gamberetti sono effettivamente attratti dal profumo delle castagnole, mentre evitano attivamente l’odore dei predatori e non sembrano prestare attenzione ai pesci non di allevamento o all’allevamento di alghe stesso.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per verificare se il pesce protegge attivamente i gamberetti, i ricercatori hanno messo i mysids in un sacchetto trasparente e poi li hanno messi dentro o fuori un allevamento. Ovviamente fuori dagli allevamenti altri pesci cercavano di mangiare i gamberetti, ma all’interno degli allevamenti eventuali predatori che si avvicinavano troppo venivano scacciati dal pesce. Infine, il team ha testato i benefici che i gamberetti apportano al pesce. Hanno scoperto che la qualità delle alghe e la salute del pesce miglioravano quando i gamberetti erano vicini, rispetto agli allevamenti senza gamberetti.

Gli studi sul campo e gli esperimenti comportamentali che abbiamo condotto presso la stazione di ricerca di Carrie Bow Cay hanno fornito la prova che il rapporto tra castagnole e mysids è un esempio di addomesticamento, non diversamente dal modo in cui gli esseri umani tengono gli animali da fattoria. Questo è il primo caso registrato di un vertebrato non umano che addomestica un’altra specie e la prima prova sperimentale di un ipotetico percorso per l’evoluzione di questa domesticazione.” dice William Feeney, autore principale dello studio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: ecoinventos.com

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.

- Prosegue dopo la pubblicità -