Come prevenire le allergie primaverili con l’alimentazione e metodi naturali.

La primavera non è molto amata da chi purtroppo soffre di allergie, perchè la natura si sveglia e i pollini iniziano a volare nell’aria. Ma perchè le allergie si sono così diffuse negli ultimi anni? Lo spiega il dottor Ciro Vestita, docente di nutrizione umana all’Università di Pisa, nel video riportato in questo articolo: la causa principale non sono i pollini, ma bensì lo smog, quest’ultimo incide notevolmente sulla vita degli allergici e anche sulla crescita delle piante attorno a noi. Nello smog si trova azoto che assorbito dalle piante le fa crescere in maniera errata e anche i pollini di queste sono differenti da quelli di qualche anno fa.

Uno dei primi consigli quindi è andare a vivere in campagna, se possibile o stare a stretto contatto con la natura, lontano da città o luoghi particolarmente inquinati. Altra cosa importante è tenere presente che se una coppia è fortemente allergica, la probabilità di avere figli allergici sarà alta. Per ovviare a questo si potrebbe prendere un animale domestico un cane o gatto per poter immunizzare sin da piccolo il bambino e alleviare questo disturbo. Infatti da alcuni studi effettuati è risultato che da due genitori fortemente allergici i bambini che hanno vissuto dalla nascita con un animale domestico non hanno mai sofferto di forti crisi allergiche.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per evitare sintomi o reazioni allergiche molto forti, spesso si utilizzano medicinali come antistaminici o cortisone, molto utili per chi ha forti fastidi allergici,ma essendo medicinali spesso possono provocare fastidiosi effetti collaterali che incidono comunque sullo stile di vita. Quindi come prevenire l’arrivo delle allergie? Sicuramente un aiuto è l’alimentazione sana, mangiare sano, equilibrato e disintossicare il nostro organismo prima dell’arrivo della primavera può essere davvero d’aiuto. Sappiamo che la nostra salute passa dal nostro intestino, quindi se è sano lo saremo anche noi e il nostro organismo sarà in grado di contrastare agenti esterni che possono minacciare il nostro sistema immunitario. Quindi una dieta detox sarebbe l’ideale e anche rinforzare il nostro sistema immunitario e il nostro intestino con integratori specifici e naturali, anche l’utilizzo di probiotici può fare la differenza. La cosa importante è che si tratti di un prodotto naturale al 100%.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anche tra gli alimenti stessi bisogna saper scegliere, sappiamo che esistono alimenti che possono infiammare il corpo e altri che possono essere d’aiuto. Ad esempio andrebbe evitata la frutta secca perchè infiamma, ma non per la frutta secca in se, ma come dice il professore nel video: ” Madre Natura non fa mai male” ma perchè questo prodotto viene trattato con anidride solforosa che può creare problemi agli allergici. Utilizzare la radice di curcuma e di zenzero e preparare una tisana 3 volte al giorno. Il professore consiglia di evitare di utilizzare le polveri già pronte se non conosciamo effettivamente il processo di lavorazione e soprattutto se sono stati aggiunti coloranti o altri agenti chimici. La curcuma è un’aiuto della natura sensazionale, in oriente viene addirittura usata come aiuto per sconfiggere il cancro alla prostata. E’ un favoloso antinfiammatorio naturale insieme allo zenzero.

Per contrastare le allergie alcuni cibi utili sono: arance, limoni, pompelmo, mele,fragole e ribes nigrum. La vitamina C è davvero potente contro le allergie, infatti in alcuni casi vengono somministrati altissime dosi di vitamina C. Tra tutti gli alimenti nominati il pompelmo è potentissimo è in grado con il suo principio attivo di contrastare l’epatite C e contro le allergie è di grande aiuto. Anche le fragole spesso sono sotto accusa, perchè contengono istamina, ma quest’ultima contenuta in questo frutto in modo naturale sembra non essere la diretta responsabile di reazioni allergiche, ma bensì ciò che scatena la reazione altro non sono che i prodotti chimici utilizzati per la produzione in serra, che alterano il frutto e possono provocare sintomi allergici. Il ribes nigrum è un frutto che ha reazioni simile a quelle che ci da il cortisone, quindi assumere questa bacca in grandi quantità significa abbassare di gran lunga la possibilità di avere reazioni allergiche.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per non appesantire il fegato, evitare tutti quei cibi con grassi saturi come carni ed insaccati, anche il cioccolato andrebbe evitato. Anche se ogni soggetto è differente, quindi ogni indicazione va pesata e ponderata su se stessi. Ovviamente le linee guida consigliano di evitare questi cibi in caso di allergie. Altre piante che possono aiutare contro i sintomi delle allergie possono essere: la salvia che ha effetti simili al cortisone. Fare un decotto 2-3 volte al giorno significa abbassare notevolmente la possibilità di avere reazioni allergiche. Altre piante che possono aiutare sono: Malva, Nigella, Ortica, Camomilla, Eufrasia. La rinite allergica può provocare anche infezioni e la salvia è dotata di antibiotici potentissimi che possono aiutare anche in questo senso. Quindi farla bollire per preparare il decotto e con dei guanti prendere la foglia e pulire l’occhio, nel caso in cui l’allergia possa dare fastidio anche a livello oculare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’ortica fresca può scatenare un’allergia, ma se bollita può essere un solido alleato per contrastarle, magari aggiunta in minestre o zuppe. E’ ricca di ferro e clorofilla e quindi di grande supporto al nostro sistema immunitario. La camomilla è davvero d’aiuto sia per le allergie che per eventuali problemi come forti dolori premestruali. Consigliato l’utilizzo attraverso la tintura madre. Scegliere comunque sempre prodotti non trattati e che non contengono pesticidi.

Per una tisana a base di zenzero e curcuma, altamente antinfiammatoria:
-1 bicchiere e mezzo d’acqua
-20gr di zenzero
-10gr di curcuma
-buccia di limone
Far bollire per almeno 20 minuti e consumare 2-3 tazze al giorno prima dei pasti, perchè l’assorbimento è maggiore.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Altri consigli possono essere l’utilizzo di oli essenziali puri, esistono aziende certificate che producono oli di altissima qualità e possono aiutare tantissimo in caso di allergia, soprattutto limone, menta e lavanda. Fare ad esempio un bagno caldo con la lavanda può lenire fastidi causati dalle allergie. Evitate in ogni caso di utilizzare prodotti di origine incerta o comunque trattati, altrimenti non avrete alcun tipo di beneficio, anzi potreste intaccare in problemi ben più seri. Qualsiasi sia l’utilizzo di un prodotto, consultate il vostro medico che può consigliarvi nel vostro caso specifico la soluzione migliore.

Ricordiamo che oltre al lavoro su noi, dobbiamo anche proteggerci dai pollini volatili: per evitare l’entrata di pollini in casa, bisogna chiudere finestre e porte durante la notte, perchè i pollini volano proprio nelle ore notturne. Poi bisogna stare attenti ai temporali, il temporale spacca i granuli poliniferi e i pollini diventano ancora più aggressivi. Pulire materassi, cuscini tappeti in modo assiduo per evitare la formazione degli acari, evitando prodotti chimici. Ricordiamo che il freddo uccide gli acari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: youtube.com

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E’ inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando “MI PIACE” e poi “segui” su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.