Press "Enter" to skip to content

Ibuprofene: può provocare gravi danni e peggiorare le malattie che invece dovrebbe aiutare a trattare

L’Agenzia nazionale francese per la sicurezza dei medicinali e dei dispositivi medici (ANSM) ha avvertito medici e pazienti dei rischi che l’uso del dell’ibuprofene e di un farmaco simile, il ketoprofene , comportano nel trattamento di alcune infezioni. Inoltre, ha chiesto alle autorità europee di svolgere un’indagine approfondita su questi due medicinali. L’ibuprofene si è affermato negli ultimi decenni come il farmaco più usato, dopo il paracetamolo, contro i lievi casi di dolore, infiammazione e febbre. Ma assicurano che potrebbe aggravare le stesse infezioni che è destinato a trattare con il suo uso, e un ampio studio è stato richiesto a livello europeo dopo aver rilevato 337 complicanze dall’uso del farmaco .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel 2015 l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) aveva già messo in guardia sui rischi cardiovascolari di questo stesso medicinale, che è disponibile al banco in molti paesi ed è ampiamente utilizzato, specialmente nei bambini. Angina, rinofaringite, otite, tosse, infezione polmonare e persino lesioni cutanee e varicella potrebbero peggiorare con l’uso dell’ibuprofene, ha avvertito il recente rapporto dell’agenzia francese . Lo hanno concluso i centri regionali di Tours e Marsiglia esistono numerose infezioni, in particolare gli streptococchi, che possono peggiorare assumendo questi due farmaci . Queste complicanze sono state osservate dopo periodi di trattamento molto brevi (da due a tre giorni) quando l’ibuprofene o il ketoprofene erano stati prescritti o usati nell’automedicazione per febbre, problemi infiammatori benigni della pelle, respiratori o naso, orecchie e gola .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Precedenti studi si erano concentrati sulle dosi somministrate, che avevano raccomandato di ridurre. Questi studi hanno concluso che nella stragrande maggioranza delle occasioni non è necessario utilizzare la dose più venduta (600 milligrammi per gli adulti) e che la dose da 400 milligrammi è sufficiente. L’uso dell’ibuprofene è stato anche collegato a disturbi cardiaci, intestinali e vascolari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fraysse marziale , presidente dell’Ordine delle Farmacie nell’Ile de France (la regione di Parigi) e un membro dell’Accademia della Farmacia hanno spiegato perché ha aspettato così tanto tempo per emettere questo avvertimento. Ha affermato che, in effetti, da più di 20 anni il suo settore ha scoraggiato l’uso di alcuni antinfiammatori come l’ibuprofene o il ketoprofene nei bambini e nei giovani adulti dopo aver confermato gravi effetti collaterali nella popolazione.

Per circa venti anni abbiamo rilevato due decessi all’anno, oltre a gravi complicazioni infettive. Abbiamo a che fare con due batteri, pneumococchi o streptococchi, che hanno brutalmente amplificato i loro effetti con l’uso di questi farmaci anti-infiammatori. Non dovrebbero essere usati così come , anche in brevi periodi a causa del pericolo che contengono “.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Allo stesso modo, l’ANSM ha dato le regole per l’uso corretto di questo antinfiammatorio, che include l’uso nella ” dose minima efficace, con la durata più breve “, interrompendo il trattamento non appena i sintomi scompaiono e non prolungandolo per più di tre giorni nel caso febbre o più di cinque se c’è dolore, oltre a evitarlo in caso di varicella.

Fonte: bioguia.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.