Giornata mondiale delle api: ecco come aiutare uno degli animali più importati nella fase dell’impollinazione

Quest’anno l’annuale Giornata mondiale delle api sarà celebrata per la quarta volta. Puoi optare per soluzioni semplici per il tuo balcone o per casa che contribuiranno ai loro sforzi. L’ape è un simbolo di abbondanza, intelligenza e diligenza. Impollina le piante che sono una fonte, direttamente o indirettamente, della maggior parte della dieta umana e di molti materiali naturali che utilizziamo. I preziosi insetti sono insostituibili nel mantenimento della biodiversità e, con essa, del naturale equilibrio. È necessario per la vita sul pianeta come la conosciamo per proteggerli dai rischi sempre crescenti della civiltà. Sotto gli auspici delle Nazioni Unite, dal 2018 il 20 maggio è la Giornata mondiale delle api. In onore di un pioniere dell’apicoltura moderna Anton Janša, uno sloveno, è stato scelto come data il suo compleanno nel 1734. Esistono diverse migliaia di specie di api. Le api selvatiche sono importanti per l’impollinazione quanto i loro parenti dagli alveari. Meritano tutti che restituiamo un po ‘il favore. La Giornata mondiale delle api aiuta gli impollinatori più importanti.

Le api non si nutrono di tutti i fiori. Se vuoi aiutarle, ci sono ottimi candidati per il davanzale e il balcone tra le erbe aromatiche che usiamo spesso: salvia, lavanda, timo, basilico e melissa. Gli appassionati di fiori possono optare per calendula o primula. Se c’è più spazio disponibile, la forsizia è una buona scelta. L’arbusto ornamentale fiorisce già a marzo, quando con il bel tempo le api escono dal nido per la prima volta in cerca di cibo. Il reciproco vantaggio può essere ottenuto anche rinverdendo il tetto, ad esempio le superfici piane, con piante mellifere. Esistono persino pacchetti speciali con semi che possono essere acquistati e l’effetto migliore si ottiene mescolando specie che fioriscono in diversi periodi dell’anno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le api che tornano dal foraggio sono solitamente così piene che non possono piegare l’addome, quindi non possono pungere. Se stai pensando di piantare alberi, alle api piacciono i frutti, soprattutto prugne, ciliegie, mele e castagne. Si nutrono anche di fiori di robinia, castagne dolci, ippocastani, sambuco, tiglio o tiglio, lillà, paulonia, acero e betulla. Le api hanno bisogno di tarassaco, margherita, trifoglio e altre piante, quindi contribuirai ai loro sforzi se non falci l’intero prato in una volta. Sono molto occupate con il loro lavoro, quindi non c’è da preoccuparsi che attaccheranno qualcuno se non vengono disturbati.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Attenzione agli insetticidi!
Nel caso in cui uno sciame di api invade una parte di una casa o una struttura accessoria, non si deve usare insetticida, ma chiamare gli apicoltori. Lo sposteranno in un alveare e tutti saranno vincitori! Gli insetticidi sono estremamente pericolosi per le api, soprattutto se non vengono utilizzati correttamente. I neonicotinoidi hanno la peggiore reputazione. Alcuni di essi sono vietati nell’Unione Europea e in altre parti del mondo, ma non completamente, e ci sono eccezioni per il loro utilizzo. Gli apicoltori consigliano di irrorare frutteti e giardini con prodotti chimici solo al tramonto o di notte, quando i fiori chiudono i petali. Assicurati di controllare l’effetto della sostanza quando scegli un prodotto per il tuo giardino o frutteto e considera la possibilità di ottenere alcune delle soluzioni naturali disponibili.  Per lo stesso motivo, è benefico per le api e allo stesso tempo salutare acquistare cibo biologico dai coltivatori locali.

Architettura delle api
Le api assetate saranno felici di vedere una fonte d’acqua, se possibile all’ombra. La versione migliore sono i piatti bassi con ciottoli o altri oggetti su cui possono atterrare quando vogliono bere. Molte specie nidificano sottoterra, mentre altre usano erba folta, cavità degli alberi, canne secche e bambù. Per le api solitarie, quelle che vivono sole o in piccole colonie, si possono mettere delle cannucce di canna più spesse in una cassetta aperta su un lato e posizionarle in alto in una posizione non esposta al vento. Un’altra soluzione è un blocco di legno con fori praticati al suo interno. Le api che vivono in comunità più grandi, saranno più a loro agio in un pezzo cavo di un tronco d’albero o un grande ramo se la sua parte superiore e inferiore sono sigillate e ha un’entrata stretta, lunga diversi centimetri, secondo gli apicoltori.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: balkangreenenergynews.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.