Alzheimer, perché alcuni popoli della foresta amazzonica sono quasi totalmente “immuni” secondo un nuovo studio scientifico

Una famiglia del popolo Tsimane

I popoli europei e statunitensi sanno bene che l’Alzheimer e altri tipi di demenza possono comportare gravi e drammatici effetti devastanti sulle persone, ma ciò che è meno chiaro è come iniziano nel cervello e cosa si può fare per curarli o impedire che si verifichino in primo luogo. Alcuni indizi potrebbero essere trovati tra gli indigeni che vivono nella foresta amazzonica, quasi del tutto esenti da questa terribile malattia cerebrale. In un nuovo studio, infatti, due di queste tribù si sono rivelate avere alcuni i tassi di demenza più bassi al mondo. Uno dei suggerimenti suggeriti da una tale scoperta è l’idea che potrebbe esserci qualcosa nella nostra vita post-industriale che potrebbe provocare tassi più elevati di questi disturbi cerebrali. Anche se non significa che dovremmo dedicarci tutti alla caccia e alla raccolta, è una considerazione per coloro che studiano la demenza e il suo impatto. Lo studio ha concentrato la sua attenzione su due gruppi dell’Amazzonia boliviana:

Due donne Tsimane – di cui una di età avanzata – con un bambino

il popolo Tsimane ed il popolo Moseten. Osservando i dati medici sui componenti di queste due popolazioni, i ricercatori hanno riscontrato come i tassi di demenza tra le persone anziane sono risultati intorno all’1% circa, rispetto all’11% di quelli riscontrati in soggetti di età pari o superiore a 65 anni negli Stati Uniti. “Qualcosa nello stile di vita di sussistenza preindustriale sembra proteggere gli anziani Tsimane e Moseten dalla demenza”afferma la psicologa Margaret Gatz , della University of Southern California (USC). Le valutazioni della demenza sono state effettuate con una combinazione di tomografia computerizzata (TC), valutazioni cognitive e questionari su misura per la cultura a cui erano rivolti. Sebbene i tassi di demenza fossero relativamente bassi, una forma meno grave nota come “decadimento cognitivo lieve” (MCI) era tanto diffusa quanto nei paesi ad alto reddito come gli Stati Uniti:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Una famiglia Tsimane – NBC

circa l’8% delle persone Tsimane e il 10% delle persone Moseten hanno dei segni della malattia da “demenza lieve”. La prossima via di indagine per i ricercatori consisterà nell’esaminare più precisamente cosa sta causando la disparità. Ricerche precedenti in altre parti del mondo hanno una prevalenza della demenza che varia dallo 0,5% al ​​20% negli anziani autoctoni. C’è ovviamente un’enorme differenza tra uno stile di vita post-industriale e quello di una tribù indigena dell’Amazzonia – in termini di stile di vita, dieta, esercizio, igiene, farmaci e altro – ma è difficile individuare i fattori di rischio individuali dalla pila. Inoltre, alcuni gruppi indigeni hanno adottato stili di vita più contemporanei di altri: il popolo Moseten è meno isolato del gruppo Tsimane, ad esempio, vive più vicino alle città e alle scuole, con un migliore accesso all’acqua pulita. Quello che sappiamo è che la vita sedentaria, urbana e industriale è piuttosto nuova se confrontata con il modo in cui i nostri antenati hanno vissuto per oltre il 99% dell’esistenza dell’umanità“, afferma l’antropologo Benjamin Trumble, dell’Arizona State University. Anche se c’è ancora molto che non sappiamo, la nostra comprensione della demenza sta migliorando:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Alcune donne Moseten – culturalvariant.org

Studi precedenti hanno dimostrato che sia l’ inattività fisica che l’aumento dell’inquinamento atmosferico possono svolgere un ruolo, ad esempio, e potrebbero essere coinvolti in questo triste fenomeno attuale. Un indizio che potrebbe essere offerto dalla nuova ricerca sono le calcificazioni insolite o l’indurimento delle arterie cerebrali riscontrate in quei partecipanti con demenza o MCI. Gli scienziati stanno ancora cercando di capire come potrebbero essere collegati il ​​flusso sanguigno e la demenza. Poi ci sono le malattie cardiache e una possibile associazione con l’invecchiamento cerebrale. Il popolo Tsimane, ad esempio, è noto per avere un cuore particolarmente sano in età avanzata rispetto al resto della popolazione. Siamo in una corsa per soluzioni alla crescente prevalenza del morbo di Alzheimer e delle demenze correlate“, afferma l’antropologa Hillard Kaplan , della Chapman University in California. “Guardare queste diverse popolazioni aumenta e accelera la nostra comprensione di queste malattie e genera nuove intuizioni”. La ricerca è stata pubblicata su Alzheimer’s & Dementia .

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.