Il pesce preistorico con 8 pinne creduto estinto è vivo e vegeto e continua a moltiplicarsi nell’Oceano

amazonaws.com

Diversi cacciatori di squali si sono imbattuti in una popolazione precedentemente sconosciuta di celacanti, un “pesce fossile” di 420 milioni di anni che un tempo si pensava fosse estinto ma che fu in seguito scoperto vivo e vegeto:

trtworld.com

La scoperta è stata fatta nella parte sud-occidentale del Madagascar nell’Oceano Indiano. La straordinaria scoperta, delineata per la prima volta da Mongabay News, deriva dal risultato che i cacciatori di squali stavano usando reti da posta per cercare gli squali, solo per scoprire il pesce antico. I celacanti hanno quattro pinne che agiscono come arti e una volta avevano il soprannome di “Old Fourlegs”. Hanno otto pinne in totale:

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://i.dailymail.co.uk/

De pinne dorsali, due pinne pettorali, due pelviche, una anale e una caudale. Un recente studio pubblicato sul South African Journal of Science rileva che la pesca con reti da imbrocco, che ha raggiunto la maggiore età quando la caccia agli squali è aumentata negli anni ’80, può avere un grave impatto sulla popolazione di celacanti rimanenti. “L’avvento delle reti da imbrocco, o jarifa, per la cattura degli squali, spinta dalla domanda di pinne di squalo e petrolio dalla Cina tra la metà e la fine degli anni ’80, ha provocato un’esplosione di catture di celacanto in Madagascar e in altri paesi occidentali Oceano Indiano “, hanno scritto i ricercatori nell’abstract dello studio.  Queste reti avanzate possono raggiungere le profondità dove nuotano e si radunano i celacanti, tra 100 e 300 m.L’autore principale dello studio, l’amministratore delegato di RESOLVE sarl Andrew Cooke, ha dichiarato a Mongabay News che è possibile che più di 100 esemplari di celacanto siano stati catturati al largo delle coste del Madagascar negli ultimi decenni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Quando abbiamo esaminato ulteriormente questo aspetto, siamo rimasti sbalorditi [dai numeri catturati] … anche se in Madagascar non è stato avviato alcun processo proattivo per monitorare o conservare i celacanti”, ha detto Cooke. Secondo un elenco di settembre 2020 di RESOLVE, sono stati raccolti almeno 34 esemplari tra il 1987 e il 2019. Nello studio, Cooke e altri esperti ritengono che il Madagascar sia l ‘”epicentro” della distribuzione del celacanto. “La presenza di popolazioni del celacanto dell’Oceano Indiano occidentale (Latimeria chalumnae) in Madagascar non è sorprendente considerando la vasta gamma di habitat che l’antica isola offre”, hanno scritto nello studio. I ricercatori hanno poi aggiunto: “La scoperta di una consistente popolazione di celacanti attraverso la pesca a mano sui ripidi pendii vulcanici dell’arcipelago delle Comore ha inizialmente fornito un’importante fonte di esemplari museali ed è stata l’obiettivo principale della ricerca sui celacanti per quasi 40 anni”. Pertanto, gli esperti fanno notare che le loro scoperte sottolineano “l’importanza del canyon marino di Onilahy nel sud-ovest del Madagascar come habitat particolarmente importante e fornisce la base per lo sviluppo di un programma nazionale di ricerca e conservazione”. Tuttavia, Tony Ribbink, ex capo dell’African Coelacanth Ecosystem Program (ACEP), ha affermato che non è del tutto chiaro che il Madagascar svolga un ruolo così vitale per la popolazione di celacanto. “Sarebbe estremamente prezioso se considerassero anche un’ipotesi concorrente che il gran numero di canyon, molti dei quali molto grandi, profondi ed estesi, corrono lungo la costa settentrionale del Mozambico da dove terminano le sponde di Sofala verso nord fino alla parte meridionale della Tanzania (appena a sud di Mtwara) offrono la più vasta area di habitat adatto per i celacanti “, ha detto Ribbink in un’intervista a Mongabay.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Questa area continentale inesplorata potrebbe essere l’epicentro della distribuzione dei celacanto. Tuttavia, quest’area non è stata studiata e, fino a quando non sarà eliminata come ipotesi plausibile in competizione, il lavoro degli autori rimarrà ipotetico ”. Inizialmente si pensava che i celacanti fossero estinti fino al 1938, quando fu riscoperto al largo della costa sudafricana. Possono raggiungere fino a 200 libbre di massa e vivere per 48 anni secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration e sono noti per il loro aspetto bizzarro. Il pesce ossuto può raggiungere fino a 6,5 ​​piedi di lunghezza e avere squame maculate in tutto il corpo. Conosciuto scientificamente come Latimeria chalumnae , il celacanto è elencato sotto il segmento distinto della popolazione della Tanzania (DPS) e è considerato minacciato ai sensi dell’Endangered Species Act. Vuoi vedere il celacanto vivo e vegeto nel suo habitat naturale? Ecco alcuni link a video diffusi sul web che documentano la presenza di questo animale di origini presitoriche nei fondali dell’Oceano:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonti:

https://sajs.co.za/article/view/8541

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ghost fish: after 420 million years in the deeps, modern gillnets from shark fin trade drag coelacanths into the light

https://news.mongabay.com/2021/05/ghost-fish-after-420-million-years-in-the-deeps-modern-gillnets-from-shark-fin-trade-drag-coelacanths-into-the-light/

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.