La Storia dimenticata di Felicette, il primo gatto nello spazio

Félicette ( pronuncia francese: [fe.liː.sɛt] ) è stato l’unico gatto lanciato con successo nello spazio. È stata lanciata il 18  ottobre 1963 come parte del programma spaziale francese . Félicette era una delle 14 gatte addestrate per il volo spaziale. Ai gatti sono stati impiantati degli elettrodi sul cranio in modo che la loro attività neurologica potesse essere monitorata durante il volo. Durante il volo sono stati applicati impulsi elettrici al cervello e a una gamba per stimolare le risposte. La capsula è stata recuperata 13 minuti dopo l’accensione del razzo. La maggior parte dei dati della missione era di buona qualità e Félicette è sopravvissuta al volo. Un secondo felino fu ucciso in un incidente di lancio il 24 ottobre 1963.

Félicette aveva la designazione di C 341 prima del volo, e dopo il volo i media le diedero il nome Félix, dopo Félix the Cat . Il Centre d’Enseignement et de Recherches de Médecine Aéronautique (CERMA) lo modificò nel femminile Félicette e lo adottò come suo nome ufficiale. È stata commemorata sui francobolli di tutto il mondo e una statua con la sua somiglianza è in mostra presso l’ Università Spaziale Internazionale. I carichi utili di razzi biologici felini francesi sono stati preceduti da topi e seguiti da scimmie.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il 3  novembre 1957, l’ Unione Sovietica lanciò Laika , un cane randagio trovato per le strade di Mosca, nello spazio sullo Sputnik 2 . Morì nello spazio, ma fu il primo animale ad orbitare attorno alla Terra. [2] Il colonnello dell’esercito brasiliano Manuel dos Santos Lage progettò di lanciare un gatto di nome Flamengo a bordo del razzo Félix I il 1 gennaio 1959, ma il volo fu cancellato per problemi etici riguardanti l’uso di un gatto. [3] [4] Il 31  gennaio 1961, nell’ambito del Progetto Mercury , lo scimpanzé Ham divenne il primo ominide lanciato nello spazio per un volo suborbitale . [5] Il 29 Novembre 1961, Enos divenne il secondo scimpanzé lanciato nello spazio e il terzo ominide dopo i cosmonauti Yuri Gagarin e Gherman Titov , a raggiungere l’ orbita terrestre . [6]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il programma missilistico francese iniziò nel 1961. [7] I voli del razzo Véronique erano stati ripristinati nel 1959 ed erano gestiti dal Comité des Recherches Spatiales (CRS). [8] La base francese nel Sahara lanciò un topo di nome Hector il 22  febbraio 1961, facendo sì che la Francia diventasse il terzo paese a lanciare animali nello spazio. [9] [10] Hector aveva degli elettrodi impiantati sul cranio in modo da poter monitorare l’ attività neurologica. Seguirono altri due razzi con carichi utili di ratto, il 15 e il 18  ottobre. [11] Gli scienziati francesi volevano usare mammiferi più grandi e hanno scelto i gatti, poiché avevano già una quantità significativa di dati neurologici su di loro.[11] [12]

Nel 1963, il Centre d’Enseignement et de Recherches de Médecine Aéronautique (CERMA) acquistò 14 gatti da un commerciante di animali per i test, con i singoli animali selezionati in base al loro temperamento; tutti i gatti erano femmine, per il loro comportamento più calmo. I gatti erano senza nome prima del lancio per ridurre la probabilità che gli scienziati si affezionassero a loro. [13] Tutti i gatti hanno avuto elettrodi permanenti impiantati chirurgicamente nel cervello per valutare l’attività neurologica. [14] Alcuni dei voli spaziali dei gatti erano simili a quelli degli umani. Ciò è stato effettuato da CERMA e incluso utilizzando la sedia a tre assi della centrifuga ad alto G [15] con rumore di razzi simulato. [16]L’addestramento specifico per gatti includeva il confinamento nel loro contenitore e l’esperienza nel resistere al telo di contenzione. Gli animali sono stati addestrati per circa due mesi; questo limite era fissato dal rischio di polarizzazione dell’elettrodo . [17] 

