Cina: veterinario muore per B-virus trasmesso dal morso di una scimmia da laboratorio, negativi gli altri assistenti ma l’episodio fa riflettere

Un veterinario in Cina è morto a maggio dopo essere stato infettato da una malattia estremamente rara, chiamata virus Monkey B, che segna il primo caso documentato nella storia del Paese:

Il virus Monkey B, noto anche come herpes B, non arriva quasi mai agli esseri umani. Ma quando lo fa, riporta il Washington Post, i casi tendono a portare alla morte. Circa l’80% dei pazienti non trattati morirà per complicazioni dovute all’attacco del virus al sistema nervoso centrale, che può provocare gonfiore del cervello. È orribile ogni volta che una malattia rara provoca il caos, ma il lato positivo in questo caso è che gli aiutanti vicini al veterinario sono risultati negativi, quindi c’è quasi zero possibilità che si verifichi un’epidemia. Gli esperti affermano che è estremamente raro per gli esseri umani catturare il virus Monkey B, anche tenendo conto del ragionevole presupposto che i casi a volte non vengano rilevati o non segnalati secondo il Washington Post. E per fortuna, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie conoscono solo un singolo caso di un essere umano che trasmette il virus a un altro. Ciò significa che, anche se il recente caso di Monkey B e, probabilmente, la pandemia di coronavirus derivano da un virus animale che è passato a un ospite umano, è estremamente improbabile che il virus Monkey B possa mai causare un’epidemia nella popolazione di esseri umani:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“La differenza importante è che nel caso dell’herpes B, è un vicolo cieco”, ha detto a WaPo il decano del Jockey Club College of Veterinary Medicine and Life Science Nikolaus Osterrieder. “Non è saltare da un essere umano a un altro umano. SARS-CoV-2, d’altra parte, ha acquisito la capacità di diffondersi a un nuovo ospite“. Tuttavia, le autorità sanitarie cinesi stanno prendendo l’infezione come un segno che i lavoratori, in particolare quelli che interagiscono con animali selvatici, potrebbero essere a rischio. Sostengono che è necessario “rafforzare la sorveglianza nei macachi di laboratorio e nei lavoratori”, secondo WaPo.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.