Londra, 1952: nebbia inquinata uccide migliaia di persone ed animali, cittadini indossarono mascherine. Studio individua le cause e mette in guardia per il futuro

Il Grande Smog di Londra , o Grande Smog del 1952 , fu un grave evento di inquinamento atmosferico che colpì la capitale britannica all’inizio di dicembre 1952. Un periodo di clima insolitamente freddo, combinato con un anticiclone e condizioni di assenza di vento, raccolse inquinanti atmosferici, per lo più derivanti da l’uso del carbone – per formare uno spesso strato di smog sulla città. Durò da venerdì 5 dicembre a martedì 9 dicembre 1952, per poi disperdersi rapidamente quando il tempo cambiò. [5] Ha causato gravi disagi riducendo la visibilità e persino penetrando nelle aree interne, molto più gravemente dei precedenti eventi di smog, chiamati ” zuppa di piselli“:

- Prosegue dopo la pubblicità -

I rapporti medici del governo nelle settimane successive all’evento hanno stimato che fino a 4.000 persone erano morte come conseguenza diretta dello smog [1] e altre 100.000 si sono ammalate a causa degli effetti dello smog sulle vie respiratorie umane. Ricerche più recenti suggeriscono che il numero totale di vittime potrebbe essere stato considerevolmente maggiore, con stime comprese tra i 10.000 ed i 12.000 morti. [1] [2] Londra ha sofferto dal XIII secolo di una cattiva qualità dell’aria [6], che è peggiorata nel 1600. [7] [8] Si ritiene che il Grande Smog sia il peggior evento di inquinamento atmosferico nella storia del Regno Unito, [9] e il più significativo per i suoi effetti sulla ricerca ambientale, la regolamentazione del governo e la consapevolezza pubblica della relazione tra qualità dell’aria e salute. [1] [7] Ha portato a diversi cambiamenti nelle pratiche e nei regolamenti, incluso il Clean Air Act del 1956.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un periodo di clima insolitamente freddo precedente e durante il Grande Smog portò i londinesi a bruciare molto più carbone del solito per riscaldarsi. Mentre i carboni “duri” di migliore qualità (come l’ antracite ) tendevano ad essere esportati per ripagare i debiti della seconda guerra mondiale, [10] il carbone domestico del dopoguerra tendeva ad essere di una varietà solforosa di grado relativamente basso (simile alla lignite ) che ha aumentato la quantità di anidride solforosa nel fumo. C’erano anche numerose centrali elettriche a carbone nell’area della Grande Londra , tra cui Fulham , Battersea , Bankside , Greenwich e Kingston upon Thames, che ha aggiunto all’inquinamento. Secondo il Met Office del Regno Unito , i seguenti inquinanti sono stati emessi ogni giorno durante il periodo di smog: 1.000 tonnellate di particelle di fumo, 140 tonnellate di acido cloridrico, 14 tonnellate di composti del fluoro e 370 tonnellate di anidride solforosa che potrebbero essere state convertite in 800 tonnellate di acido solforico. [5] Le dimensioni relativamente grandi delle goccioline d’acqua nella nebbia di Londra consentivano la produzione di solfati senza che l’acidità del liquido aumentasse abbastanza da fermare la reazione, e l’acido debole risultante si concentrò quando la nebbia fu bruciata dal sole. [11] La ricerca suggerisce che ulteriori sistemi di prevenzione dell’inquinamento installati a Battersea potrebbero aver peggiorato la qualità dell’aria. Il lavaggio dei fumi ha ridotto la temperatura dei fumi; quindi non si sono alzati ma si sono invece accasciati al livello del suolo, causando un fastidio locale. [12] Inoltre, c’era inquinamento e fumo dagli scarichi dei veicoli, in particolare dalle locomotive a vapore e dagli autobus a diesel che avevano sostituito il sistema di tram elettrico recentemente abbandonato . Anche altre fonti industriali e commerciali hanno contribuito all’inquinamento atmosferico. [13]

