L’ingiustizia che colpisce i negozi rurali: veri e propri centri di benessere sociale trascurati dai governi

‘Olavshallen’ è il caffè locale presso il negozio della comunità a Bogen in Bindal. Il luogo offre ai clienti un luogo di incontro e il proprietario Torlaug Bartnes Ulrichsen lo chiamò in onore di suo padre Olav Bartnes, un vecchio commerciante a sua volta. (Foto: Georg Mathisen) – foto: sciencenorway.no

Un negozio in una parte remota della Norvegia non può sopravvivere solo con la vendita di generi alimentari. I negozi locali offrono servizi postali, biblioteche, informazioni turistiche, aiutano a compilare moduli e fungono anche da bar locale. Fanno tutto questo in linea di massima senza alcun coinvolgimento da parte dei comuni. “Nelle piccole comunità, il negozio locale è spesso l’unica istituzione comunitaria, o almeno l’unica aperta quotidianamente”, afferma Finn Ove Båtevik. Professore al Volda University College, Båtevik ha svolto ricerche per molti anni sui negozi locali. Nota che offrire più di semplici generi alimentari fa parte della strategia di sopravvivenza per i negozi locali in tutto il paese. Båtevik si riferisce a questi negozi rurali come “centri di assistenza”. Quasi 1.000 di loro esistono ancora in Norvegia.

Molto più che generi alimentari
Più della metà di questi negozi fa parte del programma nazionale di negozi della comunità Merkur. Le loro statistiche mostrano che i due terzi dei negozi offrono cinque o più servizi aggiuntivi oltre alla vendita di generi alimentari. Ciò rappresenta un aumento significativo in pochi anni. “Quando nessun altro può offrire servizi, è bene avere un’istituzione che lo possa effettivamente. È positivo sia per il negozio che per la comunità”, afferma Finn Ove Båtevik a sciencenorway.no. L’obiettivo è raggiungere i Comuni:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Båtevik chiede ai comuni di fare di più. Vedono i negozi puramente come un business e non come una risorsa per la comunità locale, secondo un capitolo che lui e il docente senior Lars Julius Halvorsen hanno scritto per un nuovo libro sullo sviluppo regionale. “Abbiamo trovato alcuni esempi di negozi e comuni che lavorano insieme, ma ci sono molti altri casi in cui ciò non è accaduto”, afferma Båtevik. Spiega che alcuni negozi hanno una convenzione con il loro comune, che poi li paga per fornire determinati servizi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Alcuni hanno convenzioni comunali
“Ci sono tutti i tipi di possibilità. Abbiamo trovato esempi di servizi bibliotecari tradizionali. E poi ci sono molti anziani che vivono in queste comunità e hanno bisogno di un piccolo supporto tecnico per aiutarli a contattare i servizi pubblici online”. “Anche fornire assistenza domiciliare di base può essere rilevante. Questo tipo di assistenza va un po’ oltre la semplice ricerca del vicino. Ci sono molti esempi di questo. Ciò di cui abbiamo bisogno è un sistema che coinvolga il comune”, afferma Båtevik.

Ad esempio, il comune di Kinn, nella Norvegia occidentale, ha stabilito un accordo globale con negozi su cinque isole. Ciascuno riceve 5.000 euro all’anno per fornire servizi come l’accesso a Internet e l’assistenza per compilare moduli e domande, un semplice bar, servizi igienici, informazioni locali, consegna di generi alimentari, produzione di energia di emergenza e movimentazione delle merci. Alta nel nord e Surnadal nel nord-ovest sono altri comuni che hanno anche stabilito partnership con negozi locali, secondo il Centro norvegese di competenza sullo sviluppo rurale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Supporto informatico
“Vediamo molte persone anziane che faticano a usare un computer e si disperano per non essere in grado di trovare una banca con cui poter parlare”, afferma Torlaug Bartnes Ulrichsen, che gestisce un negozio chiamato Joker Bogen nel comune di Bindal, nel cuore della Norvegia. “Questo è uno dei pochi posti dove incontrarsi in questa zona”, sottolinea. La strada per la città più vicina e una banca in grado di parlare con i clienti che hanno difficoltà con le soluzioni online è lunga. Ulrichsen si è recato in Svezia con il programma Merkur e ha visto quanti negozi rurali svedesi collaborano con i loro comuni. “Le persone possono ricevere aiuto presso il loro negozio locale e il comune paga una piccola tassa per i servizi. Potremmo sicuramente imparare una o due cose dagli svedesi”, dice a sciencenorway.no.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Quanto più a sud nel Nordland puoi arrivare, c’è una lunga strada per la città più vicina e una banca che può parlare con i clienti che stanno lottando con soluzioni online. I negozi rurali vogliono aiutare i loro clienti in questo. (Foto: Georg Mathisen) – foto: sciencenorway.no

Un piccolo caffè chiamato Olavshallen

Ulrichsen ci mostra il suo servizio extra per i clienti. “Questo è Olavshallen”, sorride. Suo padre, Olav Bartnes, desiderava che il negozio offrisse ai clienti qualcosa di più della semplice spesa. A quei tempi, vendeva di tutto, dai vestiti e scarpe alle unghie e alle sverniciature. Sedici anni dopo, sua figlia Torlaug e il genero Morten si stanno preparando a fare un passo indietro e a cedere le redini a una nuova squadra. “Spero che i nuovi proprietari continuino a vendere lana. Soprattutto ora che le persone trascorrono più tempo a casa, avere hobby e interessi è importante”, afferma Torlaug Bartnes Ulrichsen.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.