Norvegia: scoperto un leggendario villaggio vichingo grazie allo scioglimento del ghiaccio

Proseguono le emozionanti scoperte ad opera dl gruppo di ricercatori riunitosi per formare il team di “Secret of the Ice”. “Il perduto passo di montagna vichingo che si è sciolto dalla banchisa di Lendbreen è stata una scoperta fantastica e sconcertante. La scoperta ha fatto notizia in tutto il mondo, ma ha anche sollevato interrogativi. Chi erano i viaggiatori che attraversavano questo passo di alta montagna e dove stavano andando? Per ottenere una risposta, ci siamo resi conto che avremmo dovuto seguire le orme dei Vichinghi:  seguire il sentiero di Lendbeen e vedere dove ci avrebbe portato. Così abbiamo fatto proprio questo e il sentiero ci ha portato a una scoperta incredibile: un insediamento vichingo perduto!” – rendono noto i ricercatori. Qui sotto, la versione tradotta della loro scoperta:

Il passo di montagna perduto

“Il passo di montagna perduto a Lendbreen è la più grande scoperta del programma Secrets of the Ice. Abbiamo trovato resti di slitte, animali morti, vestiti, oggetti per la casa e altri reperti strabilianti che si sciolgono dal ghiaccio nel passo. Le date al radiocarbonio dei reperti ci dicono che i viaggiatori usavano il sentiero attraverso il passo più intensamente circa 1000 anni fa, durante l’era vichinga (leggi di più qui (Secrets of the Ice) e qui (National Geographic))”.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Un membro del tema I segreti del ghiaccio con in mano un teschio di cavallo.
Elling Utvik Wammer con in mano il teschio di uno sfortunato cavallo da soma che non è riuscito a superare il ghiaccio di Lendbreen (foto: Espen Finstad, secretsoftheice.com).

Dove portava il sentiero dal passo di Lendbreen?

“La scoperta del sentiero che attraversa la banchisa di Lendbreen è stata per noi una sorpresa. Non c’erano registrazioni del passaggio nella storia locale. Questo ha immediatamente sollevato nuove domande. Chi erano le persone che attraversavano il passo e dove erano diretti? Erano persone del posto che viaggiavano da e verso le loro fattorie e pascoli estivi, o viaggiatori a lunga distanza che andavano a ovest verso i fiordi?

- Prosegue dopo la pubblicità -
Un tumulo di Karge nella nebbia.
Un grande tumulo al passo di Lendbreen, che mostra la strada verso ovest (Foto: Johan Wildhagen/Palookaville).

“C’era solo un modo per scoprirlo: abbiamo seguito il sentiero di Lendbreen a ovest del passo per vedere dove si dirigeva. Il sentiero è iniziato scendendo sul lato sud del passo di Lendbreen. Cairns e altri lapidi segnavano chiaramente questa sezione. Questo era particolarmente vero per i passaggi difficili. Seguendo gli ometti, siamo scesi in sicurezza dal ripido fianco della montagna anche senza conoscere in anticipo il percorso. Abbiamo avuto la sensazione di camminare sulle orme dei viaggiatori precedenti senza una previa conoscenza del sentiero. Gli ometti e le pietre ci hanno aiutato nello stesso modo in cui hanno aiutato i nostri compagni di viaggio vichinghi mille anni fa”.

Le numerose tracce che portano dal passo di Lendbreen all'insediamento perduto dei vichinghi
Reidar Marstein dai binari che portano al passo Lendbreen. Controlla i numerosi segni di traccia. Il passaggio è contrassegnato da una freccia (Foto: Espen Finstad, secretsoftheice.com)

“Abbiamo seguito il sentiero in una valle e più a ovest. Man mano che ci avvicinavamo agli agriturismi di Neto, i segnali del traffico intenso si facevano sempre più evidenti. Le persone e i loro animali avevano lasciato tracce rivelatrici: molti percorsi paralleli scavati nel terreno. Poi il sentiero ha iniziato a scendere verso i masi estivi di Neto. Divenne difficile da seguire, poiché il ginepro ricopriva l’area. Con nostra sorpresa, tuttavia, una volta scesi un po’, il sentiero si dirigeva verso ovest nel pendio sopra i masi estivi. Ci aspettavamo che scendesse alle fattorie estive. Cosa stava succedendo?”

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’antica leggenda di Neto e la scoperta

“Curiosamente, c’è un’antica leggenda su Neto, notata per la prima volta nel XVIII secolo. La leggenda narra che a Neto vi fosse stato un antico insediamento, più antico dei masi estivi che oggi vi si trovano. Queste fattorie estive risalgono solo al XVII secolo. La leggenda potrebbe essere vera? Questo antico insediamento potrebbe in qualche modo essere collegato al sentiero di Lendbreen? In quel caso, dove erano le rovine della casa? Il nostro membro del team locale, l’archeologo per hobby Reidar Marstein di Lom, ha fatto il salto di qualità. Ha cercato tra i fitti cespugli di ginepro nella collina sopra le fattorie estive di Neto e ha trovato una serie di potenziali rovine di case, a circa 1000 m sul livello del mare. Queste rovine di case si trovano lungo il sentiero Lendbreen per una distanza di 500 metri”.

- Prosegue dopo la pubblicità -
La posizione dell'insediamento vichingo.
Le rovine della casa (puntini rossi) nella collina sopra l’agriturismo Neto s . Il sentiero di Lendbreen in giallo .

