Angeli di mare: affascinanti abitanti degli abissi – i video

I cosiddetti angeli di mareclade Gymnosomata ) sono un grande gruppo di piccolissime lumache di mare che nuotano , da non confondere con gli Cnidari (meduse e altre creature simili), classificati in sei diverse famiglie. Sono pelagici opistobranchi nel clade gymnosomata all’interno del più grande mollusco clade heterobranchia. Gli angeli marini erano precedentemente indicati come un tipo di pteropode:

https://images6.alphacoders.com

Gli angeli marini sono talvolta noti anche come “cliones”, ma questo è potenzialmente fuorviante perché la famiglia Clionidae è solo una delle famiglie all’interno di questo clade. Dati molecolari recenti suggeriscono che i Gimnosomi formano un gruppo gemello dei Thecosomata (altri gasteropodi planctonici, debolmente o non mineralizzati), ma questa ipotesi di vecchia data ha avuto anche alcuni detrattori recenti. I fossili del gruppo risalgono alla fase del Frasnio medio del periodo tardo devoniano.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Clione limacina

In questo clade , il piede del gasteropode si è sviluppato in appendici svolazzanti simili ad ali (parapodi) e le loro conchiglie sono andate perdute. Entrambi gli adattamenti si adattano alle loro vite oceaniche di nuoto libero. Gli adattamenti spiegano anche il nome comune di angelo marino e il nome scientifico dell’ordine; dal greco gymnos che significa “nudo” e soma che significa “corpo”. L’altro sottordine di pteropodi, Thecosomata , è superficialmente simile agli angeli marini, ma non sono strettamente correlati. Hanno parapodi più grandi e più larghi e la maggior parte di quella specie conserva una conchiglia; sono comunemente conosciute come farfalle di mare:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli angeli marini sono gelatinosi, per lo più trasparenti e molto piccoli, con la specie più grande ( Clione limacina ) che raggiunge i 5 cm. C. limacina è una specie polare; quelli che si trovano nelle acque più calde sono molto più piccoli. Alcune specie di angeli marini si nutrono esclusivamente di farfalle marine; gli angeli hanno bocche terminali con la radula comune ai molluschi, e tentacoli per afferrare la preda, talvolta con ventose simili a cefalopodi . Remando le loro “ali” avanti e indietro a 1–3 Hz, gli angeli del mare nuotano a velocità fino a 100 mm / s (0,22 mph). Questo è circa il doppio più veloce della loro preda, la farfalla di mare. Non è ancora chiaro se l’angelo marino utilizzi le sue appendici nuotatrici come “pagaie da canottaggio” o come “ali”. 

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un’altra grande specie polare di angelo marino, Clione antartide , si difende dai predatori sintetizzando una molecola precedentemente sconosciuta, lo pteroenone. A causa di questa secrezione, i predatori non mangeranno l’angelo del mare e una specie di anfipode ha approfittato di questo tratto; l’anfipode catturerà un individuo di C. antarctica fuori dalla colonna d’acqua e lo porterà in giro per proteggerlo. La densità di popolazione locale di C. antarctica può raggiungere livelli straordinari; sono stati registrati fino a 300 animali per metro cubo. Gli animali sono ermafroditi simultanei e la fecondazione avviene internamente. Una massa di uova gelatinose viene rilasciata durante la deposizione delle uova e le uova galleggiano liberamente fino alla schiusa. I loro gusci embrionali vengono persi nei primi giorni dopo la schiusa. A tal proposito, riportiamo qui sotto due link a video diffusi su YouTube che mostrano queste affascinanti creature nel loro habitat naturale:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.