Spielberg, Scorsese, Coppola e De Niro lanciano un appello per Jafar Panahi

«Negli ultimi dieci anni, l’Iran ha messo al bando le pellicole di Panahi. Lo scorso ottobre gli è stato confiscato il passaporto, impedendogli di lasciare il Paese, quindi è stato arrestato». Questa frase è tratta dal comunicato firmato da grandi esponenti storici della cinematografia statunitense registi del calibro di Steven Spielberg, Martin Scorsese, Francis Ford Coppola, Michael Moore e Oliver Stone ma anche da attori famosi come Robert De Niro che si sono tutti uniti per portare avanti la causa della volontà dei colleghi di voler scarcerare il regista iraniano Jafar Panahi, arrestato nel suo paese d’origine per aver partecipato a contestazioni contro il governo. O almeno inizialmente il motivo era questo dato che adesso le accuse del governo Iraniano contro Panahi coinvolgono adesso anche i suoi film. «Come accade per gli artisti altrove – continua l’appello americano – i registi iraniani dovrebbero essere celebrati, non censurati».

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.