Spagna: trovati per la prima volta visoni selvatici morti con il Covid-19

visonIl ministero dell’Agricoltura, dello sviluppo rurale, dell’emergenza climatica e della transizione ecologica ha segnalato il rilevamento del virus SARS-CoV-2, che causa il Covid-19, in due esemplari morti di visone selvatico americano al confine della provincia di Castellón con il territorio di Teruel. Sebbene i casi di visone con coronavirus fossero già stati rilevati negli allevamenti intensivi, questa è la prima volta che viene trovato in un animale selvatico in Spagna:

Il programma “esaustivo” di controllo ed eradicazione di questa specie invasiva, con campagne in corso dal 2004, ha permesso di rilevare la presenza del virus negli animali. Lo staff tecnico del dipartimento competente della Generalitat ha garantito il “rischio zero di contagio per le persone”, come riferito dal governo valenciano. La Direzione Generale dell’Ambiente Naturale ha sospeso la cattura mediante trappola in via precauzionale fino a quando il protocollo non sarà adeguato a garantire la sicurezza del personale tecnico incaricato di tale pratica. Il visone americano (Neovison vison) è una specie invasiva in Spagna e la sua presenza nell’ambiente naturale è solitamente dovuta a fughe dagli allevamenti. L’Agricoltura ha notificato i casi al Ministero della Salute, mentre quest’ultimo ha già informato il Centro per il Coordinamento Allerte Sanitarie ed Emergenze (CCAES), dipendente dal Ministero della Salute. Allo stesso modo, il Ministero dell’Agricoltura ha riferito di essere in una prima fase in cui è importante raccogliere tutte le informazioni e confermare i risultati delle analisi – svolte dai laboratori dell’UCH-CEU – per stabilire una valutazione del rischio e misure che potrebbero essere accurate:

- Prosegue dopo la pubblicità -

I casi rilevati sono stati localizzati in due visoni dei fiumi Mijares e Palancia, in particolare in un’area al confine tra Castellón e Teruel, dove si trova l’unica popolazione nella Comunità Valenciana di questi animali. Secondo la Generalitat, questa specie sperimenta una tendenza al ribasso nel numero di esemplari dall’attuazione della strategia coordinata dal progetto “Life Lutreola”. D’altra parte, l’ente ambientalista WWF ha chiesto al governo e alle comunità autonome di chiudere tutti gli allevamenti di visoni e il divieto immediato della prossima stagione riproduttiva dopo che la Xunta de Galicia ha notificato un focolaio di infezione da coronavirus in una struttura di Santiago de Compostela dove si trovava erano 6.500 animali. Per il WWF, l’approvazione del “ Programma di prevenzione, sorveglianza e controllo Sars-CoV-2 negli allevamenti di visoni americani in Spagna ” è insufficiente, a causa della particolare sensibilità che questo mammifero sembra mostrare nei confronti del COVID 19 e, in una dichiarazione, punti che “la stessa pericolosità e le caratteristiche di queste strutture” rendono “inevitabili” le infezioni di massa:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per questo la Ong ha chiesto al Governo la chiusura di tutti gli allevamenti di questa specie esotica e il divieto immediato della prossima stagione riproduttiva che sta per iniziare, che porterebbe la popolazione di visoni americani a 500.000 esemplari. Il WWF ha appoggiato questa richiesta, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ricordando che altri Paesi come Danimarca, Svezia e Italia hanno già sospeso l’allevamento dell’animale per questo 2021 a causa del rischio di contagio che esso comporta, mentre l’Olanda, direttamente, “ha bandito definitivamente questa pelliccia attività.” La nuova stagione riproduttiva farà sì che, secondo l’organizzazione, il numero di visoni che vivono in allevamenti affollati si moltiplichi per cinque, il che, hanno assicurato, causerà un aumento del “rischio di nuovi focolai e possibili mutazioni del virus in caso di comparsa di più focolai ”.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.