In Italia è arrivata la zanzara che resiste al freddo, segnalata la presenza di una specie coreana resistente

Foto embed: wikimedia.org

Si consolita la presenza di una zanzara asiatica in Italia. La specie, segnalata per la prima volta in Italia già nel 2011 a Belluno, risulta sempre più diffusa anche in Lombardia, dove non si esclude che possa essere arrivata a bordo dei voli internazionali dell’aeroporto di Orio al Serio:

Aedes koreicus fotografato a Piazzo (Segonzano, Trentino, Italia) – (foto embed: wikimedia.org)

Partita da un’isola vulcanica coreana, la Aedes Koreicus sarebbe in grado di resistere anche al freddo più pungente, è arrivata in Lombardia. Lo riporta il Corriere della Sera che fa riferimento ad una ricerca condotta dall’Università degli Studi di Milano pubblicata sulla rivista Parasites & Vectors. Aedes koreicus è una specie di zanzara originariamente descritta dalla Corea che ha dimostrato di essere enzootica in Giappone, Cina nord-orientale, Repubblica di Corea (Corea del Sud), parti della Russia, ma recentemente trovata in Belgio, Italia, Germania, Ungheria, Italia, Slovenia, Svizzera) e Kazakistan. Gli Aedes koreicus adultisono relativamente grandi, con aree di squame bianche su sfondo nero, molto simili all’Aedes japonicus , che si è anche stabilito al di fuori del suo areale originario:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sono state trovate larve di Aedes koreicus che si riproducono in siti di raccolta dell’acqua artificiali come stagni da giardino, bidoni dell’acqua, tombini, secchi, vasi di fiori, pneumatici scartati e altri recipienti contenenti acqua, nonché in siti di raccolta naturali come fori di alberi, pietre cavità, strade e fossi, in acque limpide o ricche di sostanze organiche. Queste caratteristiche lo adattano alla sopravvivenza del trasporto su lunghe distanze e allo sfruttamento degli habitat urbani e periurbani.

La prima documentazione di Aedes koreicus che si è stabilita al di fuori del suo areale originario è stata in Belgio nel 2008, contrassegnandola come una specie invasiva in grado di essere trasportata a livello globale. Nel 2011 è stato scoperto essere stabilito nella provincia di Belluno, regione Veneto , Italia e nel 2013 nella regione di confine italo-svizzero. Data la sua dimostrata capacità di sopravvivere agli inverni dell’Europa settentrionale e di beneficiare del trasporto assistito dall’uomo, la specie può essere introdotta e insediarsi in altri paesi temperati con climi simili a quelli in cui si è già insediata. Gli adulti di Aedes koreicus si nutrono del sangue di esseri umani, animali domestici e animali da fattoria durante le ore diurne e notturne e hanno dimostrato di essere vettori competenti del virus dell’encefalite giapponese e della filaria del cane, e un potenziale vettore di altri arbovirus e Brugia malayi che provoca la filariosi linfatica.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.