Dieta chetogenica: riduzione notevole di zuccheri e carboidrati misura preventiva contro Covid secondo studio scientifico

“La nuova malattia da coronavirus (COVID-19) sta ponendo una seria sfida ai sistemi sanitari di tutto il mondo, con un enorme impatto sulle condizioni di salute e sulla perdita di vite umane. In particolare, l’obesità e le relative comorbidità sono strettamente correlate con i peggiori esiti clinici della malattia COVID-19. Recentemente, c’è un crescente interesse per l’uso clinico delle diete chetogeniche (KD), in particolare nel contesto di grave obesità con relative complicanze metaboliche” – comincia così il testo dell’astratto di uno studio pubblicato nel mese di novembre del 2020. Lo studio – intitolato “The dark side of the spoon – glucose, ketones and COVID-19: a possible role for ketogenic diet?” e pubblicato sul Journal of Translational Medicine, prosegue:

“I KD si sono dimostrati efficaci per una rapida riduzione della massa grassa, preservando la massa magra e fornendo uno stato nutrizionale adeguato. In particolare, l’aumento fisiologico dei livelli plasmatici dei corpi chetonici esercita importanti effetti antinfiammatori e immunomodulatori, che possono rivelarsi preziosi strumenti per prevenire infezioni e potenziali esiti avversi della malattia COVID-19. Discutiamo qui l’importanza dei KD per una rapida riduzione di diversi fattori di rischio critici per COVID-19, come l’obesità, il diabete di tipo 2 e l’ipertensione, sulla base dei noti effetti dei corpi chetonici su infiammazione, immunità, profilo metabolico e funzione cardiovascolare. Crediamo che una rapida riduzione di tutti i fattori di rischio modificabili, in particolare l’obesità con le sue complicanze metaboliche, dovrebbe essere un pilastro delle politiche e degli interventi di sanità pubblica, in vista delle future ondate di infezione da SARS-CoV-2” – si sottolinea nel testo dello studio che sottolinea come:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“In particolare, diete chetogeniche a bassissimo contenuto calorico (VLCKD), caratterizzate da una marcata restrizione dell’assunzione di carboidrati, solitamente inferiore a 30 g / giorno, con un relativo aumento delle proporzioni di grassi e proteine ​​e un apporto energetico giornaliero totale <800 kcal, rappresentano una strategia nutrizionale altamente efficace nei pazienti che necessitano di una rapida perdita di peso in un breve periodo, come gli individui con obesità da moderata a grave e fattori di rischio cardiovascolare associati, portando a un netto miglioramento della resistenza all’insulina, del glucosio e del controllo della pressione sanguigna” – è riportato nello studio scientifico nella cui conclusione si osserva che:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Esistono molteplici meccanismi attraverso i quali i corpi chetonici possono avere un impatto sulle infezioni virali gravi come la malattia COVID-19. Un recente articolo di revisione riassume esaurientemente questo concetto, proponendo la somministrazione di chetoni esogeni a pazienti critici al fine di mirare alle complicanze dei virus respiratori come possibile terapia. Riteniamo che l’aumento dei corpi chetonici endogeni indotto da KD potrebbe rappresentare una strategia più preziosa per prevenire l’infezione da Sars-Cov2 e gli esiti avversi nei pazienti obesi, in particolare nell’attuale contesto di un’emergenza pandemica prolungata. Infatti, la prevenzione e / o la correzione di tutte le condizioni di rischio associate alla grave malattia da COVID-19 (obesità, iperglicemia, elevata variabilità glicemica, insulino-resistenza, ipertensione) è obbligatoria, in considerazione di nuove ondate di infezioni, in assenza di terapie farmacologiche efficaci e la vaccinazione” – affermano gli autori dello studio, che concludono così:

“Ciò potrebbe essere ottenuto con una strategia nutrizionale mirata a indurre la perdita di massa grassa, a ridurre l’infiammazione cronica, la resistenza epatica e sistemica all’insulina e a migliorare lo stato nutrizionale, la salute cardiovascolare, la risposta immunitaria, l’omeostasi del glucosio e il controllo della pressione sanguigna. Infine, l’adozione di un regime KD ben strutturato e personalizzato potrebbe aiutare una progressiva educazione nutrizionale e riabilitazione nei pazienti obesi, fornendo uno strumento efficace per modificare il comportamento dello stile di vita, supportando un controllo a lungo termine del peso corporeo e favorendo una riduzione di tutti fattori di rischio associati per complicanze potenzialmente gravi legate all’infezione da Sars-Cov2. Studi multicentrici ben progettati sull’effettiva incidenza della grave malattia COVID-19 tra i pazienti obesi che hanno seguito o meno un protocollo strutturato di KD, potrebbero essere utili per confermare tale ipotesi. Durante questa difficile era pandemica, l’adozione di misure preventive sullo stile di vita è obbligatoria e dovrebbe essere attuata con attenzione” – concludono gli autori dello studio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: https://translational-medicine.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12967-020-02600-9

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.