Il timo distrugge lo streptococco dalla gola, il virus dell’influenza e combatte le infezioni respiratorie

Alimentazione Botanica Scienza

I timi ( Timo , dal greco antico θύμος thýmos ) o Quendel [1] sono un genere di piante da fiore all’interno della famiglia delle Lamiaceae (Lamiaceae). Alcune specie e le loro varietà sono piante medicinali e speziate , il più noto è il timo ( Thymus vulgaris ). Anche il timo di sabbia ( Thymus serpyllum ), il timo limone ( Thymus × citriodorus ) e ilIl timo a foglia larga ( Thymus pulegioides ) è importante nella cultura occidentale e nell’erboristeria mentre risulta opportuno ricordare che il timo inebriante strettamente correlato ( Thymbra capitata ) non appartiene al genere Thymus. Forse non tutti sanno che, se utilizzate correttamente, queste piante possono persino contrastare efficacemente lo streptococco dalla gola, il virus dell’influenza e le infezioni respiratorie. Ecco perché

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il timo è usato come erba in cucina e come pianta medicinale, in tisane o anche in caramelle (ad esempio le note Ricola). Nel tè alle erbe, è usato per trattare le infezioni respiratorie. Un tè al timo è efficace anche per drenare il fegato, quindi è raccomandato dalla naturopatia per le persone sottoposte a chemioterapia, un trattamento per il fegato soggetto a danneggiamento. Inoltre:

- Prosegue dopo la pubblicità -

In aromi o infusione è un disinfettante del tratto digestivo, spesso usato in combinazione con il rosmarino e la salvia. Il timo allevia la digestione difficile. L’infusione di timo può essere utilizzata nel collutorio in caso di infiammazione delle gengive e dei gargarismi in caso di irritazione della gola o dell’angina. Ma soprattutto il timo o i preparati contenenti timo vengono utilizzati nella fumigazione per il trattamento della rinite e della sinusite. Sarebbe consigliato anche per l’ infiammazione delle gola e paranasali seni , e contro i sintomi di bronchite e convulsa e infezioni da Staphylococcus aureus, Salmonella typhimurium e Klebsiella pneumoniae. Il timo può anche essere usato per le malattie del fegato. Nel mondo, inoltre, il timo è noto per questi utilizzi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

In Grecia, timo è stato utilizzato sin dai tempi antichi come additivo per fumiganti, ovvero per incentivare le capacità mentali. Nel Medioevo, il timo era già utilizzato come preziosa pianta medicinale, ad esempio per contrastare l’asma o la mancanza di respiro. Oggi, il timo viene utilizzato in diversi modi. Specie del genere Thymus trovate come erbe secche o fresche , possono produrre oli essenziali e oleoresine , come pianta da giardino e come pianta medicinale nella medicina popolare, omeopatia e sempre più nella medicina classica. Tuttavia, solo una piccola parte delle specie risultano di importanza commerciale, vale a dire il thymus mastichina , il timo di sabbia ( Thymus serpyllum ), il vero timo ( Thymus vulgaris ) e il Yoke-timo ( Thymus zygis ), inoltre, secondo il sistema qui utilizzato non appartiene più al genere heady timo ( Thymbra capitata ). Per la produzione del timo della droga farmaceutica (Thymi herba), secondo la farmacopea europea, sono consentite solo le due specie Thymus vulgaris e Thymus zygis o una miscela di entrambe le specie. La pianta principale del farmaco Quendelkraut è il Thymus serpyllum . Infine, opportuno risulta ricordare che:

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’ingrediente efficace del timo genuino è l’olio essenziale (1,0-2,5%). È costituito principalmente dai monoterpeni timolo (25-50%) e carvacrolo (3-10%), nonché p-cimene, borneolo e linalolo. L’olio essenziale ha un’azione secretolitica , secretomotoria e broncospasmolitica . Inoltre, a causa del timolo e del carvacrolo attraverso un’inibizione della cicloossigenasi un effetto antinfiammatorio.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito. Fonti:

François Couplan , piante e dei loro nomi: Tales misteriosi , Edizioni Quae, leggi online  [ archivio ] ) , p.  120

- Prosegue dopo la pubblicità -

 Grieve, Maud (signora). Timo. Un’erba moderna . Versione ipertestuale dell’edizione del 1931  [ archivio ] .

