L’evoluzione dell’uomo tra un milione di anni: l’homo sapiens diventerà un cyborg?

I nostri discendenti saranno cyborg con impianti meccanici hi-tech, arti ricrescibili e telecamere al posto degli occhi come se fossero usciti da un romanzo di fantascienza? Gli umani potrebbero trasformarsi in una specie ibrida di esseri biologici e artificiali? O potremmo diventare più piccoli o più alti, più magri o più grassi, o anche con tratti del viso e colore della pelle diversi? Certo, non lo sappiamo, ma per considerare la domanda, torniamo indietro di un milione di anni per vedere che aspetto avevano gli umani allora:

Tanto per cominciare, l’Homo sapiens non esisteva ancora. Un milione di anni fa, c’erano probabilmente alcune specie diverse di umani in giro, incluso l’ Homo heidelbergensis, che condivideva somiglianze sia con l’Homo erectus che con gli umani moderni, ma con un’anatomia più primitiva rispetto al successivo Neanderthal. Nella storia più recente, negli ultimi 10.000 anni, ci sono stati cambiamenti significativi a cui gli esseri umani si sono adattati. La vita agricola e l’abbondanza di cibo hanno portato a problemi di salute che abbiamo usato la scienza per risolvere, come il trattamento del diabete con l’insulina. In termini di aspetto, gli esseri umani sono diventati più grassi e, in alcune zone, più alti. Forse, quindi, potremmo evolverci per essere più piccoli in modo che i nostri corpi abbiano bisogno di meno energia, suggerisce Thomas Mailund, professore associato di bioinformatica presso l’Università di Aarhus, in Danimarca, che sarebbe utile su un pianeta altamente popolato:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Vivere insieme a molte persone è una nuova condizione a cui gli esseri umani devono adattarsi. Ai tempi in cui eravamo cacciatori-raccoglitori, ci sarebbero state una manciata di interazioni su base giornaliera. Mailund suggerisce che potremmo evolverci in modi che ci aiutino ad affrontare questo problema. Ricordare i nomi delle persone, ad esempio, potrebbe diventare un’abilità molto più importante. È qui che entra in gioco la tecnologia. “Un impianto nel cervello ci consentirebbe di ricordare i nomi delle persone“, afferma Thomas. “Sappiamo quali geni sono coinvolti nella costruzione di un cervello che sia bravo a ricordare i nomi delle persone. Potremmo semplicemente cambiarlo. Sembra più fantascienza. Ma possiamo farlo subito. Possiamo impiantarlo ma non sappiamo come collegarlo per renderlo utile. Ci stiamo arrivando, ma è molto sperimentale”. “Non è più una questione biologica, è tecnologica”, ha detto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Attualmente, le persone hanno impianti per riparare un elemento del corpo che è rotto, come un pacemaker o un impianto all’anca. Forse in futuro, gli impianti verranno utilizzati semplicemente per migliorare una persona. Oltre agli impianti cerebrali, potremmo avere parti più visibili della tecnologia come elemento del nostro aspetto, come un occhio artificiale con una fotocamera in grado di leggere diverse frequenze di colore e immagini. Abbiamo tutti sentito parlare di bambini firmati. Gli scienziati hanno già la tecnologia per cambiare i geni di un embrione, anche se è controverso e nessuno è sicuro di cosa succederà dopo. Ma in futuro, suggerisce Mailund, potrebbe essere considerato immorale non modificare determinati geni. Con ciò può venire la scelta delle caratteristiche di un bambino, quindi forse gli umani avranno l’aspetto che i loro genitori vogliono che assomiglino:

“Sarà ancora selezione, ora è solo selezione artificiale. Quello che facciamo con le razze di cani, lo faremo con gli umani”, ha detto Mailun. Tutto questo è piuttosto ipotetico, ma le tendenze demografiche possono darci un’idea di come potremmo apparire in futuro? “Prevedere un milione di anni è pura speculazione, ma prevedere nel futuro più immediato è certamente possibile utilizzando la bioinformatica combinando ciò che è noto sulla variazione genetica ora con modelli di cambiamento demografico in futuro“, afferma il dott. Jason A. Hodgson, docente, Grandi sfide negli ecosistemi e nell’ambiente.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ora che abbiamo campioni genetici di genomi completi di esseri umani in tutto il mondo, i genetisti stanno ottenendo una migliore comprensione della variazione genetica e di come è strutturata in una popolazione umana. Non possiamo prevedere esattamente come cambierà la variazione genetica, ma gli scienziati nel campo della bioinformatica stanno guardando alle tendenze demografiche per darci qualche idea. Hodgson prevede che l’area urbana e rurale diventerà sempre più differenziata all’interno delle persone. “Tutta la migrazione proviene dalle aree rurali verso le città, quindi si ottiene un aumento della diversità genetica nelle città e una diminuzione nelle aree rurali“, ha affermato. “Quello che potresti vedere è la differenziazione lungo le linee in cui vivono le persone”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Varia in tutto il mondo, ma nel Regno Unito, ad esempio, le aree rurali sono meno diversificate e hanno più antenati che sono stati in Gran Bretagna per un periodo di tempo più lungo rispetto alle aree urbane che hanno una popolazione di migranti più elevata. Alcuni gruppi si riproducono a velocità superiori o inferiori. Le popolazioni in Africa, ad esempio, si stanno espandendo rapidamente, quindi quei geni aumentano con una frequenza maggiore a livello di popolazione globale. Le aree di colore della pelle chiara si riproducono a velocità inferiori. Pertanto, prevede Hodgson, il colore della pelle da una prospettiva globale diventerà più scuro.

“È quasi certo che il colore della pelle scura stia aumentando di frequenza su scala globale rispetto al colore della pelle chiara”, ha detto. “Mi aspetterei che la persona media tra diverse generazioni avrà un colore della pelle più scuro di quello che ha adesso“. E per quanto riguarda lo spazio? Se gli umani finissero per colonizzare Marte, come ci evolveremmo? Con una gravità inferiore, i muscoli del nostro corpo potrebbero cambiare struttura. Forse avremo braccia e gambe più lunghe. In un clima più freddo, da era glaciale, potremmo persino diventare ancora più paffuti, con peli sul corpo isolanti, come i nostri parenti di Neanderthal? Non lo sappiamo, ma di certo la variazione genetica umana è in aumento. In tutto il mondo ci sono circa due nuove mutazioni per ognuno dei 3,5 miliardi di paia di basi nel genoma umano ogni anno, dice Hodgson. Il che è piuttosto sorprendente e rende improbabile che saremo uguali tra un milione di anni. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: www.bbcearth.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.