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’equipaggio di lancio iniziò a prepararsi sul sito di lancio l’8  ottobre 1963. L’11  ottobre, il faro di prua fu testato posizionandolo su un elicottero e seguendolo con stazioni di terra. Il 12, la telemetria nel cono di naso è stato verificato senza successo, seguito da un test di successo il giorno successivo. Ci sono stati problemi durante il test del faro di ricerca il 14 e il 15, ma tutta l’elettronica ha funzionato a un livello soddisfacente il 16 ottobre. [18]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il 17  ottobre, sei felini finalisti sono stati selezionati come candidati per il volo e un gatto da smoking con la designazione C  341 è stato scelto per il volo il giorno del lancio, insieme a un backup. Con un peso di 2,5 chilogrammi (5,5 libbre), C  341 è stata selezionata come la migliore delle sei finaliste grazie al suo comportamento calmo e al peso appropriato. [14] [18]Gli elettrodi sono stati attaccati alla sua gamba anteriore sinistra e posteriore destra per monitorare l’attività cardiaca. Nove elettrodi erano stati precedentemente impiantati sul suo cranio: due nel seno anteriore, uno nell’area somatica, due nell’ippocampo ventrale, due nell’area reticolare e due nella corteccia associativa. Due elettrodi sono stati incollati su una zampa anteriore in modo che gli impulsi elettrici potessero essere utilizzati per stimolarli durante il volo. Due microfoni , uno sul petto e uno sul muso del razzo, hanno monitorato il suo respiro. [17] Il veicolo di lancio utilizzato era il razzo sonda Véronique AGI  47 , prodotto a Vernon , in Alta Normandia . [19] [20]Il razzo Véronique proveniva dalla famiglia di razzi Aggregate tedesca della seconda guerra mondiale , [21] sviluppata per l’Anno geofisico internazionale (in francese : Année géophysique internationale ) nel 1957 per la ricerca biologica. [11]

Il 18  ottobre 1963 alle 8:09  , il C  341 è stato lanciato nello spazio dal sito del Centre interarmées d’essais d’engins spéciaux in Algeria . [22] [23] La missione era un volo suborbitale e durò 13 minuti. Il motore a razzo ha bruciato per 42  secondi in salita e C  341 ha subito 9,5  g di accelerazione. [23] L’ogiva si separò dal razzo prima di raggiungere un’altezza di 152 chilometri (94 mi) e il gatto fu sottoposto a cinque minuti di assenza di gravità. [1] [24]Prima dello spiegamento del paracadute, rotazione e vibrazione sul cono anteriore hanno causato 7 g di accelerazione. I paracadute si sono dispiegati a 8 minuti e 55 secondi dal lancio, applicando 9 g. Tredici minuti dopo l’accensione del razzo, un elicottero è arrivato al carico utile. [3] C  341 è stato recuperato in sicurezza e la missione l’ha resa la prima gatta a raggiungere lo spazio. [25] [26]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sono stati registrati dati di alta qualità durante il volo, oltre alle misurazioni reticolari e ai dati registrati durante il rientro. Scosse elettriche sono state somministrate a C  341 a una velocità superiore a quella prevista. Era vigile durante la fase di ascesa, essendo un carico utile in un razzo. Durante la fase di microgravità , la sua frequenza cardiaca è rallentata e il suo respiro è diventato nominale. Il turbolento rientro ha causato un aumento della frequenza cardiaca, ma i dati scarsi hanno reso difficile l’analisi. [27] I dati biologici del volo sono stati forniti ai media, che hanno chiamato C  341 “Félix” dopo la serie di cartoni animati Félix il gatto . Il CERMA lo trasformò in femminile Félicette e ne adottò il nome come ufficiale. [28]Félicette è stata soppressa due mesi dopo il lancio in modo che gli scienziati potessero eseguire un’autopsia per esaminare il suo cervello. [29]

