Lo spessore della stratosfera si è già ridotto di 400 metri secondo un nuovo studio scientifico, le possibili cause

La Terra vista dallo spazio (foto: NASA – Jeff Williams)

Il nostro mondo è avvolto da complessi strati di gas che compongono l’atmosfera. Proteggono e nutrono tutta la vita come la conosciamo. Ora, stiamo riducendo uno intero di quegli strati – la stratosfera – a causa dei profondi impatti che stiamo procurando al nostro pianeta:

elephango.com

Un nuovo allarmante studio ha scoperto che lo spessore della stratosfera si è già ridotto di 400 metri (1.312 piedi) dal 1980. Anche se in precedenza sono state segnalate diminuzioni locali dello spessore della stratosfera, questo è il primo esame di questo fenomeno su scala globale. È scioccante“, ha detto a Damian Carrington al Guardian uno del team di ricerca, il fisico della Terra dell’Università di Vigo Juan Añel . “Questo dimostra che stiamo interferendo con l’atmosfera fino a 60 chilometri“. Avvolgendo il cielo da circa 20 a 60 chilometri (da 12 a 37 miglia) sopra di noi, la stratosfera ricopre lo strato atmosferico che stiamo respirando (la troposfera). Poche nuvole si avventurano così in alto e solo occasionalmente uccelli. Contiene l’importantissimo strato di ozono, su cui abbiamo già devastato le nostre emissioni di CFC.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mentre gli sforzi globali collettivi sono riusciti ad arginare l’esaurimento dell’ozono, che ha causato un buco nello strato di ozono sopra l’Antartide, le nostre emissioni di gas serra hanno alterato l’intera stratosfera. Il fisico atmosferico della Charl’s University Petr Pisoft e colleghi hanno utilizzato osservazioni satellitari sin dagli anni ’80 combinate con modelli climatici per determinare che l’aumento della CO 2 , piuttosto che la riduzione dell’ozono precedentemente sospettata, sta causando la contrazione della stratosfera. [Noi] dimostriamo che la contrazione stratosferica non è solo una risposta al raffreddamento, poiché contribuiscono i cambiamenti sia nella tropopausa che nella pressione stratopausa”ha scritto il team nel suo articolo. Il riscaldamento indotto dai gas serra nella troposfera sta causando l’espansione e schiacciamento della stratosfera sopra di essa, spiegano. Inoltre, l’aggiunta di CO 2 nella stratosfera stessa sta facendo raffreddare la sua combinazione di gas e avvicinarsi l’uno all’altro (l’effetto opposto che hanno sulla troposfera), restringendo l’intero strato. “In un plausibile scenario di cambiamento climatico, la stratosfera del nostro pianeta potrebbe perdere il 4 per cento della sua estensione verticale (1,3 km [0,8 mi]) dal 1980 al 2080, ha detto Anel all’Agenzia Anadolu.

- Prosegue dopo la pubblicità -
eenewseurope.com

L’ozono e l’ossigeno molecolare nella stratosfera assorbono la maggior parte della radiazione ultravioletta del Sole, proteggendoci dalla luce solare più dannosa – lunghezze d’onda inferiori a ~ 300 nm. Qui, la temperatura dell’aria aumenta con l’altitudine (l’opposto della troposfera sottostante), il che mantiene stabile questo strato di gas. Quindi gli aerei possono ritirarsi qui quando il tempo diventa brutto al di sotto, ma questa stabilità significa anche che qualsiasi sostanza chimica che raggiunge la stratosfera tende a indugiare. Se i cambiamenti previsti si realizzeranno, la loro scala diventerà abbastanza grande da influenzare potenzialmente i satelliti, il GPS e le comunicazioni radio, hanno avvertito Pisoft e il team.

Potrebbe anche cambiare le distribuzioni dell’altitudine delle molecole assorbenti ed emittenti e quindi alterare il modo in cui la stratosfera assorbe la radiazione e la sua dinamica complessiva, ma c’è ancora molto da capire prima di poter capire se e come si verificherebbero questi impatti. Questa è solo l’ultima scoperta degli incredibili impatti a livello globale che la crisi climatica ha sul nostro mondo. Un’altra recente scoperta ha mostrato che la ridistribuzione del peso dovuta allo scioglimento dei ghiacciai ha spostato l’asse terrestre . “È straordinario che stiamo ancora scoprendo nuovi aspetti del cambiamento climatico dopo decenni di ricerca“, ha detto al Guardian lo scienziato atmosferico dell’Università di Reading Paul Williams, che non è stato coinvolto nello studio.“Mi chiedo quali altri cambiamenti le nostre emissioni stiano infliggendo all’atmosfera che non abbiamo ancora scoperto”. Questa ricerca è stata pubblicata in Environmental Research Letters.

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.