Scoperto un “mostro” vissuto prima dei dinosauri: quando la Terra ospitava creature “aliene”

Tra gli sciami di piccole cose surreali che sfrecciavano e nuotavano sul pianeta Terra 500 milioni di anni fa, apparve un gigante:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Titanokorys gainesi, recentemente scoperto nella formazione fossile di Burgess Shale, sarebbe stato un colosso del Cambriano, che misurava uno stupefacente mezzo metro (1,64 piedi) di lunghezza. Questo può sembrare piccolo per noi ora, ma in un momento in cui quasi tutto il resto era meno di un quinto di quella dimensione, è straordinario. In pratica, si trattava per l’epoca di quello che oggi noi umani definiremmo un vero e proprio “mostro marino”. “Le dimensioni di questo animale sono assolutamente sbalorditive“, ha detto il paleontologo Jean-Bernard Caron  del Royal Ontario Museum. “Questo è uno degli animali più grandi del periodo Cambriano mai trovati.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il periodo Cambriano è stato un momento importante nella storia della Terra. Circa 541 milioni di anni fa, in un periodo di circa 25 milioni di anni, quasi tutte le principali forme di vita animale apparvero improvvisamente sulla scena in un evento noto come esplosione del Cambriano. Nient’altro come è stato visto prima o dopo. Ma molte delle creature che sono emerse erano davvero piuttosto strane, almeno rispetto alla vita che prospera oggi. Vermi ispidi , vermi con le gambe , strane gelatine, questa strana cosa – se dovessi viaggiare indietro nel tempo, saresti perdonato per aver pensato di essere stato trasportato in un mondo alieno. Conosciamo questi animali perché le loro impronte sono conservate come fossili in antichi letti di scisto, e forse il più noto di questi è il Burgess Shale in Canada. È qui che anche Caron e il suo collega, il paleontologo Joe Moysiuk del Royal Ontario Museum, hanno trovato molteplici tracce della loro nuova bestia. Due video diffusi online rivela la possibile ricostruzione dell’antichissimo organismo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Grazie alle eccezionali proprietà di conservazione dello scisto, un’argilla sedimentaria costituita da particelle molto fini, sono stati in grado di identificare e quindi descrivere dettagliatamente l’animale. Appartiene a un gruppo estinto di artropodi primitivi del Cambriano noti come radiodonti, che includeva alcuni dei primi grandi predatori identificati. Il più grande di questi è il famigerato Anomalocaris, pensato per essere il primo predatore superiore conosciuto, con una lunghezza stimata fino a un metro (3,3 piedi) – ma Titanokorys non è molto indietro. “Titanokorys fa parte di un sottogruppo di radiodonti, chiamati hurdiidi, caratterizzati da una testa incredibilmente lunga coperta da un carapace in tre parti che assumeva una miriade di forme”, ha detto Moysiuk. “La testa è così lunga rispetto al corpo che questi animali sono davvero poco più che teste che nuotano”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Titanokorys condivideva caratteristiche morfologiche in comune con tutti i radiodonti. Aveva occhi composti sfaccettati e aguzzi; una bocca a forma di disco costituita da piastre dentate radianti; due lunghe appendici artigliate nella parte anteriore del corpo; e un tronco costituito da più lembi che hanno aiutato il nuoto, così come le branchie. Non è chiaro il motivo per cui i radiodonti predatori più grandi e quelli più piccoli che alimentano sedimenti e filtri potrebbero aver avuto entrambe queste caratteristiche fisiche. La variazione delle loro dimensioni potrebbe suggerire che forse i radiodonti consumassero prede più grandi, il che potrebbe spiegare perché entrambe le versioni grandi e piccole degli stessi animali potrebbero prosperare. Titanokorys differisce in un aspetto fondamentale:

- Prosegue dopo la pubblicità -

il suo carapace esterno è più ampio e piatto rispetto al radiodonte medio. Ciò suggerisce che l’animale fosse nectobentonico, adattato alla vita sul fondo del mare, vicino al pavimento. E lì, hanno detto i ricercatori, avrebbe dominato. “Questi animali enigmatici hanno certamente avuto un grande impatto sugli ecosistemi dei fondali marini del Cambriano”, ha detto Caron“I loro arti nella parte anteriore sembravano più rastrelli impilati e sarebbero stati molto efficienti nel portare tutto ciò che catturavano nelle loro minuscole spine verso la bocca. L’enorme carapace dorsale avrebbe potuto funzionare come un aratro”. Il ritrovamento sottolinea anche quanto sia importante continuare a cercare, anche qualcosa di così noto ed esplorato come il Burgess Shale. Non sai mai quando un gigantesco artropode del Cambriano potrebbe essere in agguato proprio sotto il tuo naso. La ricerca è stata pubblicata su Royal Society Open Science. Lo sapevi che alcuni fossili risalenti sempre al Cambriano risultano invece talmente diffusi da poter essere venduti (con certificazione e regolare autorizzazione)? Ecco alcuni esempi di fossili di trilobite venduti online su Amazon:

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://amzn.to/3hvoe3X

https://amzn.to/3952JCj

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.