Un secondo gatto è stato lanciato nello spazio dai francesi il 24  ottobre. Un bullone esplosivo che avrebbe rilasciato il razzo dalla piattaforma di lancio non ha funzionato, causando il lancio del razzo con un’angolazione estrema. Il transponder radio ha smesso di funzionare sulla rampa di lancio, il che ha creato difficoltà nel trovare il razzo. Un elicottero ha individuato il paracadute ma non è riuscito ad atterrare, quindi l’agenzia ha inviato veicoli di terra. Non sono riusciti a superare del filo spinato. Il giorno successivo è stato nuovamente inviato un elicottero ed è stato in grado di atterrare sul sito. L’ogiva in cui era alloggiato il carico era gravemente danneggiata e il gatto era morto. [19] [30]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dei restanti 12 gatti addestrati, il destino di 11 è noto. La salute di un gatto si stava deteriorando dopo l’intervento chirurgico agli elettrodi, quindi gli scienziati li hanno rimossi. Il gruppo la adottò come mascotte e le diede il nome Scoubidou, poiché aveva una treccia scoubidou intorno al collo, uno stile popolare all’epoca. [31] Gli altri nove gatti sono stati soppressi alla fine del programma. [28] La Francia ha continuato la sua ricerca sul carico utile biologico, passando alle scimmie. Una scimmia conosciuta come Martine fu lanciata il 7  marzo 1967 e Pierrette sei giorni dopo. Entrambi sono stati recuperati con successo. La Francia ha concluso la ricerca sui carichi biologici a livello nazionale con questi voli, ma in seguito ha lavorato sui carichi biologici con l’Unione Sovietica negli anni ’70. [28]

Secondo un articolo su Space.com dell’8  novembre 2017, la partecipazione di Félicette alla corsa allo spazio, “… non è stata certamente volontaria, ma è stata una pietra miliare per la Francia, che aveva appena istituito la terza agenzia spaziale civile al mondo (dopo l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti). La missione di Félicette ha contribuito a portare la Francia nella corsa allo spazio.” [32] Il volo di Félicette era molto meno popolare di altri voli spaziali dell’epoca. Burgess e Dubbs credono che ciò sia dovuto alle foto di lei con gli elettrodi impiantati sul cranio e al nuovo movimento per i diritti degli animali . [33]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le ex colonie francesi hanno creato dei francobolli per commemorare il volo di Félicette. Le Isole Comore hanno rilasciato un francobollo nel 1992 come uno di una serie di francobolli con animali coinvolti nel volo spaziale; il francobollo usava erroneamente il nome Félix. Nel 1997, in Ciad sono stati emessi francobolli che commemorano Félicette e altri animali nello spazio , sempre con il nome Félix. Anche un francobollo del 1999 in Niger utilizzava il nome errato. [32] [34] [35] Il club studentesco di astronomia UPS dell’Université Toulouse  III intitolerà il suo futuro osservatorio astronomico in onore di Félicette. Sarà il primo osservatorio francese interamente gestito da studenti e l’apertura è prevista per il 2021. Il telescopio Dall-Kirkham da 500 mm (3500 mm di lunghezza focale ) sarà alloggiato in una cupola motorizzata di 3,90  m di diametro. [36] [37]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mentre alcuni animali non umani che hanno viaggiato nello spazio sono stati celebrati come eroi: lo scimpanzé Ham è stato sepolto presso l’ International Space Hall of Fame nel New Mexico , negli Stati Uniti, e il cane sovietico Laika ha un monumento in bronzo allo Yuri Gagarin Cosmonaut Training Center , vicino a Star City in Russia, più di 50 anni dopo la sua missione, non c’era nessun monumento per Félicette. Poi, nel 2017 è stata avviata una campagna di crowdfunding da parte di Matthew Serge Guy per erigere una statua in bronzo di Félicette per commemorare il suo contributo alla scienza. [32] La statua è stata progettata dallo scultore Gill Parker. [38]Il progetto preliminare raffigurava un gatto in cima alla Terra e doveva essere inclusa una targa con i nomi dei principali donatori. Nell’aprile 2018, il progetto ha raggiunto l’obiettivo di finanziamento di £ 40.000. [32] [39] [40]

Nell’aprile 2019, Guy ha annunciato che la statua doveva essere collocata nella Francia orientale presso l’ Università Spaziale Internazionale . [41] La statua è stata inaugurata il 18 dicembre 2019, come parte della celebrazione del 25° anniversario del programma di Master of Space Studies dell’Università. È alto 1,5 metri (5 piedi) e raffigura Félicette “appollaiata in cima alla Terra, guardando verso i cieli che una volta viaggiava”. Guy ha scritto in un aggiornamento di Kickstarter: “È pazzesco pensare che un video che ho messo online… abbia portato a questo. Internet a volte è un posto a posto”. [42]

