Meloni: allarme pesticidi, ecco dove e come evitarli!

Ecco che scatta l’allarme pesticidi sui meloni! E’ stato condotto un nuovo test in Svizzera, dalla rivista K-tipp che ha sottolineato la presenza di pesticidi, alcuni anche vietati in Europa in 13 meloni su 20 analizzati. In totale sono stati trovati 15 pesticidi differenti, in meloni venduti in molti supermercati e discount del paese.

I meloni sono uno dei frutti più acquistati in estate! Ricchi d’acqua, rinfrescano e rigenerano, molto consumati in questo periodo non possono e non devono contenere pesticidi dannosi! Proprio in Svizzera qualche settimana fa è stato effettuato un referendum in cui veniva chiesto il divieto dell’uso di pesticidi, ma i risultati non sono stati quelli sperati. La maggioranza degli svizzeri ha deciso di continuare ad acquistare prodotti con pesticidi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I meloni analizzati durante il test, sono stati acquistati nella maggior parte dei supermercati e discount del paese ed erano provenienti dalla Spagna, Italia, Marocco, Costa Rica, Guadalupa e Honduras. Le analisi di laboratorio hanno ricercato fino a 600 pesticidi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dai risultati sono 7 meloni su 20 non hanno pesticidi, tra cui 3 sono biologici. Tutti gli altri prodotto analizzati avevano la presenza di sostanze come fungicidi. Tra i meloni con pesticidi, 9 meloni presentavano la presenza di acido fosfonico utilizzato proprio come fungicida, 6 meloni invece contenevano tracce di propamocarb, un prodotto neurotossico che può interferire con il sistema endocrino.

In altri 3 meloni invece c’erano tracce di carbendazim e benomil presente anche dal melone proveniente dall’Italia, questi due pestidici anti muffa sono stati vietati in Europa già da molto tempo, perchè possono alterare il DNA, provocano problemi di fertilità e inquinano provocando gravi danni alle api. Altri 2 meloni contenevano Imazalil e tiofanato metile, entrambe le sostanze sono definite cancerogene e tossiche per gli animali acquatici.

- Prosegue dopo la pubblicità -

E’ anche vero che i pesticidi si trovano sulla buccia, ma nulla toglie che in qualche modo possono penetrare nella polpa che andiamo a consumare. Nessun pesticida invece per il cocomero baby della Lidl proveniente dalla Spagna.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.