Un drone in grado di piantare 100 coralli al giorno per riforestare le barriere coralline

Il cambiamento climatico colpisce tutta la vita sulla terra e gran parte di questo danno è irreversibile. Le barriere coralline sono uno di quei tesori naturali che devono affrontare i duri effetti del riscaldamento globale e stanno morendo a una velocità allarmante. Se continuiamo a questo ritmo, il 90% delle barriere coralline scomparirà entro il 2050. Sebbene occupino solo lo 0,1% della superficie totale dell’oceano, in realtà supportano il 25% di tutte le specie marine del pianeta.Nemo è un dispositivo pluripremiato progettato per aiutare a ripristinare in modo efficiente e sostenibile i coralli su larga scala. Può piantare 100 coralli al giorno e richiede solo 2-3 persone per il suo funzionamento.

Le barriere coralline ci aiutano a respirare, ci proteggono dalle tempeste, ci forniscono cibo e sostengono l’economia delle comunità costiere, ed è per questo che dobbiamo salvarle a tutti i costi. Nemo è composto da una piattaforma digitale, una scatola di trasporto specializzata e un drone. La piattaforma digitale aiuta gli scienziati a ricercare e monitorare le barriere coralline in modo più accurato, diffondendo al contempo la consapevolezza globale delle barriere coralline tra i cittadini. La piattaforma conserva un registro di tutti i dati raccolti dal monitoraggio della barriera corallina. La scatola di trasporto protegge i coralli durante il loro trasferimento dal sito di riproduzione al sito di trapianto, regolando la temperatura dell’acqua salata e il valore del pH per dare ai giovani coralli le migliori possibilità di sopravvivenza durante il loro viaggio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel frattempo, il drone aiuta gli scienziati a tenere traccia tramite la scansione 3D e la mappatura delle barriere coralline. Queste informazioni vengono caricate su una piattaforma digitale a beneficio delle agenzie di ripristino dei coralli. Le parti principali di Nemo sono realizzate in plastica riciclata per ridurre il suo impatto ambientale. “Utilizziamo un approccio di progettazione incentrato sull’uomo per aiutare a risolvere un problema di progettazione incentrato sull’ambiente. Abbiamo combinato il meglio di entrambi i processi e messo in pratica i risultati di entrambi gli approcci. Anche il processo alla base di Nemo è stato molto iterativo e ha coinvolto più esperti di diversi settori. Durante la nostra ricerca, abbiamo ricevuto feedback di esperti sui nostri concetti e idee per verificarli per assicurarci che stessimo andando nella giusta direzione. Abbiamo anche organizzato workshop creativi per ottenere input da più designer di tutte le discipline per migliorare il nostro prodotto, compresa la prototipazione digitale e lo schizzo iterativo.”Elias Thaddäus Pfuner.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il sistema utilizza una combinazione di coralli in crescita in strutture riciclate locali prefabbricate utilizzando bioadesivi e perforazione di fori nel fondo dell’oceano per ottimizzare il processo per 2-3 persone invece del tradizionale team di 10-15, risparmiando risorse alle agenzie di restauro. Sebbene ci siano molti sforzi e tecnologie per il ripristino dei coralli, nessuno è completo come Nemo perché va oltre la semplice piantagione di nuovi coralli e tiene conto dell’intero ciclo di vita e dell’educazione alle crisi. Consente alle organizzazioni di restauro dei coralli di aumentare i propri sforzi e accelerare l’impatto positivo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: ecoinventos.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.