Uno studente di 16 anni crea un sistema che filtra le microplastiche dall’acqua. Sapete quante microplastiche può consumare una persona in un anno? Ecco la risposta.

Uno studente brasiliano di 16 anni ha creato un sistema di filtrazione a basso costo che può essere installato negli impianti di trattamento delle acque. Gli studi dimostrano che l’acqua trattata che consumiamo contiene già microplastiche, particelle più piccole di 5 millimetri che possono trasportare metalli pesanti, dannosi per l’uomo e gli animali. Consumando acqua con queste microplastiche, una persona può ingerire circa 120.000 particelle all’anno. Lo studente Gabriel Fernandes Mello Ferreira, di Colégio São José, a Itajaí (Brasile), ha realizzato un sistema di filtraggio che si è rivelato efficiente al 100% per trattenerli. Così efficiente che sarà utilizzato da una stazione di trattamento dell’acqua, responsabile del 70% della fornitura di Itajaí e Navegantes.

Spiega che le microplastiche sono generate da un processo simile agli agenti atmosferici, quando le rocce e i loro minerali subiscono cambiamenti fisici e chimici causati da fattori come il clima e il sollievo. Applicato alla plastica, i rifiuti scartati in modo improprio si scompongono in piccoli pezzi in minuscole particelle. Queste particelle finiscono per passare nell’acqua dei fiumi, delle dighe, da dove l’acqua viene catturata per il suo trattamento e consumo. Secondo Gabriel, il processo di trattamento convenzionale prevede diverse fasi, come la decantazione, la filtrazione, la disinfezione e la fluorizzazione, che rimuovono le impurità dall’acqua, ma non fino al punto di trattenere le microplastiche.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Indagine e soluzione.
Lo studente ricorda che durante la sua ricerca è stato sorpreso di scoprire che una persona può consumare fino a 121.000 particelle di microplastica all’anno. Ciò è in gran parte dovuto alla presenza di microplastiche nell’acqua trattata, poiché diversi studi dimostrano che gli impianti di trattamento delle acque non sono in grado di trattenere le microplastiche perché non hanno un meccanismo specifico per queste particelle. Con l’aiuto dei professori Fernanda e Lenon, lo studente ha sviluppato un meccanismo di ritenzione microplastica che può essere facilmente applicato negli impianti di trattamento delle acque. Con la pandemia non è stato possibile testare il filtro negli impianti di depurazione e la soluzione trovata è stata quella di costruire un modello più piccolo per simulare i risultati in un acquario. Il filtro si è rivelato molto efficace e ha filtrato quasi tutte le particelle di plastica durante la simulazione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le microplastiche sono meno dense dell’acqua e quindi il meccanismo di filtrazione filtra solo la parte superficiale del foglio d’acqua. Il filtro utilizza uno schiumatoio che, tramite tubi, convoglia l’acqua ad un cilindro di plastica con fondo in rete di nylon 300µ. Questo vetro di raccolta è l’elemento filtrante, attraverso il quale passa l’acqua e le microplastiche vengono trattenute nella rete. Il meccanismo può essere facilmente incorporato nel processo di trattamento dell’acqua presso il WWTP, poiché non sono necessarie ristrutturazioni strutturali. L’installazione è semplice e il costo è molto contenuto. Il progetto del sistema di filtraggio delle microplastiche è uno dei finalisti della 19a edizione della Fiera brasiliana della scienza e dell’ingegneria (FEBRACE 2021), che si terrà tra il 15 e il 26 marzo attraverso la piattaforma virtuale FEBRACE. Un totale di 345 progetti saranno esposti da 716 studenti provenienti da 295 scuole primarie, secondarie e tecniche di tutto il paese, con la partecipazione di 482 insegnanti, che hanno agito in qualità di project manager.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: ecoinventos.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.