Nel mare più plastica che pesci. Fermiamo subito questo scempio – video

Ambiente Salute

La lotta per vietare l’uso dei sacchetti di plastica a titolo definitivo negli acquisti commerciali è finalmente arrivata nelle Americhe. Il Cile, una nazione sudamericana che consuma e smaltisce circa 3,4 milioni di sacchetti di plastica all’anno, ha approvato una legislazione che prevede sei mesi per la vendita a grandi magazzini e supermercati di vietare i sacchetti di plastica dai negozi. “Abbiamo compiuto un passo fondamentale per prenderci più cura del Cile e del pianeta”, ha scritto il presidente cileno Sebastián Piñera su Twitter . “Oggi siamo più preparati a lasciare un pianeta migliore ai nostri figli, nipoti e alle generazioni future”. L’impegno del Cile per l’eliminazione delle buste di plastica arriva quando le Nazioni Unite hanno dichiarato che il tema è al centro della Giornata mondiale dell’ambiente il 5 giugno . Secondo le Nazioni Unite, più di 60 nazioni sono attualmente impegnate nell’affrontare il consumo di sacchetti di plastica, con prelievi o divieti che dimostrano le misure più efficaci. In un nuovo rapporto intitolato ” Plastiche monouso: una roadmap per la sostenibilità “, l’organizzazione incoraggia i funzionari di tutto il mondo a mantenere lo slancio contro l’inquinamento da plastica con una migliore gestione dei rifiuti, alternative ecologiche, educazione e strategie di riduzione volontaria.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

“La valutazione mostra che l’azione può essere indolore e redditizia – con enormi guadagni per le persone e il pianeta che aiutano a prevenire i costosi costi a valle dell’inquinamento“, ha affermato Erik Solheim, responsabile dell’UN Environment, nella prefazione del rapporto. In un monotono avvertimento che dimostra quanto grande sia stato il problema dell’inquinamento plastico, il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha recentemente ammonito che senza un’azione radicale in tutto il mondo, entro il 2050 ci saranno più pezzi di plastica nel mare che pesci.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“L’inquinamento plastico è diventato un’epidemia”scrive l’agenzia . “Ogni anno, gettiamo via abbastanza plastica per fare quattro volte la Terra. Gran parte di questo spreco non lo trasforma in una discarica, ma finisce nei nostri oceani, dove è responsabile dell’uccisione di un milione di uccelli marini e di 100.000 mammiferi marini ogni Per il bene del pianeta, è tempo di ripensare a come usiamo la plastica”. Mentre tali previsioni tristi e stimate sembrano imbevute di iperboli, il ciclo di notizie quotidiane di orribili scoperte negli oceani del mondo offre credibilità. All’inizio di questa settimana, una balena in Thailandia colpita da veterinari e volontari ha iniziato a vomitare sacchetti di plastica . Dopo che è scomparso, l’autopsia ha rivelato più di 80 sacche nello stomaco della balena. “Non possiamo aiutarla”, ha detto su Facebook Facebook, il biologo marino Thon Thamrongnawasawat . “Nessuno può aiutare una balena pilota con 8 chilogrammi di busta di plastica nello stomaco“. Questa specie di balena, abituata a nutrirsi di meduse e calamari, potrebbe invece incontrare questi sosia mortali, come il subacqueo Richard Horner ha documentato al largo di Bali a marzo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anche se i ricercatori scrutano per la prima volta in alcune delle regioni più profonde e inesplorate dell’oceano, stanno vedendo borse di plastica fluttuare nell’abisso. A maggio, gli scienziati che studiavano i fondali marini della Fossa delle Marianne, il punto più profondo del mondo a 36.000 piedi, si imbatterono in un sacchetto di plastica , uno dei 3000 pezzi di spazzatura risalenti a circa 30 anni fa. Questa scoperta arriva sulla scia di uno studio del 2017 che ha rilevato che il 100% degli animali recuperati dalla fossa delle Marianne aveva ingerito la plastica. “I risultati sono stati immediati e sorprendenti”, ha dichiarato il team leader Dr. Alan Jamieson. “Questo tipo di lavoro richiede una grande quantità di controllo della contaminazione, ma ci sono stati casi in cui le fibre potevano effettivamente essere viste nel contenuto dello stomaco mentre venivano rimosse”. Per quanto riguarda l’azione personale sui sacchetti di plastica, l’ONU offre questo utile promemoria: “Se non puoi riutilizzarlo, rifiutalo”. “La plastica non è il problema“, ha aggiunto Solheim. “È quello che facciamo con questo.”

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).