“Qui in Norvegia, le rovine di case di montagna dell’età del ferro, dell’età vichinga e del periodo medievale possono essere difficili da trovare solo usando i tuoi occhi. Le case sono state costruite in legno che è marcito molto tempo fa. A volte, tutto ciò che resta da vedere sono le linee indistinte dei muri, come file di pietre ricoperte di vegetazione o bassi argini. Con i fitti cespugli di ginepro che ricoprivano l’area, era difficile essere sicuri se tutte le scoperte di Reidar fossero rovine di case”.

Le rovine della casa sono ricoperte di ginepro.
Elling Utvik Wammer tra i cespugli di ginepro prima che iniziasse la radura (Foto: Espen Finstad, secretsoftheice.com) .

Cancellare il ginepro

“L’estate scorsa abbiamo iniziato il lavoro sul campo nell’area delle rovine della casa sopra Neto. Abbiamo iniziato a perlustrare l’area come meglio potevamo, visto il fitto ginepro. Ciò ha provocato un totale di 21 possibili rovine di case”.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Cancellare le rovine.
Reidar Marstein (a sinistra) ed Elling Utvik Wammer stanno tagliando e ripulendo il ginepro (foto: Espen Finstad, secretsoftheice.com) .

“Il passo successivo è stato quello di ripulire quattro delle rovine della casa dal ginepro per avere un’idea della loro disposizione. I ruderi esposti della casa davano subito un’impressione di grande età. Le loro pareti esterne erano visibili come bassi terrapieni e piccoli test con una trivella al centro delle rovine hanno rivelato carbone nel terreno, forse dai focolari”.

Scavo di prova in una delle rovine.
Espen Finstad (a sinistra) e Kathrine Stene durante uno scavo di prova in una delle rovine.

Gli scavi di prova

“Il passo successivo è stato quello di intraprendere piccoli scavi di prova all’interno delle case. Questi scavi di prova hanno confermato che gli argini erano effettivamente linee di muro provenienti da rovine di case. Il carbone che abbiamo trovato durante il test della trivella proveniva da focolari posti al centro delle case. Eravamo a posto! Vi erano anche resti di soppalchi in pietra lungo le pareti laterali, caratteristica tipica di questo tipo di rudere. Non abbiamo trovato artefatti nei nostri piccoli quadrati di scavo, ma spessi strati di carbone associati ai focolari hanno permesso di prelevare campioni per la datazione al radiocarbonio”.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Una ricostruzione di una delle case del perduto insediamento vichingo.
Una ricostruzione provvisoria di uno dei siti della casa datati. Elling Utvik Wammer chiacchiera con alcuni degli ex occupanti (Illustrazione: Espen Finstad/Hege Vatnaland).

Le date al radiocarbonio sono arrivate!

“L’età dei resti della casa era ancora incerta. Dal loro tracciato e dall’associazione con il sentiero per il passo di Lendbreen, sembrava probabile che potessero essere almeno medievali e forse precedenti. Avevamo bisogno di saperlo con certezza e abbiamo presentato cinque campioni da due delle case per la datazione al radiocarbonio. I risultati sono ora tornati ed ecco: tutti e cinque i risultati rientrano nell’intervallo 750-1150 dC, il periodo con il traffico più intenso attraverso il passo di Lendbreen. Sicuramente, questa non può essere una coincidenza”.

Ricostruzioni di tre delle case.
Ricostruzioni di tre case dell’età vichinga nell’insediamento perduto di Neto (Illustrazione: Espen Finstad/Hege Vatnaland).

Nuove domande

“La leggenda era vera! C’era stato un antico insediamento a Neto. Abbiamo trovato le rovine e ora sappiamo che almeno due delle rovine risalgono all’età vichinga e al periodo altomedievale. Le altre rovine sembrano abbastanza simili, quindi potrebbero essere della stessa epoca o forse anche più antiche. Tuttavia, ci sono ancora più domande che risposte. Riteniamo che le case dell’insediamento vichingo siano probabilmente collegate al traffico attraverso il passo di Lendbreen, poiché si trovano lungo il sentiero che vi conduce. Potrebbero aver fornito rifugi notturni per i viaggiatori. Sono stati usati anche per altri scopi? Forse le nostre case erano usate anche per l’agricoltura estiva in epoca vichinga? Anche l’insediamento agricolo tutto l’anno è una possibilità. L’analisi del polline di una palude vicina mostra che l’agricoltura inizia nell’area di Neto intorno al 300 d.C., contemporaneamente all’inizio del traffico su Lendbreen. Sicuramente questa non è solo un’altra coincidenza? Le case avrebbero potuto essere utilizzate anche come postazione di caccia. Le renne venivano cacciate intensamente nelle montagne sopra Neto”.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Il percorso da Lendbreen al perduto insediamento vichingo e più a ovest.
Il percorso attraverso il passo di Lendbreen conduce all’insediamento perduto dei vichinghi. Dove ci porterà il percorso dopo?

Qual è il prossimo?

Espen Finstad, co-direttore di Secrets of the Ice, è la forza trainante di questa parte del programma: “La scoperta dell’insediamento vichingo è terribilmente emozionante. Aggiunge una dimensione completamente nuova ai reperti del passo di montagna di Lendbreen. Ma ci sono ancora molti misteri da risolvere qui. Il piano è di continuare le indagini a Neto questa estate. Stiamo inoltre preparando ulteriori rilievi seguendo il sentiero a ovest dall’insediamento vichingo verso i fiordi. Speriamo che ci saranno scoperte più emozionanti lungo il sentiero qui”.

Reidar nelle sue amate montagne.
Reidar Marstein in piedi di fronte alle montagne tra Neto e i fiordi occidentali (Foto: Espen Finstad, secretsoftheice.com).
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.