- Prosegue dopo la pubblicità -
Colonna di Nelson, dicembre 1952

Il 4 dicembre 1952, un anticiclone si stabilì su una Londra senza vento, provocando un’inversione di temperatura con aria fredda e stagnante intrappolata sotto uno strato (o “coperchio”) di aria calda. [14] [15] La nebbia risultante, mescolata con il fumo dei camini domestici e industriali, particolato come quelli degli scarichi dei veicoli a motore e altri inquinanti come l’anidride solforosa, formò uno smog persistente, che ricoprì la capitale il giorno successivo. La presenza di particelle catramose di fuliggine conferiva allo smog il suo colore giallo-nero, da cui il soprannome di “zuppa di piselli” . [13] L’assenza di vento significativo ne ha impedito la dispersione e ha consentito un accumulo di inquinanti senza precedenti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sebbene Londra fosse abituata a forti nebbie , questa era più densa e più duratura di qualsiasi nebbia precedente. [16] La visibilità è stata ridotta a pochi metri (“È come se fossi cieco” [17] ) rendendo la guida difficile o impossibile. Il trasporto pubblico è cessato, a parte la metropolitana di Londra , e il servizio di ambulanza si è fermato, costringendo gli utenti a trasportarsi in ospedale. Lo smog era così denso che filtrava anche all’interno, con conseguente cancellazione o abbandono di concerti e proiezioni di film poiché la visibilità diminuiva in ampi spazi chiusi e palchi e schermi diventavano più difficili da vedere dai sedili. [18] Anche gli eventi sportivi all’aperto furono cancellati. [19] Nella periferia interna di Londra e lontano dai centri urbani, non c’era disturbo spostando il traffico per diradare la fitta nebbia nelle strade secondarie. Di conseguenza, la visibilità potrebbe essere inferiore a un metro o giù di lì durante il giorno. Uscire di casa divenne una questione di muovere i piedi per sentire potenziali ostacoli come i cordoli delle strade. La situazione peggiorava anche di notte poiché ogni lampione sul retro dell’epoca era dotato di una lampadina a incandescenza , che non dava luce penetrante sul marciapiede per consentire ai pedoni di vedere i loro piedi o persino il lampione. Le lampade fluorescenti antinebbia divennero ampiamente disponibili solo più tardi negli anni ’50. Le “maschere smog” erano indossate da chi poteva acquistarle in farmacia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Non c’era panico, perché Londra era famigerata per la sua nebbia. Nelle settimane che seguirono, tuttavia, le statistiche compilate dai servizi medici hanno rilevato che la nebbia aveva ucciso 4.000 persone. [20] La maggior parte delle vittime era molto giovane o anziana, o aveva problemi respiratori preesistenti. Nel febbraio 1953, Marcus Lipton suggerì alla Camera dei Comuni che la nebbia aveva causato 6.000 morti e che altre 25.000 persone avevano richiesto l’ indennità di malattia a Londra durante quel periodo. [21] La mortalità è rimasta elevata per mesi dopo la nebbia. Un rapporto preliminare, mai finalizzato, attribuiva la colpa di quelle morti a un’epidemia di influenza . [1] Prove emergenti hanno rivelato che solo una frazione dei decessi potrebbe essere dovuta all’influenza. [22] La maggior parte dei decessi sono stati causati da infezioni delle vie respiratorie , da ipossia e come conseguenza dell’ostruzione meccanica delle vie aeree da parte del pus derivante da infezioni polmonari causate dallo smog. [23] [24] [25] Le infezioni polmonari erano principalmente broncopolmonite o bronchite purulenta acuta sovrapposte alla bronchite cronica. [26][27] La ricerca pubblicata nel 2004 suggerisce che il numero di vittime fosse considerevolmente maggiore delle stime contemporanee, circa 12.000. [1] [2]

