Un “benzinaio” nello spazio: parte progetto per stazione di rifornimento spaziale

A giugno, la startup Orbit Fab di San Francisco ha lanciato un prototipo di stazione di rifornimento nell’orbita terrestre, ma piuttosto che consentire agli astronauti di avventurarsi nello spazio profondo, questo sistema ha lo scopo di dare ai vecchi satelliti una nuova prospettiva di vita:

https://spacenews.com

È un’idea convincente e ora la società ha bloccato 10 milioni di dollari in finanziamenti per promuoverla. L’orbita del nostro pianeta sta diventando ingombra di vecchi e nuovi satelliti, aumentando i rischi di collisione e aumentando un problema di spazzatura spaziale esistente. Il Tenzing Tanker-001 di Orbit Fab, un primo prototipo di cisterna di carburante satellitare, è stato lanciato in orbita come parte della missione di rideshare Transporter-2 di SpaceX il 30 giugno. Il piccolo assieme è progettato per testare gli elementi chiave del rendez-vous e del sistema di attracco dell’azienda e per garantire che possa regolare la propria orbita:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

La macchina delle dimensioni di un microonde si trova ora in un’orbita sincrona solare, che è il punto in cui la maggior parte dei satelliti di imaging e meteorologici circondano la Terra. Stiamo costruendo il primo deposito di carburante satellitare operativo al mondo“, ha dichiarato a  SpaceNews  l’anno scorso Daniel Faber, CEO di Orbit Fab . “Questo ci aiuta a risolvere il problema delle galline e delle uova. Nessuno compra carburante in orbita perché nessuno lo vende. Abbiamo costruito un uovo”. La petroliera è una prima dimostrazione tecnologica destinata a dimostrare l’idoneità al volo, ma non è ancora progettata per rifornire effettivamente i satelliti. “Stiamo mettendo in orbita l’inventario come dimostrazione e segnale del nostro impegno a portare diversi combustibili in orbite diverse”, ha aggiunto Faber.

Tenzing Tanker-001 è stato inviato con la Rapidly Attachable Fluid Transfer Interface (RAFTI) di Orbit Fab, un sistema di attracco che consente alla petroliera di incontrare i satelliti e rifornirli di carburante. L’idea di rifornire i satelliti mentre sono in orbita non è così inverosimile, anche se nonostante alcuni progressi, il rifornimento effettivo deve ancora essere dimostrato. La notizia arriva dopo che il “Mission Extension Vehicle-1” (MEV-1) di Northrop Grumman si è agganciato a un satellite per comunicazioni di 18 anni nel febbraio 2020, la prima volta che un veicolo spaziale commerciale si è agganciato a un satellite in orbita. Sei mesi dopo, MEV-2, il successore del veicolo spaziale, è stato lanciato in cima a un razzo Ariane 5 dal Centro spaziale della Guiana. In effetti, Northrop Grumman sembra essere rimasto colpito dalla dimostrazione tecnologica di Orbit Fab. La scorsa settimana, la startup ha annunciato un finanziamento di 10 milioni di dollari sia da Northrop Grumman che dalla società aerospaziale Lockheed Martin. C’è un vero slancio nelle aziende che cercano di trovare modi per riparare e aggiornare i satelliti esistenti nello spazio. Dopotutto, la manutenzione delle costellazioni potrebbe rivelarsi molto più economica del lancio di satelliti dalla Terra. E aggiornarli potrebbe significare che finiremmo con meno pezzi di spazzatura spaziale che ingombrano l’orbita terrestre. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.