Sonda NASA colpisce asteroide con braccio robotico, il video con le foto prima e dopo l’intervento

L’OSIRIS-REx della NASA

Il veicolo spaziale ha volato entro 3,7 km dall’asteroide, il più vicino possibile dall’evento di raccolta dei campioni Touch-and-Go, o TAG, il 20 ottobre 2020. Durante il TAG, la testa di campionamento della navicella è affondata di 1,6 piedi (48,8 centimetri) nella superficie dell’asteroide e contemporaneamente ha sparato una carica pressurizzata di azoto gassoso, agitando il materiale di superficie e guidando un po ‘nella camera di raccolta. I propulsori della navicella hanno anche lanciato rocce e polvere durante la manovra per invertire la rotta e allontanarsi in sicurezza dall’asteroide:

La porzione dell’asteroide Bennu prima del tocco della sonda NASA

Il confronto tra le due immagini rivela evidenti segni di disturbo superficiale. Nel punto di raccolta del campione, sembra esserci una depressione, con diversi grandi massi evidenti sul fondo, suggerendo che siano stati esposti tramite campionamento. C’è un notevole aumento della quantità di materiale altamente riflettente vicino al punto TAG sullo sfondo generalmente scuro della superficie e molte rocce sono state spostate. Dove i propulsori sparano contro la superficie, è evidente un movimento di massa sostanziale. Molteplici massi inferiori al metro sono stati mobilitati dai pennacchi in una forma ad anello del fuoco – simile agli anelli di massi visti intorno a piccoli crateri che bucano la superficie. Jason Dworkin, lo scienziato del progetto della missione presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, ha notato che un masso di 4 piedi (1,25 metri) sul bordo del sito di campionamento sembrava apparire solo nell’immagine post-TAG.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

La roccia probabilmente pesa circa una tonnellata, con una massa da qualche parte tra una mucca e un’auto.” Dante Lauretta, dell’Università dell’Arizona e investigatore principale della missione, ha successivamente sottolineato che questo masso è probabilmente uno di quelli presenti nell’immagine pre-TAG, ma molto più vicino al luogo di campionamento, e stima che sia stato lanciato a una distanza di 40 piedi (circa 12 metri) dall’evento di raccolta del campione. Per confrontare le immagini prima e dopo, il team ha dovuto pianificare meticolosamente questo passaggio finale. “Bennu è ruvido e roccioso, quindi se lo guardi da un’angolazione diversa o lo catturi in un momento in cui il sole non è direttamente sopra la testa, cambia drasticamente l’aspetto della superficie”, afferma Dathon Golish, un membro dell’OSIRIS -Gruppo di lavoro sull’elaborazione delle immagini REx, con sede presso l’Università dell’Arizona. “Queste immagini sono state scattate deliberatamente verso mezzogiorno, con il sole che splende verso il basso, quando non ci sono tante ombre”. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Queste osservazioni non erano nel piano di missione originale, quindi eravamo entusiasti di tornare indietro e documentare quello che abbiamo fatto”, ha detto Golish. “La squadra si è davvero unita per questo ultimo evviva”. La navicella rimarrà nelle vicinanze di Bennu fino alla partenza il 10 maggio, quando la missione inizierà la sua crociera di ritorno di due anni sulla Terra.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mentre si avvicina alla Terra, la sonda lancerà la Sample Return Capsule (SRC) che contiene il campione di Bennu. L’SRC viaggerà quindi attraverso l’atmosfera terrestre e atterrerà sotto i paracadute allo Utah Test and Training Range il 24 settembre 2023. Una volta recuperata, la capsula verrà trasportata alla struttura di cura presso il Johnson Space Center della NASA a Houston, dove il campione verrà rimosso per la distribuzione ai laboratori di tutto il mondo, consentendo agli scienziati di studiare la formazione del nostro sistema solare e della Terra come pianeta abitabile. La NASA metterà da parte il 75% del campione affinché le generazioni future possano studiare con tecnologie non ancora inventate. La missione OSIRIS-REx è la prima missione della NASA a visitare un asteroide vicino alla Terra, sondare la superficie e raccogliere un campione da consegnare alla Terra. Un fotogramma dopo l’intervento di OSIRIS-REx:

- Prosegue dopo la pubblicità -
La porzione dell’asteroide Bennu dopo l’intervento della sonda NASA

Il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, fornisce la gestione generale della missione, l’ingegneria dei sistemi e la sicurezza e la garanzia della missione per OSIRIS-REx. Dante Lauretta dell’Università dell’Arizona, Tucson, è il ricercatore principale e l’Università dell’Arizona è anche a capo del team scientifico e della pianificazione dell’osservazione scientifica e dell’elaborazione dei dati della missione. Lockheed Martin Space a Denver ha costruito il veicolo spaziale e fornisce operazioni di volo. Goddard e KinetX Aerospace sono responsabili della navigazione del veicolo spaziale OSIRIS-REx. OSIRIS-REx è la terza missione del New Frontiers Program della NASA, che è gestito dal Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, Alabama, per il Science Mission Directorate dell’agenzia a Washington, DC. Per ulteriori informazioni su OSIRIS-REx, visitare: https://www.nasa.gov/osiris-rex

Fonte: https://www.nasa.gov/feature/goddard/2021/nasas-osiris-rex-leaves-its-mark-on-asteroid-bennu

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.