Alimentazione: la nostra dieta è basata su oltre 500 calorie al giorno di cibi ultra-lavorati.

I cibi lavorati sono quelli più veloci, facili, economici ma davvero nocivi per la nostra salute.
Gli alimenti lavorati sono sotto esame dopo che uno studio del National Institutes of Health ha rilevato che le persone trattate con diete ultra-elaborate assumono più calorie e guadagnano più peso rispetto a quando hanno assunto la stessa quantità di nutrienti da alimenti meno elaborati.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La scoperta suggerisce che c’è qualcosa di diverso, sulla velocità con cui nostro corpo assorbe cibi elaborati e come questi alimenti interagiscano con ormoni chiave che aiutano a regolare i nostri appetiti.
Ma questa non è la prima volta che gli alimenti lavorati sono legati a ricerche scientifiche e sono risultati pericolosi. Altri ricercatori hanno collegato alimenti preconfezionati e confezionati all’aumento di casi di tumore e morti premature.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questa crescente evidenza solleva una domanda un po ‘complicata: come possiamo determinare che un cibo sia o meno lavorato? Dopotutto, anche un panino con insalata di pollo preparato a casa può essere considerato un pasto elaborato.
Per rispondere a questa domanda, gli scienziati e gli esperti di nutrizione usano spesso un sistema a quattro livelli chiamato NOVA che classifica tutto ciò che mangiamo in una di queste quattro categorie: ingredienti culinari non trasformati o lavorati minimamente, alimenti trasformati e prodotti alimentari e bevande ultra-elaborate.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli alimenti non trasformati includono parti commestibili di piante (frutta, verdura, semi, radici, ecc.) O animali, oltre a funghi e alghe. Questi possono essere freschi, congelati o addirittura fermentati – l’importante distinzione è che non sono stati trattati con additivi,salati o conditi fino al momento in cui non vengono serviti. Gli esempi includono fagioli secchi; cereali come il riso; funghi freschi o secchi; carne e prodotti lattiero-caseari; frutti di mare; yogurt bianco; noccioline; e spezie.

Gli ingredienti culinari elaborati implicano un aumento della produzione. Si tratta di ingredienti a base di alimenti non lavorati, come oli vegetali, burro e strutto. Questa categoria include anche il cibo estratto, come il miele di pettini, lo zucchero di canna e lo sciroppo di aceri.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli alimenti trasformati sono cibi a cui vengono aggiunti ingredienti come zucchero, sale e grasso per mantenerli più commestibili. Frutta in scatola, pane fermentato (che la maggior parte dei pani sono fatti con lievito), alcol, formaggio, sottaceti e noci salate fanno di questa lista.

Infine, ci sono cibi ultra-elaborati. Questi alimenti sono progettati per essere pronti da mangiare e pronti per essere riscaldati in qualsiasi momento. Per rendere ciò possibile, questi alimenti sono spesso prodotti in una fabbrica, scomposti dalla loro forma naturale o fresca e trattati con addensanti, coloranti, smalti e additivi. Possono essere fritti prima di essere confezionati in lattine o involucri. Potrebbero contenere sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, grassi e olii di vario tipo. Esempi di alimenti ultra-elaborati includono barrette di cereali confezionate, bibite gassate, caramelle, pane prodotto in serie, margarina, bevande energetiche, yogurt aromatizzato, crocchette di pollo e hot dog.

Questi sono i motivi a cui i ricercatori fanno riferimento quando affermano che i cibi ultra-elaborati sono legati a più casi di cancro, morti premature e aumento di peso.
Naturalmente, questi alimenti tendono anche ad essere più convenienti e meno costosi rispetto a quelli meno lavorati, dal momento che sono meno deperibili.
“Il cibo ultra-elaborato ha molti vantaggi in termini di praticità”, ha detto a Business Insider Kevin Hall, l’autore principale dello studio NIH. “È economico, resta buono per molto tempo ‘, non devi avere tutti gli ingredienti freschi a portata di mano, che invece potrebbero andare a male, non devi avere tutta l’attrezzatura per preparare questi pasti da zero”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma gli esperti, tra cui Hall, dicono che se si riesce a ridurre l’assunzione di questi cibi ultra-elaborati riusciremmo mantenere un peso sano e rimanere senza malattie.
“Non puoi semplicemente tassarli e renderli più costosi e meno convenienti per le persone”, ha affermato. “Bisognerebbe anche spingere ad utilizzare i cibi più sani e meno elaborati”

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).