Fumo erba: quando può causare seri problemi di salute, ecco perché l’età conta secondo un nuovo studio scientifico

Un gruppo di ricercatori scientifici è giunto alla conclusione che fumare erba in gioventù non rappresenterebbe un grosso problema ma proseguire lo stesso andamento anche in età adulta potrebbe creare danni alla salute del consumatore:

In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Addiction Research & Theory, un team di ricercatori dell’Università del Queensland in Australia ha esaminato i risultati di successo sia per i consumatori di cannabis che di anfetamine. Utilizzando i dati di oltre 8.000 madri e 2.000 bambini sull’uso di droghe all’età di 21 e 30 anni, il team ha scoperto che entrambe le sostanze erano associate a tassi di successo inferiori sulla base di nove criteri specifici, tra cui istruzione, reddito, proprietà della casa, stato relazionale e felicità dichiarata , ma solo se hanno continuato fino all’età adulta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per tutti gli stoner offesi là fuori, lo studio ha probabili carenze. Per prima cosa, quel set di dati su madri e bambini in Australia è strano e altamente locale – alcuni dei suoi dati, infatti, risalgono al 1981 – e non è affatto garantito che rappresenti una popolazione globale più ampia o più contemporanea. Dall’altro, la proprietà della casa e lo stato della relazione non sono necessariamente le misure più forti del successo. Un’altra questione sostanziale che i ricercatori hanno riconosciuto è che i dati non riflettevano se i consumatori di cannabis in questione si stessero dilettando anche con altre droghe oltre alle anfetamine, lasciando un’enorme questione di correlazione in bilico sui risultati dell’erba. “Non disponiamo di dati adeguati su altre droghe illecite che potrebbero essere utilizzate, ad esempio ecstasy, oppiacei e persino droghe sintetiche“, hanno scritto gli scienziati nello studio. “Un sottogruppo di coloro che usano cannabis e anfetamine potrebbe anche utilizzare una serie di altre droghe e potrebbe essere che i nostri risultati riflettano il poliuso di droghe in generale piuttosto che l’uso specifico di cannabis e anfetamine”. Tuttavia, i risultati sono interessanti, almeno come punto di partenza per ulteriori studi. Fondamentalmente, i ricercatori hanno scoperto che le persone che si dilettavano con le droghe quando erano più giovani tendevano a fare bene nella vita, purché si riprendessero in breve tempo. Dopo 30, tuttavia, tutte le scommesse erano annullate.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Abbiamo scoperto che le persone che usavano cannabis e anfetamine a 30 anni avevano livelli di successo nella vita sostanzialmente inferiori”, ha detto Najman in un comunicato stampa. Oltre ai dati instabili, vale la pena ricordare che la cannabis può sconvolgerti la vita in modi che non sono affatto direttamente correlati alla droga. Le persone che ne vengono catturate possono rimanere invischiate nel sistema di giustizia penale, ad esempio, dando il via a una spirale di scarsi risultati che si autoavvera. La nuova ricerca, dal canto suo, sembra girare intorno a quel punto senza coglierne del tutto le implicazioni. “Il comportamento antisociale e il contatto con il sistema di giustizia penale sono i più forti predittori del consumo continuato di droghe, insieme a problemi a scuola e comportamenti aggressivi o delinquenti nella prima infanzia”, ​​ha affermato Najman nella dichiarazione, aggiungendo che i risultati “sollevano la possibilità che il gli interventi per i bambini che mostrano segni precoci di comportamento antisociale o scarso rendimento scolastico possono ridurre l’uso di droghe e portare a un migliore successo nella vita”.

Vale la pena notare, tra l’altro, che l’Australia è stata una notevole eccezione alla più ampia tendenza globale della legalizzazione della cannabis, che potrebbe insaporire sia i dati che le conclusioni di questo particolare studio. Vale la pena notare, tra l’altro, che l’Australia è stata una notevole eccezione alla più ampia tendenza globale della legalizzazione della cannabis, che potrebbe insaporire sia i dati che le conclusioni di questo particolare studio.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.