Astronomia, le “sfere di Dyson” intorno ai buchi neri potrebbero rivelare civiltà aliene, dicono gli scienziati

Una delle domande più grandi che abbiamo sull’Universo è: siamo soli come specie tecnologicamente avanzata? Ciò solleva altre domande: se gli alieni fossero là fuori, come sarebbe la loro tecnologia? E, pertinentemente, come potremmo rilevarlo? Un nuovo studio ha fornito alcune risposte a queste domande, almeno se la tecnologia in questione è un tipo di folle raccoglitore di energia chiamato sfera di Dyson, che attinge energia da un buco nero:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“In questo studio, consideriamo una fonte di energia di una civiltà di tipo II o III ben sviluppata. Hanno bisogno di una fonte di energia più potente del loro stesso Sole”,  scrivono i ricercatori nel loro articolo. “Un disco di accrescimento, una corona e getti relativistici potrebbero essere potenziali centrali elettriche per una civiltà di tipo II. I nostri risultati suggeriscono che per un buco nero di massa stellare, anche con un rapporto di Eddington basso, il disco di accrescimento potrebbe fornire centinaia di volte di più luminosità di una stella della sequenza principale.” Il concetto di sfera di Dyson è stato reso popolare dal fisico teorico Freeman Dyson negli anni ’60 come soluzione al problema del consumo di energia che supera le capacità del pianeta di una civiltà. La sfera stessa è costruita attorno alla stella del sistema planetario, una megastruttura che raccoglie l’energia della stella alla fonte.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Freeman Dyson

L’articolo di Dyson ha proposto che le emissioni infrarosse di energia termica potrebbero fuoriuscire mentre la struttura Dyson cattura e converte l’energia stellare, che potrebbe ipoteticamente rivelare la presenza di queste ipotetiche strutture. Questa firma a infrarossi, se potessimo rilevarla, ci consentirebbe di individuare civiltà aliene. Guidato dall’astronomo Tiger Yu-Yang Hsiao della National Tsing Hua University di Taiwan, un team di ricercatori ha portato il concetto a un ulteriore passo avanti. E se la sfera di Dyson (o l’anello di Dyson o lo sciame di Dyson) fosse disposta intorno a un buco nero? Funzionerebbe, e cosa saremmo in grado di rilevare, da qui sulla Terra? L’unica cosa per cui i buchi neri sono noti è il loro potente campo gravitazionale che assorbe tutto ciò che si avvicina abbastanza e non lo rilascia più (che possiamo rilevare). Ti starai quindi chiedendo come si possa raccogliere qualcosa da una tale bestia. A quanto pare, ci sono una serie di processi nell’ambiente estremo attorno a un buco nero da cui potrebbe essere raccolta energia:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel loro articolo, il team prende in considerazione una serie di questi processi: il disco di accrescimento di materiale che ruota intorno a un buco nero, surriscaldato dall’attrito fino a milioni di gradi  ; Radiazione di Hawking , la radiazione teorica del corpo nero emessa dai buchi neri proposta da Stephen Hawking. Altri fenomeni potenzialmente rilevanti che potrebbero contribuire includono l’accrescimento sferico , la corona di plasma magnetizzato tra il bordo interno del disco di accrescimento e l’orizzonte degli eventi e i getti lanciati a velocità relativistiche dai poli dei buchi neri attivi. Basandosi su modelli di buchi neri con un clock di 5, 20 e 4 milioni di volte la massa del Sole (che è la massa di Sagittarius A*, il buco nero supermassiccio nel cuore della Via Lattea), Hsiao e colleghi sono stati in grado di per determinare che una sfera di satelliti sarebbe in grado di raccogliere efficacemente energia da alcuni di questi processi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“La più grande luminosità può essere raccolta da un disco di accrescimento, raggiungendo 100.000 volte la luminosità del Sole, abbastanza per mantenere una civiltà di tipo II”, scrivono i ricercatori. “Inoltre, se una sfera di Dyson raccogliesse non solo la radiazione elettromagnetica ma anche altri tipi di energia (ad esempio energia cinetica) dai getti, l’energia totale raccolta sarebbe circa cinque volte maggiore”. Tali strutture sarebbero rilevabili su più lunghezze d’onda, hanno scoperto i ricercatori, con sfere Dyson più calde più visibili nella gamma dell’ultravioletto e sfere Dyson più fredde visibili nell’infrarosso, proprio come previsto dallo stesso Dyson. Tuttavia, dato che i buchi neri attivi emettono già molte radiazioni in entrambi questi intervalli di lunghezze d’onda, rilevare l’eccesso di Dyson potrebbe essere più facile a dirsi che a farsi. Il team suggerisce che effettuare altre misurazioni, come i cambiamenti nella luce poiché il buco nero è minuziosamente influenzato dalla gravità della sfera, potrebbe aiutare a rivelare dove potrebbero nascondersi queste strutture.  La ricerca è stata pubblicata negli Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.