I cuccioli nascono già predisposti per socializzare con gli umani, lo confermano i ricercatori

Essere pronti a interagire con le persone è qualcosa con cui nascono i cuccioli, una nuova ricerca mostra: fino al 40 percento della capacità di un cane giovane di comunicare con noi è genetica, anche prima che abbia avuto luogo qualsiasi addestramento o legame:

In altre parole, la cordialità per cui sono noti i giovani cuccioli è in parte innata, anche se alcuni iniziano meglio di altri, in base ai loro geni. Il team dietro i risultati afferma che la loro scoperta potrebbe aiutare a migliorare l’addestramento dei cani guida in futuro. Lo studio ha coinvolto 375 cuccioli con un’età media di 8,5 settimane. Ai cani è stato chiesto di completare una serie di compiti standardizzati progettati per misurare la loro reattività all’interazione umana e la loro volontà di cooperare. “Questi sono numeri piuttosto alti, molto simili alle stime dell’ereditarietà dell’intelligenza nella nostra specie“, afferma la psicologa animale Emily Bray , dell’Università dell’Arizona, a Tucson. “Tutti questi risultati suggeriscono che i cani sono biologicamente preparati per la comunicazione con gli umani”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Bray e i suoi colleghi hanno trascorso un decennio a lavorare con i cani presso l’organizzazione di cani guida Canine Companions negli Stati Uniti, che dà loro accesso a molti cuccioli insieme alla loro storia di allevamento e al pedigree. Utilizzando i dati delle osservazioni raccolte tra il 2017 e la metà del 2020, il team ha costruito un modello statistico confrontando i fattori genetici con quelli ambientali nei cani che hanno testato, controllando la razza, il sesso, l’età e il luogo di allevamento. I cuccioli erano più reattivi quando un conduttore guardava o indicava un contenitore che nascondeva del cibo, sebbene i cani seguissero gli ordini solo quando lo sguardo o il gesto erano preceduti da un segnale sociale (il conduttore che parlava con il cane). In un altro test, i cuccioli hanno dimostrato di essere desiderosi di guardare un conduttore mentre la persona parlava e di farsi avanti per un animale domestico. Tuttavia, in un esperimento con un contenitore sigillato contenente cibo, i cani hanno guardato meno ai loro compagni umani, suggerendo che sebbene fossero bravi a rispondere ai nostri segnali, la loro capacità di comunicare in natura arriva più tardi nel loro sviluppo. “Mostriamo che i cuccioli ricambieranno lo sguardo sociale umano e utilizzeranno con successo le informazioni fornite da un essere umano in un contesto sociale fin dalla tenera età e prima di una vasta esperienza con gli umani“, afferma Bray.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Ad esempio, anche prima che i cuccioli abbiano lasciato i loro compagni di cucciolata per vivere uno contro uno con i loro allevatori volontari, la maggior parte di loro è stata in grado di trovare cibo nascosto seguendo un punto umano nel luogo indicato”. In realtà c’è una crescente quantità di prove che i cani molto giovani condividano la stessa volontà di cooperare e comunicare come fanno i bambini umani, anche se gli scienziati devono ancora stabilire le influenze genetiche che potrebbero essere alla base di questo comportamento. Successivamente, i ricercatori vogliono cercare geni specifici che influenzano la socialità nei cuccioli, il che richiederà uno studio di associazione a livello di genoma, il coinvolgimento di più tipi di cani e il seguire questi canini nel tempo piuttosto che analizzare il loro comportamento in un unico punto. nel loro sviluppo.

Oltre ad aiutare nell’addestramento dei cani, le scoperte future potrebbero essere istruttive nel tracciare l’evoluzione e l’addomesticamento dei cani, esattamente quando hanno iniziato a mostrare questi comportamenti quando sono diventati i migliori amici di un essere umano. “Fin dalla giovane età, i cani mostrano abilità sociali simili a quelle umane, che hanno una forte componente genetica, il che significa che queste abilità hanno un forte potenziale per subire la selezione”, afferma Bray . “Le nostre scoperte potrebbero quindi indicare un pezzo importante della storia dell’addomesticamento, in quanto animali con una propensione alla comunicazione con la nostra stessa specie potrebbero essere stati selezionati nelle popolazioni di lupi che hanno dato origine ai cani”. La ricerca è stata pubblicata su Current Biology .

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.