Milioni di rifiuti cancerogeni in mare: ecco che fine ha fatto il DDT, scaricato nell’oceano negli anni ’40, oggi avvelena pesci e mammiferi

Lo scienziato dell’Università della California David Valentine ha fatto una scoperta scioccante a 3.000 piedi sotto la superficie dell’oceano a sole dieci miglia dalla costa di Los Angeles:

“innumerevoli” barili di rifiuti tossici, cuciti con DDT, come riporta la CBS. Il DDT è un composto inodore originariamente sviluppato come insetticida durante la seconda guerra mondiale. Negli anni ’60, si scoprì che il composto era altamente tossico sia per gli esseri umani che per gli animali, con l’Environmental Protection Agency che lo ha etichettato come “probabile cancerogeno per l’uomo“. I barili appena scoperti erano rimasti nascosti lì dagli anni ’40. Inoltre, non sappiamo ancora quanto sarà di portata il danno ambientale. Uno studio recente ha rilevato che un leoni marini adulti su quattro nella regione aveva sviluppato il cancro:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Con l’aiuto di un sottomarino robotico autonomo, Valentine si è imbattuto nei barili tra Long Beach e Catalina Island. Non è ancora chiaro quanti ce ne siano, ma alcuni conti stimano che ce ne siano fino a mezzo milione di barili, secondo la CBS. La sede non è lontana dalla Montrose Chemical Corporation, un tempo il più grande produttore di DDT del paese. La maggior parte dei rifiuti pericolosi dell’azienda è stata convogliata attraverso i tombini e il sistema fognario. Ma la maggior parte è stata anche smaltita in barili e successivamente scaricata da dieci a 15 miglia al largo. Non stavano agendo illegalmente, poiché la convinzione prevalente all’epoca era che l’oceano sarebbe stato in grado di diluire il DDT. Secondo Valentine, tuttavia, alcuni barili sono stati tagliati per consentire loro di affondare, provocando la fuoriuscita di abbondanti quantità di DDT velenoso. Il DDT è stato anche precedentemente scaricato in acque molto più basse, causando danni alla vita marina nelle vicinanze. Le squadre di ripristino stanno ora cercando di scongiurare il pericolo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ad esempio, gli ambientalisti stanno costruendo barriere artificiali per attirare i pesci lontano dalle acque contaminate e verso aree incontaminate per costruire popolazioni ittiche sane. Il pensiero è semplice: meno pesci nelle vicinanze del DDT, meno entreranno nella catena alimentare. Ciò potrebbe anche avere un effetto a catena, garantendo la salute di chiunque faccia affidamento sul pesce come fonte di cibo. È una triste storia del nostro passato che viene a perseguitarci. Solo grazie al duro lavoro di artisti del calibro di Valentine il pubblico è stato reso consapevole dell’orrore ambientale, forse rimediando ad alcuni dei danni causati decenni fa. Fenomeni come questi fanno molto riflettere e sottolineano l’importanza di produrre dei prodotti casalinghi più ecosotenibili e più rispettosi per l’ambiente (e quindi, anche per la nostra salute). A tal proposito, riportiamo qui sotto i link ad alcuni video diffusi su YouTube che affrontano l’argomento:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.