Mogherini “basta partership con Russia” ma agroalimentare rischia perdita di 10 miliardi

Mogherini“ll Ministro Mogherini ha dichiarato «Il partenariato tra Ue e Russia è finito », magari pensando ad ulteriori sanzioni.

Non so se il neo Alto Rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza ha ben presente che la Russia è il terzo partner commerciale dell’Ue che, a sua volta, è il primo per la Russia; l’Unione europea è il più importante investitore nella Federazione, oltre il 75% degli investimenti esteri diretti in Russia proviene da Stati membri dell’Ue. Mosca acquista inoltre miliardi di euro di prodotti agroalimentari italiani e il danno economico che deriva da un approccio basato esclusivamente su sanzioni è inimmaginabile per un Paese come il nostro in cui, in piena crisi e deflazione, l’unico comparto che ancora tiene è quello agroalimentare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Che l’Unione europea non abbia mai avuto una sua politica estera è più che evidente, anzi è nota la sua debolezza nel prendere posizioni chiare in quasi tutti gli scenari internazionali, ma mai come ora urge una linea chiara e definita. La Federazione Russa cosi come l’Ucraina sono partner “speciali”, con i quali l’Ue intrattiene appunto relazioni strategiche. Il partenariato con la Russia in atto ormai da circa 10 anni è indispensabile tanto per la Russia quanto per l’Ue e non solo per motivi economici. La condivisione di regioni limitrofe comuni implica la collaborazione su aspetti internazionali, incluse le attività di contrasto al terrorismo, la non proliferazione, il processo di pace e la lotta alla contraffazione. Certamente, le vicende che ormai da qualche tempo investono i rapporti tra la Russia e alcuni Paesi del partenariato orientale primi tra tutti l’Ucraina suggeriscono una revisione dell’approccio adottato nei confronti della Russia, ma la sintesi proposta dalla nuova lady PESC è sconcertante.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Che dire, come inizio non c’è male.

PS: Per l’export italiano sarà un danno enorme, l’Italia è il quinto fornitore di Mosca. Di conseguenza, saranno penalizzati in primis i vini, la pasta, la carne, l’olio, il formaggio e l’ortofrutta, tutti prodotti molto apprezzati dai russi, che hanno subito un calo molto pesante già dall’inizio della crisi in Ucraina.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel 2013 le esportazioni verso la Federazione Russa sono state quantificate in 10,4 miliardi di euro di valore, cosa succederà se Putin, a causa dei ulteriori sanzioni, non volesse più nostri prodotti? Non saranno certo i fondi messi a disposizione dalla UE a compensare le perdite al settore.” lo afferma il parlamentare italiano Manlio Di Stefano sulla sua pagina facebook.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.