- Prosegue dopo la pubblicità -

La legislazione ambientale dal 1952, come il City of London (Various Powers) Act del 1954 e i Clean Air Acts del 1956 e del 1968, ha portato a una riduzione dell’inquinamento atmosferico. Sono stati offerti incentivi finanziari alle famiglie per sostituire i fuochi a carbone aperti con alternative (come l’installazione di fuochi a gas), o per coloro che preferivano, per bruciare coke invece che produce fumo minimo. Il riscaldamento centralizzato (che utilizzava gas, elettricità, petrolio o combustibili solidi consentiti) era raro nella maggior parte delle abitazioni a quel tempo, non trovando favore fino alla fine degli anni ’60 in poi. Nonostante i miglioramenti, sono stati compiuti progressi insufficienti per prevenire un ulteriore evento di smog circa dieci anni dopo, all’inizio di dicembre 1962. [28]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nella narrativa popolare – Il grande smog è l’evento centrale della stagione 1 , episodio 4 di Netflix spettacolo The Crown . La rappresentazione dell’inquinamento atmosferico era considerata dai critici ragionevolmente accurata, sebbene si pensasse che l’importanza politica e il caos negli ospedali fossero stati notevolmente esagerati. [29] The Great Smog è l’ambientazione dell’audio play di Doctor Who The Creeping Death. [30] Gli studi moderni hanno individuato la possibile causa: Per cinque giorni nel dicembre 1952, una nebbia che conteneva sostanze inquinanti avvolse tutta Londra. Quando la fitta coltre di nebbia si è sollevata, più di 150.000 persone erano state ricoverate in ospedale e almeno 4.000 persone erano morte. I ricercatori ora stimano che il numero totale di morti fosse probabilmente superiore a 12.000 persone, oltre a migliaia di animali. Nonostante la sua natura letale, la causa esatta e la natura della nebbia assassina sono rimaste in gran parte un mistero. Recentemente, un team di ricercatori ha determinato le probabili ragioni della sua formazione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori hanno collegato per molto tempo le emissioni derivanti dalla combustione del carbone con la nebbia assassina, ma i processi chimici specifici che hanno portato alla miscela mortale di inquinamento e nebbia non sono stati completamente compresi. Per determinare cosa ha trasformato la nebbia in un assassino, un team internazionale di scienziati provenienti da Cina, Stati Uniti e Regno Unito ha ricreato la nebbia in un laboratorio utilizzando i risultati di esperimenti di laboratorio e misurazioni atmosferiche di Pechino e Xi’an, due città fortemente inquinate in Cina.  L’autore principale dello studio Renyi Zhang, uno scienziato atmosferico presso la Texas A&M University, ha affermato che il solfato è stato un grande contributo alla mortale nebbia di Londra. Anche le particelle di acido solforico, che si sono formate dall’anidride solforosa che è stata rilasciata dalla combustione del carbone, erano una componente della nebbia. La domanda era: come si è trasformata l’ anidride solforosa in acido solforico? Un filmato dell’epoca:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“I nostri risultati hanno mostrato che questo processo è stato facilitato dal biossido di azoto, un altro co-prodotto della combustione del carbone, e si è verificato inizialmente sulla nebbia naturale”, ha detto Zhang in una nota . “Un altro aspetto chiave nella conversione dell’anidride solforosa in solfato è che produce particelle acide, che successivamente inibiscono questo processo”. La nebbia naturale conteneva particelle più grandi, ha spiegato Zhang, con le particelle acide più piccole distribuite uniformemente. Quando quelle particelle di nebbia evaporarono, una foschia acida fu lasciata a coprire la città.