  1.  “Chatte Félicette”CNES (in francese). Estratto il15 luglio 2015.
  2. ^ Malashenkov, Dimitri (10 ottobre 2002). Alcune pagine sconosciute del primo volo orbitale dell’organismo vivente . 34° Assemblea Scientifica COSPAR, 2° Congresso Spaziale Mondiale. Abstract IAF . Houston, Texas. P. 288. Bibcode : 2002iaf..confE.288M .
  3. Salta su:b Dougherty, Jung & Serra 2018, p. 6.
  4. “Il Brasile si prepara a sparare Cat nello spazio” . Cronaca quotidiana di Spokane . Stampa associata. 31 dicembre 1958. pag. 32 – tramite Google News.
  5. ^ Myler, Joseph L. (1 febbraio 1961). “Ham, astronauta scimpanzé, per aiutare gli scienziati a decidere la sicurezza del viaggio spaziale per l’astronauta umano” . La Posta Commerciale . Columbia City, Indiana. UPI. P. 6 – tramite Newspapers.com.
  6. “I problemi operativi accorciano la corsa di scimpanzé” . L’inserzionista quotidiano . Lafayette, Louisiana. Stampa associata. 29 novembre 1961. p. 1 – tramite Newspapers.com.
  7. “La Francia lancia il gatto nello spazio” . Edmonton Journal . Edmonton, Alberta. Reuters. 30 settembre 1963. p. 37 – tramite Newspapers.com.
  8. ^ Dougherty, Jung & Serra 2018 , pp. 2-3.
  9. “Il gatto spaziale è tornato vivo” . Il Sydney Morning Herald . 20 ottobre 1963. p. 5 – tramite Google News.
  10. ^ Dougherty, Jung & Serra 2018 , p. 2.
  11. Salta su:c Dougherty, Jung & Serra 2018, p. 3.
  12. “[Omaggio] Une Statue en Bronze Pour Félicette, Votre Avis M. Viso?” [[Tributo] Una statua in bronzo per Félicette, la tua opinione signor Viso?]. Spacegate.cnes.fr (in francese). CNES . 14 dicembre 2017 Estratto il 17 gennaio 2019 .
  13. ^ Cassely, Jean-Laurent (27 gennaio 2017). “La France a envoyé le premier chat dans l’espace, et tout le monde l’a oublié” [La Francia ha mandato il primo gatto nello spazio, e tutti lo hanno dimenticato] (in francese). ardesia Estratto il 18 gennaio 2019 .
  14. Salta su:b “Gatti spaziali”La stampa di PittsburghPittsburgh, Pennsylvania. 8 marzo 1964. p. 26 – tramite Newspapers.com.
  15. ^ Burgess & Dubbs 2007 , pp. 226-228.
  16. ^ Petsko, Emily (26 dicembre 2018). “Una breve storia di Félicette, il primo gatto nello spazio” . Filo mentale. Archiviato dall’originale il 19 gennaio 2019 Estratto il 17 gennaio 2019 tramite MSN.
  17. Salta su:b Dougherty, Jung & Serra 2018, p. 4.
  18. Salta su:b Dougherty, Jung & Serra 2018, p. 5.
  19. Salta su:b Gray, Tara (2 agosto 2004). “Una breve storia degli animali nello spazio”NASAEstratto il 6 maggio 2017.
  20. “La Francia lancia il gatto nello spazio” . Pittsburgh, Pennsylvania . La stampa di Pittsburgh. UPI. 25 settembre 1963. p. 29 – tramite Newspapers.com.
  21. ^ Reuter 2000 , p. 179.
  22. ^ Lesage, Nelly (17 novembre 2017). “Félicette, la première chatte revenue de l’espace, va avoir une statue à son effigie” [Félicette, la prima gatta tornata dallo spazio, avrà una statua con la sua effigie]. Numerama (in francese) Estratto il 24 giugno 2019 .
  23. Salta su:b Belleret, Chloé (18 ottobre 2018). “18 ottobre 1963 : il était une fois un chat dans l’espace”[18 ottobre 1963: C’era una volta un gatto nello spazio]. Le Parisien(in francese)Estratto il 24 giugno 2019.
