Un comune integratore alimentare può aumentare il rischio di cancro e metastasi, secondo uno studio

Un integratore di una forma di vitamina B3 conosciuta come nicotinamide riboside (NR),commercializzata come integratore alimentare, sembra che possa aumentare il rischio di cancro e anche di metastasi al cervello. Questo è ciò che è risultato da uno studio recente. Questo integratore nello specifico aumenta i livelli di energia cellulare ed è sempre stato utilizzato, principalmente per questo scopo.

Lo studio chiamato “The NADPARK study: A randomized phase I trial of nicotinamide riboside supplementation in Parkinson’s disease” pubblicato sulla rivista Cell, ha sottolineanto che questo integratore potrebbe rallentare la progressione del Parkinson, prevenendo la morte delle cellule nervose, inoltre è stato dimostrato che questa molecola può avere effetti antinfiammatori sull’organismo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sui siti che trattano questo integratore, si possono leggere informazioni legate a benefici come longevità, cognizione, perdita di peso, diminuizione della stanchezza e molto altro. Questo ovviamente ha reso la vitamina molto popolare e quindi molto utilizzata, ma secondo questo nuovo studio potrebbe non essere sicura.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il team dell’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia (EPFL) di Losanna e del Dipartimento di Chimica dell’Università del Missouri (Stati Uniti)in collaborazione con la società SwissLumix SARL, dell’Istituto Ludwig per la ricerca sul cancro dell’Università di Losanna e del Nestlé Institute of Health Sciences, sono riuscit a scoprire questa correlazione. I ricercatori, coordinati dalla professoressa Elena Goun, hanno analizzato gli effetti della nicotinamide riboside proprio perché supporta l’aumento dei livelli di energia cellulare. Questo legato al metabolismo accelerato, può avvantaggiare le cellule tumorali. Quindi è positivo assumerlo?

Gli studiosi hanno somministrato l’integratore ai topi per verificarne quanto sia pesante l’impatto a lungo termine, l’assunzione di questo integratore è stato legato all’aumento di cancro e di metastasi celebrali, che purtroppo non è possibile curare al momento. “Alcune persone prendono integratori perché presumono automaticamente che abbiano solo benefici per la salute, ma si sa molto poco su come funzionano effettivamente”, ha sottolineato la professoressa Goun.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo ad esempio è legato all’acquisto e alla somministrazione dell’integratore, fino ad oggi si sa ben poco degli effetti che questa molecola può avere sulla nostra salute, ma viene venduto tranquillamente senza alcun controllo medico. Ovviamente per confermare questa teoria, sono necessarie nuove ricerche per approfondire questi risultati che sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Biosensors and Bioelectronics.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.