Come trasformare un vulcano in una centrale elettrica

L’Etiopia è uno dei paesi più vulcanici della Terra, grazie alla Great Rift Valley dell’Africa, che ne attraversa il cuore. In Etiopia ci sono più di 60 vulcani conosciuti. Molti hanno subito colossali eruzioni in passato, lasciando enormi crateri che punteggiano la loro superficie. Alcuni vulcani sono ancora attivi oggi. Se visiti, troverai lagune di fango ribollente, sorgenti termali e dozzine di prese d’aria fumose. Questo vapore è stato utilizzato dalla gente del posto per lavarsi e fare il bagno, ma sotto c’è un’opportunità molto più grande. L’attività superficiale suggerisce fluidi estremamente caldi nelle profondità, forse fino a 300°C-400°C.

Se perforato, dovrebbe essere possibile accedere a questo vapore ad alta temperatura, che potrebbe alimentare grandi turbine e produrre enormi quantità di energia. Questo è molto importante in un Paese dove il 77% della popolazione non ha accesso all’elettricità, uno dei livelli più bassi dell’Africa. L’energia geotermica è diventata un’alternativa rinnovabile grazie a studi geofisici che suggeriscono che alcuni vulcani potrebbero produrre un gigawatt di energia . Ciò equivale a diversi milioni di pannelli solari o 500 turbine eoliche ciascuno. La risorsa totale non sfruttata è stimata in circa 10 GW.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La conversione di questa energia in elettricità si baserebbe sul progetto pilota geotermico avviato circa 20 anni fa presso il vulcano Aluto. La sua infrastruttura è attualmente in fase di miglioramento per decuplicare la produzione, da 7 MW a 70 MW. Il problema principale è che, a differenza di altre parti del mondo, si sa molto poco dei vulcani etiopi. Ma l’Aluto è stato studiato e si sono ottenuti risultati molto interessanti. Grazie a una tecnica radar satellitare, si è scoperto che la superficie del vulcano si gonfia e si sgonfia. La migliore analogia è la respirazione: troviamo improvvise “inalazioni” che gonfiano la superficie per alcuni mesi, seguite da graduali “esalazioni” che provocano un lento affondamento per molti anni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il monitoraggio della temperatura delle bocche del vulcano per anni ha mostrato che la maggior parte era abbastanza stabile. Quindi possono essere buoni candidati da un punto di vista geotermico. Questa è una delle prime volte che una risorsa geotermica è stata rilevata dallo spazio e mostra cosa si può ottenere. I dati satellitari rappresentano un modo economico e privo di rischi per valutare il potenziale geotermico. Satellite pianeta Terra oceano meteorologia internazionale. Con vulcani simili sparsi in paesi come Kenya, Tanzania e Uganda, la tecnica potrebbe consentire di scoprire e controllare nuove risorse geotermiche non sfruttate nella Rift Valley, così come in tutto il mondo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: ecoinventos.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.