↑ ”  Thyme (Thymi herba)  ”  [ archivio ] , su buecher.heilpflanzen-welt.de (consultato il 4 novembre 2016 )

↑ Ph. P. Na. Fabre d’Eglantine , Rapporto presentato alla Convenzione nazionale nella sessione del 3 ° del secondo mese del secondo anno della Repubblica francese , pag.  27  [ archivio ]

- Prosegue dopo la pubblicità -
  1.  Eckhart J. Hunter, Friedrich Ebel, Peter Hanelt, Gerd Müller K. (ed.): Exkursionsflora della Germania . Fondata da Werner Rothmaler. Volume  5 : piante erbacee ornamentali e utili . Springer, Spektrum Academic Publisher, Berlino / Heidelberg 2008, ISBN 978-3-8274-0918-8 .
  2. ↑ Vai a:j Ramón Morales: la storia, la botanica e la tassonomia del genere Thymus. In: Elisabeth Stahl-Biskup, Francisco Sáez (a cura di): Timo: The Genus Thymus (= Piante medicinali e aromatiche: profili industriali. 24). Taylor & Francis, Londra, 2002, ISBN 0-415-28488-0 , pagg. 1-43.
  3.  Manfred Bocksch: il libro pratico delle piante medicinali. blv, Monaco 2007, ISBN 978-3-8354-0235-5 .
  4.  Brian M. Lawrence, Arthur O. Tucker: il genere Thymus come fonte di prodotti commerciali. Elisabeth Stahl-Biskup, Francisco Sáez (a cura di): Timo: The Genus Thymus (= Piante medicinali e aromatiche: profili industriali. 24). Taylor & Francis, Londra, 2002, ISBN 0-415-28488-0 , pagg. 252-262.
  5.  Antonio Zarzuelo, Esperanza Crespo: l’uso medico e non medico del timo. In: Elisabeth Stahl-Biskup, Francisco Sáez (a cura di): Timo: The Genus Thymus (= Piante medicinali e aromatiche: profili industriali. 24). Taylor & Francis, Londra, 2002, ISBN 0-415-28488-0 , pagg. 263-290.
  6.  Rudolf Hänsel, Otto Sticher: Farmacognosia – Fitofarmacia. 9a edizione. Medicina Springer, Heidelberg 2009, ISBN 978-3-642-00962-4 , pagg. 1023-1024.
  7.  Siegfried Bäumler: Heilpflanzenpraxis oggi. Urban & Fischer, Monaco di Baviera 2007, ISBN 978-3-437-57271-5 , p. 412.
  8. ↑ salto in alto da:un aa da ac annuncio ae af ag ah ai di aj ak al am ao ap aq ar come au av aw ax ay az ba bb bc bd essere bf bg bh bi bj bk bl bm bn bo bp bq br bs bt bu bv bw bx da bz ca cb cc cd ce cf cg ch ci cj ck cl cm cn co cp cq cr cs ct cu cv cw cx cy cz come db dc dd de df dg ie di dj dk dl dm dn fare dp dq dr ds dt du dv DW dx dy dz bis e ter e quater Ed ee ef esempio eh ei ej ek el em en eo ep eq egli è et eu ev ew ex ey ez Rafaël Govaerts (ed.) : Lamiaceae , 2003 in ACCESS: 1-216203. In: Rafaël Govaerts (a cura di): Thymus. in:Elenco di controllo mondiale delle famiglie selezionate di piante (WCSP) – Il consiglio di fondazione dei Royal Botanic Gardens, Kew . Accesso effettuato il 1 gennaio 2019.
  9. ↑ Timo nella rete di informazioni sulle ri