Perché ci sono tracce di DNA di insetti nelle bustine di tè

Pelle, peli e altri elementi organici degli esseri umani, seppur piccolissimi, contengono tracce del nostro DNA. Questo semplice concetto vale anche per gli insetti, aracnidi ed altri invertebrati:

Dai ragni agli scarafaggi, gli invertebrati lasciano anche una scia organica sul loro percorso, anche su eventuali foglie di tè in crescita che potrebbero aver masticato o anche solo sfiorato. Gli scienziati hanno appena rilevato la prova di ben 1.200 diverse specie di invertebrati in soli 40 campioni di tè ed erbe essiccate. Quello che mi ha davvero sorpreso è stata l’elevata diversità che abbiamo rilevato”, ha detto a The Scientist il genetista ecologico Henrik Krehenwinkel della Trier University . “Abbiamo trovato nel tè verde fino a 400 specie di insetti in una singola bustina di tè. In totale, i ricercatori hanno trovato le tracce di 3.264 invertebrati tra cui predatori, erbivori, detritivori e parassiti provenienti da tutto il mondo, nei campioni di tè ed erbe prodotti commercialmente acquistati nei negozi di alimentari tedeschi. C’erano tracce di DNA di ragni, scarafaggi, acari, mosche, farfalle, mantidi e molto altro. Krehenwinkel e colleghi sospettano che la straordinaria diversità sia dovuta al modo in cui vengono lavorate le erbe essiccate (foglie di tè, menta e prezzemolo):

- Prosegue dopo la pubblicità -

mentre vengono macinate, il DNA di tutte le parti del campo in cui vengono coltivate le colture (probabilmente compresi alcuni insetti interi e le loro uova) vengono conservati, mescolato e diffusi nell’intero lotto. Il DNA ambientale risultante (eDNA) fornisce ai ricercatori informazioni sufficienti per individuare dove sono state coltivate le piante, nonché un’istantanea della biodiversità degli invertebrati presente nell’area. Il materiale vegetale essiccato sembra particolarmente adatto come nuovo strumento per monitorare gli artropodi e le interazioni artropodi-pianta, rilevare i parassiti agricoli e identificare l’origine geografica del materiale vegetale importato“, ha scritto il team nel loro articoloTuttavia, avvertono, “[mentre] il nostro approccio eDNA rappresenta uno sviluppo importante per il monitoraggio degli artropodi, va notato che non è privo di pregiudizi e richiederà un’ulteriore standardizzazione in futuro“. Ad esempio, gli scienziati non sanno ancora se alcune specie passerebbero inosservate perché lasciano meno tracce genetiche su queste piante, nonostante siano prevalenti nell’ambiente circostante. Indipendentemente da ciò, questo metodo fornisce chiaramente molte informazioni a cui non potevamo accedere facilmente prima. Quindi potrebbe essere utilizzato per semplificare il monitoraggio ambientale e forse anche aiutare a espandere le registrazioni delle specie indietro nel tempo, utilizzando esemplari di erbario museale:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Le collezioni di piante nei musei, potrebbero davvero essere utili per capire come sono cambiate le comunità di insetti?” chiede Krehenwinkel in The Scientist . “Quando sono stati pubblicati per la prima volta gli studi sul declino degli insetti, molte persone si sono lamentate del fatto che non ci sono dati reali a lungo termine”. Krehenwinkel ed il suo team stanno ora lavorando su questo per cercare di scoprirlo. Si spera che questi record siano ottenibili poiché tutti facciamo affidamento su insetti e altri invertebrati per aiutare a gestire il nostro sistema di supporto vitale: il nostro ambiente naturale. Leggere le foglie di tè potrebbe davvero fornirci alcune informazioni vitaliQuesta ricerca è stata pubblicata in Biology Letters.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.