Il rover Curiosity potrebbe aver scoperto cosa ha bloccato la vita su Marte

La base del bordo del Gale Crater di Marte fotografata dal Curiosity Rover. (NASA)

Le prove della vita antica potrebbero essere state rimosse da alcune componenti delo stesso pianeta Marte, secondo un nuovo studio della NASA:

Il rover Curiosity dell’agenzia spaziale ha fatto la sorprendente scoperta mentre studiava rocce sedimentarie ricche di argilla intorno al suo sito di atterraggio nel cratere Gale, un ex lago creato quando un asteroide ha colpito il Pianeta Rosso circa 3,6 miliardi di anni fa. L’argilla è un buon indicatore per le prove della vita perché di solito viene creata quando i minerali rocciosi si deteriorano e marciscono dopo il contatto con l’acqua, un ingrediente chiave per la vita. È anche un ottimo materiale per la conservazione di fossili microbici. Ma quando Curiosity ha prelevato due campioni di antica pietra fangosa, una roccia sedimentaria contenente argilla, da tratti del letto del lago prosciugato, datati nello stesso tempo e nello stesso luogo (3,5 miliardi di anni fa e a soli 400 metri di distanza), i ricercatori hanno scoperto che un pezzo conteneva solo la metà della quantità prevista di minerali argillosi. Invece, quella macchia conteneva una maggiore quantità di ossidi di ferro, i composti che danno a Marte il suo colore ruggine. Il team crede che il colpevole dietro questo atto geologico di scomparsa sia la salamoia: acqua supersalata che è trapelata negli strati di argilla ricchi di minerali e li ha destabilizzati, spazzandoli via e ripulendo le macchie sia del record geologico che, forse, anche biologico.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Pensavamo che una volta formati questi strati di minerali argillosi sul fondo del lago nel cratere Gale, rimanessero tali, preservando il momento in cui si sono formati per miliardi di anni” – afferma l’autore principale dello studio Tom Bristow, in una nota l’Ames Research Center della NASA a Mountain View, in California . “Ma in seguito le salamoie hanno distrutto questi minerali argillosi in alcuni punti, ripristinando essenzialmente il record di roccia“. Il rover ha completato la sua analisi perforando gli strati della roccia marziana prima di utilizzare il suo strumento di chimica e mineralogia, noto come CheMin, per indagare sui campioni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il processo di trasformazione chimica nei sedimenti è chiamato diagenesi e potrebbe aver creato nuova vita sotto Marte anche cancellando alcune delle prove della vecchia vita sulla sua superficie, secondo gli autori dello studio. Quindi, anche se le vecchie tracce di vita potrebbero essere state cancellate nelle macchie salate, le condizioni chimiche causate dall’afflusso di acqua salata potrebbero aver permesso a più vita di nascere al suo posto, hanno detto gli scienziati. “Questi sono posti eccellenti per cercare prove di vita antica e valutare l’abitabilità”, ha affermato nella dichiarazione il coautore dello studio John Grotzinger, professore di geologia presso il California Institute of Technology. “Anche se la diagenesi può cancellare i segni di vita nel lago originale, crea i gradienti chimici necessari per supportare la vita nel sottosuolo, quindi siamo davvero entusiasti di averlo scoperto”.

La missione di Curiosity su Marte è iniziata nove anni fa, ma il rover ha continuato a studiare il Pianeta Rosso ben oltre la linea temporale iniziale della missione di due anni, per stabilire l’abitabilità storica di Marte per la vita. Ora sta lavorando in collaborazione con il nuovo rover Perseverance Mars, che è atterrato nel febbraio 2021 ed è stato incaricato di raccogliere campioni di roccia e suolo per un possibile ritorno sulla  Terra. La ricerca condotta da Curiosity non solo ha rivelato come è cambiato il clima marziano, ma ha anche aiutato Perseverance a determinare quali campioni di suolo raccogliere per aumentare le probabilità di trovare la vita. Abbiamo imparato qualcosa di molto importante: ci sono alcune parti del record di roccia marziana che non sono così buone nel preservare le prove della vita passata e possibile del pianeta”, il co-autore Ashwin Vasavada, uno scienziato del progetto Curiosity al Jet Propulsion della NASA. Laboratorio in California, ha detto nella dichiarazione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“La cosa fortunata è che troviamo entrambi vicini nel cratere Gale e possiamo usare la mineralogia per dire quale è quale”. La ricerca della vita su Marte ha ricevuto un nuovo animus da un nuovo studio che potrebbe aver triangolato la possibile posizione delle sei emissioni di metano rilevate dal rover Curiosity durante la sua permanenza nel cratere Gale, secondo quanto riportato da Live Science. Poiché tutto il metano nell’atmosfera terrestre proviene da fonti biologiche, gli scienziati sono entusiasti di trovare il gas su Marte. I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati il ​​9 luglio sulla rivista  Science .

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.