L’aria delle città in Cina, che è spesso molto inquinata, ha una chimica simile alla nebbia assassina di Londra, hanno scoperto Zhang e i suoi colleghi. La Cina ha combattuto l’inquinamento atmosferico per decenni e, secondo i ricercatori, ospita 16 delle 20 città più inquinate del mondo. Ad esempio, l’inquinamento atmosferico a Pechino spesso supera di gran lunga gli standard accettabili dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti. I ricercatori hanno affermato che la principale differenza tra lo smog cinese e la nebbia assassina di Londra è che la foschia cinese è composta da nanoparticelle molto più piccole. Inoltre, la formazione di solfato è possibile solo con l’ammoniaca, hanno aggiunto gli scienziati. “In Cina, l’anidride solforosa è emessa principalmente dalle centrali elettriche. Il biossido di azoto proviene da centrali elettriche e automobili, e l’ammoniaca proviene dall’uso di fertilizzanti e dalle automobili”, ha detto Zhang. “Ancora una volta, i giusti processi chimici devono interagire affinché la foschia mortale si verifichi in Cina. È interessante notare che, mentre la nebbia di Londra era altamente acida, la foschia cinese contemporanea è fondamentalmente neutra”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Una migliore comprensione della chimica dell’aria è la chiave per lo sviluppo di azioni normative efficaci in Cina, ha affermato Zhang. “Pensiamo di aver contribuito a risolvere il mistero della nebbia di Londra del 1952 e di aver anche dato alla Cina alcune idee su come migliorare la sua qualità dell’aria”, ha detto Zhang. “La riduzione delle emissioni di ossidi di azoto e ammoniaca è probabilmente efficace per interrompere questo processo di formazione dei solfati”. La ricerca è stata pubblicata online il 9 novembre sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences . Articolo originale su Live Science. La nebbia assassina del 1952 portò alla creazione del Clean Air Act, approvato dal Parlamento britannico nel 1956. I ricercatori lo considerano ancora il peggior evento di inquinamento atmosferico nella storia europea. Infine, un altro contributo video diffuso sul web:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom.

