NASA identifica dozzine di laghi sotterranei nel polo sud di Marte

È stata una grande notizia quella rialente al 2018 quando gli scienziati hanno scoperto un enorme lago sotterraneo al polo sud di Marte – e di nuovo quando ne hanno trovati altri tre negli anni successivi:

La regione bianca brillante di questa immagine, catturata dalla navicella spaziale europea Mars Express nel dicembre 2012, mostra la calotta ghiacciata che copre il polo sud di Marte, composta da acqua ghiacciata e anidride carbonica congelata. (Credito immagine: ESA/DLR/FU Berlino/Bill Dunford)

Ma si scopre che quegli studi precedenti potrebbero aver sottostimato il numero di laghi sotterranei al polo sud marziano di un margine sostanziale, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Geophysical Research Letters questo mese. In questo ultimo lavoro, i ricercatori si sono immersi nelle decine di migliaia di osservazioni pubblicate del polo sud di Marte e hanno scoperto potenzialmente dozzine di laghi sepolti aggiuntivi, sebbene ammettano che alcune delle loro scoperte sono ambigue. Sulla base dei dati radar analizzati dagli scienziati, i laghi sono probabilmente reali, secondo Space.com. Ma alcuni laghi sembrano essere sorprendentemente vicini alla superficie del pianeta, dove le temperature sono così basse che gli scienziati si sarebbero aspettati che si ghiacciassero. “Non siamo sicuri se questi segnali siano acqua liquida o meno, ma sembrano essere molto più diffusi di quanto trovato nel documento originale”, ha detto il ricercatore del Jet Propulsion Laboratory e coautore dello studio Jeffrey Plaut in un annuncio della NASA . “O l’acqua liquida è comune sotto il polo sud di Marte, o questi segnali sono indicativi di qualcos’altro”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori hanno suggerito che i vulcani attivi potrebbero mantenere abbastanza caldi i liquidi salmastri del sottosuolo. Ma non ci sono prove di attività vulcanica nell’area, ammettono nel comunicato stampa, quindi l’idea potrebbe non reggere. Per ora, l’identità dei nuovi laghi marziani e il meccanismo che impedisce loro di congelarsi rimarranno entrambi misteriosi, ma Plaut spera che altri ricercatori prendano ciò che hanno realizzato e capiscano cosa sta succedendo. “La nostra mappatura ci avvicina di qualche passo alla comprensione sia della portata che della causa di questi sconcertanti riflessi radar“, ha affermato nel comunicato stampa.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.