Coltivare sulle coperture industriali è possibile, il progetto di un ingegnere ecologo

Il modello di piastrella idroponica è più leggero di una piastrella o piastrella convenzionale, a prova di perdite.

Coltiva grano, forse fagioli o una semplice lattuga. L’agronomo Sérgio Rocha vuole che possiamo coltivare sulle tegole, letteralmente. Tanto che ha creato la prima piastrella idroponica per coltivare vari tipi di piante come verdure o verdure.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dal 2008 l’agronoma ed ecologa Fabiana Scarda ricerca e sviluppa tecnologie per tetti verdi sospesi. Molti clienti richiedono preventivi per l’installazione di frutteti su tegole in laterizio o fibrocemento (ovviamente, privo di amianto!), ma è una sfida per le caratteristiche di questi materiali, che non possono essere sovraccaricati in modo permanente. Da un problema è nata l’idea di sviluppare Kaatop:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Oltre ad essere molto più leggero di una normale piastrella, il nuovo prodotto è reso a prova di infiltrazione, il che toglie a molti una grande paura.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Stiamo iniziando a renderci conto che le tecnologie esistenti sono coperture in lastre e tetti già impermeabilizzati. Così abbiamo deciso di creare un prodotto che semplifichi l’installazione e possa svolgere la funzione di piastrella. Sérgio Rocha.

Kaatop non ha bisogno di una membrana impermeabilizzante, poiché è sigillata dalla posa della piastrella stessa. Il prodotto è stato testato dall’IPT ( Institute for Technological Research ) e ” non è stata trovata una goccia, né con la simulazione di pioggia e vento forte, né con il proprio sistema di irrigazione “, afferma Sérgio. L’intero sistema è automatizzato e l’agricoltore urbano può controllare a distanza umidità, contenuto di fertilizzanti, consumo di acqua, temperatura e pH.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Coltivazione idroponica.

Nonostante i non credenti, la coltivazione del cibo sui tetti sembra essere arrivata per restare e con il nuovo sistema, oltre a piantare pomodori, zucchine e fragole, sarà possibile coltivare riso, fagioli, avena e persino mais sul tetto di un Casa. Rocha è entusiasta di andare ” oltre i pomodorini e il basilico “, testando colture degne di sfamare la popolazione urbana. Il suo progettista sottolinea che poiché il sistema di coltivazione è idroponico, le possibilità sono infinite. Si possono coltivare fino a 20 piante per metro quadrato. Sono già stati raccolti sette chili di chicchi di grano in soli 35 metri quadrati. Durante i test effettuati in Italia, il raccolto di sette metri quadrati è stato sufficiente a soddisfare il fabbisogno giornaliero di verdura fresca di una persona, tenendo conto dei 400 grammi al giorno consigliati dalla FAO.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -