Balena muore sulla spiaggia: trovate 80 buste di plastica nello stomaco. Non gettate i rifiuti nel mare! – video

Il 1 ° giugno 2018, la guardia costiera thailandese ha cercato di salvare una balena. L’animale è morto poco dopo. Il piccolo globicefalo è stato trovato in fin di vita in un canale vicino al confine malese, ha spiegato il dipartimento delle risorse marine su Facebook. Una squadra di veterinari ha tentato di “stabilizzarlo”, ma “alla fine” l’animale è morto, si legge sul post. L’autopsia ha rivelato che nello stomaco del cetaceo c’erano 80 buste di plastica del peso di 8 chilogrammi.

Durante il tentativo di salvataggio, la balena pilota aveva vomitato cinque sacchetti. Il Paese è tra i maggiori consumatori al mondo delle inquinanti e ‘indistruttibili’ buste, spesso fatali per gli animali selvatici e fonte di gravissimo inquinamento.  È stata una corsa contro il tempo per salvare la balena pilota, che è morta lentamente dopo essere stata scoperta lunedì in Tailandia vicino al confine con la Malesia. Una squadra di soccorritori ha schierato le boe per impedire al mammifero di scivolare nell’acqua e annegare mentre i veterinari la mantenevano. Ha vomitato cinque sacchetti di plastica durante il tentativo di salvataggio. La balena è morta venerdì dopo un combattimento di cinque giorni, ha detto il Dipartimento per le risorse marine e costiere del paese, diventando l’ultimo incidente di alto profilo della vita marina costretta a vivere negli oceani pieni di rifiuti umani. Video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le foto pubblicate sui social media hanno mostrato così tanti lunghi sacchetti di plastica nera che le autorità stavano esaurendo lo spazio per manovrare in sala operatoria senza stare in piedi sulla spazzatura. Un fascio di plastica bianca è stato mostrato accanto alle interiora che si estendono su un tavolo operatorio. Funzionari thailandesi hanno detto che credono che la balena abbia scambiato la plastica galleggiante per del cibo. Le balene pilota si nutrono principalmente di calamari, ma sono anche conosciute per cacciare polpi, seppie e piccoli pesci quando il calamaro si dimostra sfuggente, ha detto la Società americana dei cetacei. Thon Thamrongnawasawat, un biologo marino e docente presso l’Università Kasetsart di Bangkok, ha dichiarato all’Agence France-Presse che la plastica probabilmente ha impedito alla balena di digerire il cibo.

Se hai 80 borse di plastica nello stomaco, alla fine muori”, ha detto, aggiungendo che almeno 300 animali marini, tra cui altri esemplari di balene pilota, tartarughe marine e delfini, muoiono ogni anno dopo aver ingerito plastica nelle acque tailandesi. Più di 5 trilioni di rifiuti – e il conteggio – sono negli oceani del mondo, secondo uno studio del 2014. Di questo, circa 245.000 tonnellate (270.000 tonnellate) di detriti di plastica grandi e piccoli sono in superficie. Uno studio pubblicato l’anno scorso ha rilevato che l’83% dei campioni di acqua provenienti da oltre una dozzina di nazioni sono stati contaminati da fibre di plastica. Non era chiaro se la balena fosse una balena pilota a pinne corte o con pinne lunghe, sebbene i piloti a pinna corta attraversino comunemente le acque più calde tipiche del sud-est asiatico. I maschi crescono fino a 6 metri (20 piedi) e pesano fino a 2,7 tonnellate (3 tonnellate), con femmine che superano i 5 metri (16 piedi) e 1,3 tonnellate (1,5 tonnellate), secondo l’American Cetacean Society. La spazzatura nell’oceano ha colpito altre specie di balene. Ecco le 80 buste di plastica trovate nello stomaco della povera balena pilota deceduta:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un’autopsia ha rivelato dozzine di sacchetti di plastica che bloccavano lo stomaco della balena, con un peso di 7,7 chilogrammi (17 libbre), l’agenzia ha scritto su Facebook. Ad aprile, un capodoglio di 10 metri (33 piedi) di quasi 6.800 chilogrammi (15.000 libbre) è stato trovato morto su una spiaggia spagnola. Più di 60 chili di spazzatura hanno intasato il suo sistema digestivo. E nel 2016, alcune degli oltre 30 capodogli spiaggiati spiaggiati in Europa sono stati trovati con detriti di plastica nello stomaco, National Geographic ha riferito , tra cui una grande rete da pesca, un cofano motore e cocci di un secchio di plastica. Questo articolo è stato originariamente pubblicato da The Washington Post . Ogni anno, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, almeno 300 animali marini muoiono nelle acque thailandesi per aver ingerito plastica abbandonata in natura.  A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.