Scoperti i vestiti più antichi della Storia umana: 12.000 anni fa in una grotta del Marocco

Gli scienziati hanno trovato quella che potrebbe essere la prima prova della produzione di abbigliamento in una grotta situata in Marocco, risalente a 120.000 anni fa:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Può essere facile dare per scontati i vestiti e le loro origini, poiché indossare un abito all’inizio della giornata è una parte così radicata di ciò che significa essere un essere umano nel mondo moderno. Qualcuno che non lo dà per scontato è l’antropologa Emily Hallett del Max Planck Institute for the Science of Human History in Germania, che ha recentemente pubblicato un articolo che delinea la scoperta marocchina. Hallett, insieme a un team di ricercatori, stava indagando su una serie di frammenti ossei trovati nella grotta di Contrebandiers, un importante sito archeologico sulla costa atlantica del Marocco. Dei circa 12.000 frammenti ossei trovati nel sito, Hallett ha identificato più di 60 ossa di animali che erano state modellate dagli umani per essere utilizzate come strumenti. I modelli di segni di taglio sulle ossa corrispondevano a strumenti trovati in altri siti archeologici che erano stati usati per lavorare la pelle:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Uno strumento d’osso dalla grotta. (Jacopo Niccolò Cerasoni, 2021)

“È estremamente improbabile che materiali organici come pelle e pelliccia si conservino in depositi così antichi, quindi come archeologi ci rimangono prove che includono strumenti e ossa di animali che conservano segni di spellatura“, ha detto Hallett a ScienceAlert. “Possiamo mettere insieme queste prove e suggerire che gli umani stavano usando strumenti di osso per preparare pelle e pelliccia che probabilmente erano usate per i vestiti”. Ma vale la pena notare che le prove non sono del tutto conclusive. “Questi strumenti in osso avrebbero potuto essere usati per preparare la pelle per scopi diversi dall’abbigliamento, come dispositivi di archiviazione”, ha aggiunto Hallett. Tuttavia, abbigliamento come pelliccia e pelle sarebbero stati particolarmente vantaggiosi per gli umani durante questo periodo:

Quando i primi esseri umani si espansero dall’Africa, avrebbero dovuto affrontare nuovi ambienti e forse habitat climaticamente estremi. L’abbigliamento e altri strumenti avrebbero probabilmente aiutato nella dispersione degli esseri umani in nuovi ambienti in tutto il mondo. Per la pelliccia, gli umani nella grotta di Contrebandiers scuoiavano i carnivori. In questa grotta ci sono tre specie di carnivori con segni di spellatura sulle ossa: la volpe di Rüppell , lo sciacallo dorato e il gatto selvatico “, ha riferito Hallett a ScienceAlert. “I segni di taglio su queste ossa di carnivori sono limitati alle aree in cui vengono praticate le incisioni per la rimozione della pelliccia e non ci sono segni di taglio sulle aree dello scheletro associate alla rimozione della carne”. Mentre per la pelle, nel sito sono state rinvenute diverse specie di bovidi.  Ossa di alcelafo, uro e gazzella sono stati trovati in grande abbondanza nella grotta, e questi animali sono stati anche consumati dagli umani, perché ci sono segni di taglio associati alla rimozione della carne sulle loro ossa”, ha aggiunto Hallett. 

- Prosegue dopo la pubblicità -
I carnivori venivano scuoiati e venivano usati strumenti in osso per preparare le pellicce. (Jacopo Niccolò Cerasoni, 2021)

Hallett ritiene che, data la specializzazione di questi strumenti, facciano probabilmente parte di una tradizione più ampia e più antica. Per aggiungere peso a questo, gli studi genetici di altri sui pidocchi dell’abbigliamento suggeriscono un’origine dell’abbigliamento di almeno 170.000 anni fa in Africa.  “Questi strumenti sono stati molto probabilmente utilizzati per l’abbigliamento, ed è interessante che la documentazione archeologica e le prove genetiche indichino entrambe un’origine antica in Africa”, ha detto Hallett. Potrebbero esserci ancora siti sconosciuti in Africa in attesa di essere trovati con strumenti e prove che potrebbero ulteriormente illuminare la storia della produzione di abbigliamento nell’uomo.  Lo studio è stato pubblicato sulla rivista iScience .

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.