La foresta più antica del mondo: le radici fossili hanno 385 milioni di anni – foto e video

Una veduta aerea di un fossile di Archaeopteris , un albero di 385 milioni di anni con radici dall’aspetto sorprendentemente moderno. William Stein e Christopher Berry

Si stima che gli alberi del pianeta Terra, con i suoi tre trilioni di abitanti, superino in numero le stelle della Via Lattea! Queste meraviglie legnose assorbono l’anidride carbonica, proteggono il suolo dall’erosione, fanno circolare l’acqua attraverso gli ecosistemi e sostengono innumerevoli forme di vita. E dobbiamo in gran parte ringraziare i loro sofisticati sistemi di radici:

I ricercatori stanno accanto a un fossile perfettamente conservato del sistema radicale degli Archaeopteris nel sito del Cairo. Charles Ver Straeten

Germogliando dalla base dei tronchi degli alberi, le radici sono l’equivalente arboreo di un tratto digestivo, scambiando acqua e sostanze nutritive con il terreno circostante. Le radici ancorano letteralmente una pianta e quanto più sono estese, tanto più grande e forte può crescere la pianta fuori terra. Nelle loro forme moderne, hanno aiutato gli alberi a dominare i loro habitat e a diffondersi in tutto il mondo. Le radici massimizzano la capacità fisiologica [di un albero]”, afferma Christopher Berry , paleobotanico dell’Università di Cardiff nel Regno Unito. “Un sistema di radicazione efficiente è la chiave per avere un albero di successo.” Ma le radici non hanno sempre avuto l’aspetto che hanno oggi, e i ricercatori si sono interrogati a lungo su come e quando gli alberi abbiano sviluppato il loro vasto sistema idraulico sotterraneo. Ora, una nuova ricerca di Berry e dei suoi colleghi suggerisce che le versioni moderne di queste stupende strutture sono più profondamente radicate nell’albero genealogico arboreo di quanto si fosse mai pensato prima. Il loro team ha scoperto la foresta più antica conosciuta della Quarry near Cairo, situato nella vicina Gilboa, (nella contea di New York, negli Stati Uniti d’America), come dettagliato oggi nella rivista Current Biology . Con 385 milioni di anni, gli antichi boschi sono antecedenti alla nascita delle piante produttrici di semi, un gruppo che comprende quasi tutti gli alberi viventi. La foresta paleozoica ospita anche i resti di intricati sistemi di radici di alberi che hanno una strana somiglianza con quelli ancora esistenti oggi. Gli alberi, a quanto pare, hanno trovato presto la loro strategia di radicazione ideale e da allora sono rimasti fedeli a essa.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Un fossile che mostra il sistema radicale modesto e relativamente semplice dell’Eospermatopteris, una pianta denoviana che somiglia superficialmente a una moderna felce arborea. William Stein

“Ciò spinge… [le origini] di questo tipo di apparato radicale indietro nel tempo”, afferma Patricia Gensel dell’Università della Carolina del Nord, una paleobotanica specializzata in piante del Devoniano, che copre il periodo da 419 milioni a 360 milioni di anni. fa. “Nella metà del Devoniano, abbiamo alberi piuttosto sofisticati”, dice Gensel, che non è stato coinvolto nello studio. “Prima di questo, non saremmo mai stati in grado di dirlo.” I ricercatori sono a conoscenza del sito del Cairo e del suo potenziale tesoro di fossili da decenni. Ma è stato solo nel 2009 che i colleghi di Berry del New York State Museum hanno scoperto uno dei più grandi tesori del sito: i resti perfettamente conservati di un elaborato sistema di radici. Le radici, che si estendevano per circa 18 piedi dalla base dei tronchi e scavavano in profondità nel terreno, erano robuste, ramificate e intricate, con delicate radichette che si allargavano dalle punte. Sembravano, in altre parole, “straordinariamente moderni, essenzialmente quello che vedresti fuori nel mio cortile in questo momento”, dice l’autore principale William Stein, paleobotanico della Binghamton University. Ma separare i fossili dagli abeti rossi vicini a Stein è un abisso evolutivo di circa 385 milioni di anni. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le radici fossilizzate, hanno capito i ricercatori, appartenevano all’Archaeopteris ( da non confondere con il dinosauro non imparentato Archaeopteryx , simile ad un uccello ), un genere che secondo i ricercatori ha prodotto il primo “albero moderno”. Come le querce e gli aceri di oggi, gli Archaeopteris vantavano foglie verdi e piatte ideali per assorbire la luce solare e tronchi circonferenziali e robusti che aiutavano la pianta a crescere e ad elevarsi. Le massicce radici rivelate al Cairo ora hanno aggiunto un’altra caratteristica contemporanea agli Archaeopteris , conferendo agli alberi una tripla di caratteristiche di utilizzo delle risorse che probabilmente li hanno aiutati a conquistare le foreste del mondo verso la fine del Devoniano, dice Stein. “La chiamiamo rivoluzione”, dice. “Molte di queste caratteristiche… segnalano un tasso metabolico più elevato. E compaiono in Archaeopteris tutti insieme, quasi come un miracolo.

Una ripresa aerea di un apparato radicale ben conservato di Archaeopteris (a sinistra), accanto alle radici di un altro albero fossile che potrebbe appartenere al gruppo dei licopsidi. William Stein e Christopher Berry

#fossile #foresta #paleontologia

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.