  1.  Bell, ML; Davis, DL; Fletcher, T. (2004). “A Retrospective Assessment of Mortality from the London Smog Episode of 1952: The Role of Influenza and Pollution”Prospettiva della salute ambientale . 112(1 gennaio): 6–8. doi:10.1289 / ehp.6539PMC  1241789 . PMID 14698923.
  2. Salta a:c Stone, R (2002). “Conteggio del costo dello smog assassino di Londra”(PDF)Scienza298(5601): 2106–2107. doi:10.1126 / science.298.5601.2106bPMID12481106S2CID32721947.   
  3. “Gli effetti letali della nebbia londinese” . BBC News . 22 dicembre 2015.
  4. ^ Potenza, Alessandra (16 dicembre 2017). “Nel 1952 a Londra, 12.000 persone morirono a causa dello smog – ecco perché ora è importante” . The Verge .
  5. Salta a:b “Il grande smog del 1952”metoffice.gov.uk. Archiviatadall’originaleil 3 settembre 2014Estratto12 mese di ottobre il 2014.
  6. ^ Brimblecombe, Peter (1976). “Atteggiamenti e risposte verso l’inquinamento atmosferico nell’Inghilterra medievale”. Giornale dell’Associazione per il controllo dell’inquinamento atmosferico26 (10): 941–45. doi : 10.1080 / 00022470.1976.10470341PMID 789426 . 
  7. Salta a:b Evelyn, John; Pegge, Samuel, 1704–1796, (ed.) (1661),Fumifugium , stampato da W. Godbid, recuperato il5 maggio 2016
  8. ^ Graunt, John, 1620–1674; Petty, William, Sir, 1623-1687 (1662), Osservazioni naturali e politiche menzionate in un indice seguente, e fatte sulle fatture di mortalità [microformati] / di John Graunt …; con riferimento al governo, alla religione, al commercio, alla crescita, all’ira, alle malattie e ai numerosi cambiamenti di detta città, Stampato da Tho. Roycroft per John Martin, James Allestry e Tho. Dicas
  9. ^ McKie, Robin e Townsend, Mark. Il grande smog è storia, ma l’aria viziata uccide ancora ( The Observer , 24 novembre 2002).
  10. ^ Matthew Wills (24 agosto 2015). “Old Smoke: la famosa nebbia di Londra” . JSTOR Daily.
  11. ^ Domonoske, Camila (23 novembre 2016). “La ricerca sulla foschia cinese aiuta a rompere il mistero della nebbia mortale del 1952 di Londra” . NPR Estratto 23 novembre il 2016 .
  12. ^ Sheail, John (1991). Power in Trust: la storia ambientale della Central Electricity Generating Board . Oxford: Clarendon. pagg. 22, 42–3. ISBN 0-19-854673-4.
  13. Salta a:b Mason, Nigel; Hughes, Peter (2001). Introduzione alla fisica ambientale . CRC Press. pagg. 112–13ISBN 978-0748407651.
  14. “Atmosfera, clima e programma di informazione sull’ambiente” . Ace.mmu.ac.uk. 4 dicembre 1952. Archiviata dall’originale il 25 febbraio 2009 Estratto il 30 giugno 2010.
  15. “Met Office Education: Teens – Case Studies – The Great Smog” . Metoffice.gov.uk. Archiviata dall’originale il 5 giugno 2011 Estratto il 30 giugno 2010 .
  16. ^ Greater London Authority. 50 anni dopo: la lotta per la qualità dell’aria a Londra dal grande smog del dicembre 1952 .
  17. ^ Nielson, John. “La nebbia assassina del ’52” . NPR Estratto 14 dicembre 2013 .
  18. “La nebbia di Londra si schiarisce dopo giorni di caos” . BBC News Estratto 7 dicembre il 2014 .
  19. “Tempo occupato per i ladri: interruzione del traffico” . The Guardian Estratto 6 aprile il 2020 .
  20. “Il grande smog del 1952” . metoffice.gov.uk Estratto 17 mese di agosto 2008 .
  21. “Coal: Nutty slack” . Seduta dei Comuni del 16 febbraio 1953 . hansard.millbanksystems.com.
  22. ^ Davis DL. 2002. Quando il fumo correva come l’acqua . New York: libri di base.
  23. ^ Peters, Annette; Döring, Angela; Wichmann, H-Erich; Koenig, Wolfgang (1997) “Aumento della viscosità del plasma durante un episodio di inquinamento atmosferico: un collegamento alla mortalità?” The Lancet , 1997, vol. 349 (9065), pagg. 1582–87
  24. ^ Hunt, Andrew; Abraham, Jerrold L; Judson, Bret; Berry, Colin L (2003). “Indizi tossicologici ed epidemiologici dalla caratterizzazione del particolato fine dello smog di Londra del 1952 nei tessuti polmonari dell’autopsia d’archivio” . Prospettive di salute ambientale . 111 (9): 1209–14. doi : 10.1289 / ehp.6114 . PMC 1241576 . PMID 12842775.  
  25. ^ Bell ML, Davis D. 2001. Rivalutazione della nebbia letale di Londra del 1952: nuovi indicatori di conseguenze acute e croniche dell’esposizione acuta all’inquinamento atmosferico. Environ Health Perspect 109 (suppl 3): 389–94.
  26. ^ Camps, Francis E (a cura di) (1976). Medicina legale di Gradwohl (Bristol: John Wright & Sons Ltd, 3a ed.) ISBN 0-7236-0310-3 . p. 236. 
  27. ^ Andrew; Abraham, Jerrold L .; Judson, Bret; Berry, Colin L. (2003). “Indizi tossicologici ed epidemiologici dalla caratterizzazione del 1952 London Smog Fine Particulate Matter in Archival Autopsy Lung Tissues Hunt” . Prospettive di salute ambientale . 111 (9): 1209–14. doi : 10.1289 / ehp.6114 . PMC 1241576 . PMID 12842775 .  
  28. “La nebbia soffocante si diffonde in tutta la Gran Bretagna”BBC News Estratto 16 gennaio il 2015 .
  29. ^ Fullerton, Huw (26 marzo 2019). “The Crown: Scopri il vero Grande Smog che ha portato Londra a un punto morto” . Radio Times Estratto 13 giugno il 2020 .
  30. “3.3 Doctor Who: The Creeping Death – Doctor Who – The Tenth Doctor Adventures – Big Finish” . Grande finitura Estratto 14 settembre il 2020 .
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.