Crolla fertilità negli Stati Uniti, scienziati: “non sappiamo perché”

Il tasso di natalità negli Stati Uniti ha toccato un nuovo minimo storico, con donne in quasi tutte le età che hanno dato alla luce meno bambini di un anno fa. Nuove cifre mostrano solo 60.2 bambini nati nel 2017 per ogni 1.000 donne in età fertile (15-44 anni) – un basso non visto negli Stati Uniti da quando i funzionari hanno iniziato a tracciare i tassi di natalità nazionali decenni fa.  La statistica – contenuta in nuovi dati di nascita provvisori per il 2017 rilasciati dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) – è il cosiddetto tasso generale di fertilità (GFR), che ha visto un calo del 3% rispetto al tasso del 2016: il più grande singolo -anno declino del GFR dal 2010.

Ci sono altre misure chiave per tenere traccia dei tassi di natalità in aggiunta al GFR, ma ognuno di essi suggerisce essenzialmente la stessa cosa: che la fertilità negli Stati Uniti sta calando in modo significativo per ragioni che i ricercatori non riescono a comprendere. Una di tali misure è il tasso di fertilità totale (TFR), una stima del numero di nascite che un ipotetico gruppo di 1.000 donne avrebbe nel corso della vita, in base ai tassi di natalità specifici per età.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per il 2017, si attesta a 1.764,5 nascite (ogni 1.000 donne), un altro calo del 3% rispetto ai livelli del 2016, portando il TFR al suo punto più basso dal 1978. Inoltre, il TFR è ora chiaramente centinaia di nascite, a meno di quello che viene chiamato “sostituzione”: il livello di nascite necessario a una generazione per replicare il suo numero di abitanti. Negli Stati Uniti, quel marcatore è di 2.100 parti per 1.000 donne – ben al di sopra dell’attuale 1.764,5 – sebbene il deficit non sia nulla di nuovo: il CDC dice che il tasso di natalità negli Stati Uniti è stato generalmente inferiore alla sostituzione dal 1971.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Continuando il tema, il numero totale di nascite negli Stati Uniti per il 2017 è stato di 3.853.472 – una diminuzione del 2% rispetto al 2016, ma anche il terzo anno consecutivo in calo, con conseguente numero di nascite in 30 anni. Una parte del quadro generale può essere spiegata dal fatto che i tassi di natalità sono generalmente calati per tutte le donne in età fertile – tranne per una categoria di età: le donne di età compresa tra 40 e 44 anni hanno effettivamente il 2% in più di bambini rispetto al 2016, mentre praticamente ogni altra fascia di età visto declina o è rimasto invariato.

Ciò che rende questa tendenza al ribasso più difficile da comprendere è che la popolazione complessiva delle donne in età fertile è significativamente maggiore di dieci anni fa, con il 7% in più di donne tra i 20 ei 39 anni nel 2017 rispetto al 2007. “Ogni anno guardo i dati e mi aspetto che sarà l’anno in cui i tassi di natalità cominceranno a spuntare, e ogni anno raggiungiamo un altro minimo storico“, il demografo dell’Università del New Hampshire Kenneth M. Johnson, che non fu coinvolto in il rapporto, ha detto al New York Times . “È uno dei grandi misteri demografici degli ultimi tempi.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Non che sia un enigma totale. Le donne sotto i 40 anni negli Stati Uniti stanno avendo meno figli di quanto non fossero soliti, ma non è una tendenza all’isolamento totale da altri cambiamenti sociali. Allo stesso tempo, dicono i ricercatori , queste donne stanno rinviando il matrimonio, raggiungendo livelli più alti di istruzione e entrando nella forza lavoro in numero maggiore. Ci sono anche fattori economici temporali da considerare, come la misura in cui le ombre della Grande Recessione influenzano ancora la vita delle persone – il che potrebbe far ritenere che il ritardo nell’iniziare una famiglia (o posticipare l’aggiunta a una). “I nostri dati di sondaggio mostrano che le persone hanno dichiarato che stavano rinviando la nascita fino a quando l’economia non si è ripresa”, ha detto alla CNN la demografa Gretchen Livingston del Pew Research Center .

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Ogni volta che c’è una recessione economica, è abbastanza normale che ci sia anche una diminuzione della fertilità”. Mentre gli esperti dicono che non dovremmo mettere troppa scorte nei risultati di soli un anno di dati – il che potrebbe essere un blip – è chiaro che c’è una tendenza al ribasso anche qui, il cui futuro non è ancora chiaro. Se questa tendenza continua senza sosta, potrebbe avere profonde implicazioniper l’economia statunitense del futuro – dato che la popolazione infantile bassa di oggi sarà quella dei lavoratori di domani, e se il loro numero non si riprenderà presto, neanche il futuro sarà il futuro. forza lavoro. Questa è la prospettiva economica, almeno. Da un’altra prospettiva – dato quello che sappiamo sui modi più efficaci per ridurre la tua impronta di carbonio – c’è anche un sicuro rialzo, dal punto di vista ambientale, nell’avere meno figli. “Ci sono esperti là fuori che sostengono che, date risorse limitate, forse c’è un vantaggio nell’abbassare la crescita della popolazione” , ha detto Livingston , “che potrebbe essere guidata da un minor numero di nascite”. Il tutto, seppur condivisibile, strizza l’occhio alle teorie del complotto sulla riduzione forzata della popolazione mondiale. Speriamo che il tutto sia solo un caso. I risultati sono disponibili sul sito Web del CDC .

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.