  24. “Exposition Sur L’espace Au Palais de la Découverte”[Mostra sullo spazio al Palazzo della Scoperta]. Le Monde (in francese). 17 gennaio 1964.
  25. “La Francia manda il gatto nello spazio” . Il record dei tempi . Troia, New York. Stampa associata. 18 ottobre 1963. p. 1 – tramite Newspapers.com.
  26. “Fuggitivo dai vicoli di Parigi sopravvive a un viaggio di 100 miglia con un razzo” . St. Louis Post-Dispatch . St. Louis, Missouri. 5 gennaio 1964. p. 21 – tramite Newspapers.com.
  27. ^ Dougherty, Jung & Serra 2018 , pp. 6-8.
  28. Salta su:c Dougherty, Jung & Serra 2018, p. 9.
  29. ^ Baheux, Romain (19 ottobre 2017). “Et si Félicette, le premier chat dans l’espace, avait bientôt sa statue?” [E se Félicette, la prima gatta nello spazio, avesse presto la sua statua?] (in francese). Le Parisien Estratto il 18 gennaio2019 .
  30. ^ Dougherty, Jung & Serra 2018 , p. 8.
  31. ^ Dougherty, Jung & Serra 2018 , pp. 4-5.
  32. Salta su:d Weitering, Hanneke (8 novembre 2017). “Il primo gatto nello spazio a ricevere un vero e proprio memoriale”Space.com. Archiviatodall’originale il 21 aprile 2018Estratto il 21 aprile 2018.
  33. “Il primo gatto nello spazio Félicette a ricevere una statua commemorativa dopo un crowdfunding di successo” . raccogli SPAZIO. 17 novembre 2017 Estratto il 9 giugno2019 .
  34. “Gli 11 gatti più importanti della scienza” . Scienza popolare Estratto il 3 novembre 2017 .
  35. “Felicette il gatto spaziale e il mitico Felix” . Purr-n-Fur Regno Unito Estratto il 6 novembre 2017 .
  36. “Osservatorio” . UPS nello spazio . Archiviatodall’originale il 26 giugno 2019 Estratto il 26 giugno 2019.
  37. “Un osservatorio sul campus pour étudier l’univers” . La Dépêche (in francese). 21 giugno 2019. Archiviatodall’originale il 2 luglio 2019 Estratto il 26 giugno 2019 .
  38. ^ Lesage, Nelly (17 novembre 2017). “Félicette, la première chatte revenue de l’espace, va avoir une statue à son effigie” [Félicette, la prima gatta tornata dallo spazio, avrà una statua con la sua effigie] (in francese). Numeroma Estratto il 18 gennaio 2019 .
  39. ^ Parkinson, Hannah Jane (23 ottobre 2017). “Da Félicette, la gatta spaziale, a Dolly, la pecora: quali animali dovrebbero ricevere una statua?” Il Guardiano . ISSN 0261-3077 Estratto il 3 novembre 2017 . 
  40. ^ Moye, David (20 ottobre 2017). “Il primo gatto nello spazio può finalmente ottenere il riconoscimento che merita” . Huffington Post Estratto il 3 novembre 2017 .
  41. ^ Guy, Matthew (18 aprile 2019). “Posizione confermata” . Kickstarter Estratto il 7 giugno 2019 .
  42. ^ Wu, Katherine (28 gennaio 2020). “Félicette, il primo gatto nello spazio, finalmente riceve un memoriale” . Rivista Smithsonian Estratto il 29 gennaio 2020 .

Fonti modifica ]

  • Burgess, Colin; Dubbs, Chris (2007). Animali nello spazio: dai razzi di ricerca allo Space Shuttle . La prassi di Springer. ISBN 978-0-387-36053-9.
  • Dougherty, K.; Jung, P.; Serra, Jean-Jacques (ottobre 2018). “Félicette, l’unico gatto spaziale” . Congresso Internazionale di Astronautica.
  • Reuter, Claus (2000). Il V2 e il programma missilistico tedesco, russo e americano . Museo Canadese Tedesco. P. 87. ISBN 978-1-894643-05-4.
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.