I funghi comunicano con un linguaggio simile a quello umano, straordinaria

Un nuovo studio ha identificato modelli di attività elettrica simile a un nervo prodotta dai funghi. Inoltre, i modelli all’interno dell’attività sembrano essere paragonabili a strutture simili nel linguaggio umano.

Supponendo che gli impulsi possano influenzare altre attività cellulari in una rete di funghi, è una scoperta che potrebbe gettare nuova luce sulla comunicazione negli organismi micologici. L’informatico Andrew Adamatzky, dell’Università dell’Inghilterra occidentale nel Regno Unito, è stato in grado di individuare fino a 50 diverse “parole” o gruppi di picchi di attività prodotti dalle reti di funghi studiate. I ronzii elettrici nei funghi sono noti da anni , ma analizzare questa attività come se fosse un linguaggio potrebbe rivelare molte cose che non sappiamo su cosa rappresenti questo fenomeno dei funghi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Supponendo che i picchi di attività elettrica siano utilizzati dai funghi per comunicare ed elaborare le informazioni nelle reti del micelio, raggruppiamo i picchi in parole e forniamo un’analisi della complessità linguistica e delle informazioni dell’attività di picchi del fungo”, scrive Adamatzky nel suo nuovo articolo. Adamatzky ha esaminato l’attività elettrica in quattro tipi di funghi, cercando modelli in funghi fantasmaOmphalotus nidiformis ), funghi EnokiFlammulina velutipes ), funghi branchialiSchizophyllum commune ) e funghi brucoCordyceps militaris ). L’attività elettrica è stata rilevata e registrata utilizzando minuscoli microelettrodi inseriti nelle aree in cui i funghi si erano colonizzati e i picchi di attività sono stati quindi organizzati in gruppi. Ogni tipo di fungo variava in termini di durata e lunghezza delle punte, con alcune punte che duravano fino a 21 ore. È stato dimostrato che i funghi a branchia divisa mettono insieme le “frasi” più complesse, ma nel complesso la “lunghezza delle parole” fungina media di 5,97 – misurata da gruppi di punte – corrispondeva a lingue come l’inglese (4,8) e il russo (6).

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Non sappiamo se esiste una relazione diretta tra i modelli di picchi nei funghi e il linguaggio umano”, ha detto Adamatzky al Guardian. “Forse no. D’altra parte, ci sono molte somiglianze nell’elaborazione delle informazioni in substrati viventi di classi, famiglie e specie diverse. Ero solo curioso di fare un confronto”. Sebbene i confronti con il linguaggio umano siano notevoli, la ricerca non fornisce alcuna indicazione di ciò che la rete dei funghi potrebbe comunicare, se non del tutto, o del motivo per cui questi organismi potrebbero aver bisogno di tenersi in contatto in un’area più ampia. Considerando che i funghi vivono vite piuttosto semplici, non ci sono molte possibilità che vengono in mente. È possibile che questi segnali siano modi in cui i funghi sono in grado di avvertire delle minacce alla loro sopravvivenza o, ad esempio, di un cambiamento nelle risorse disponibili.

L’ecologo Dan Bebber dell’Università di Exeter nel Regno Unito, che non è stato coinvolto nello studio, afferma che c’è ancora molta strada da fare prima di poter essere sicuri che i funghi parlino tra loro. “Sebbene interessante, l’interpretazione come linguaggio sembra in qualche modo eccessivamente entusiasta e richiederebbe molte più ricerche e test di ipotesi critiche prima di vedere ‘funghi’ su Google Translate”, ha detto Bebber al GuardianLa ricerca è stata pubblicata su Royal Society Open Science. Leggi anche:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anche gli alberi hanno la loro “internet”: una rete di comunicazione con “accenti” variabili a livello regionale fatta di funghi

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.