Il caldo canadese batte i peggiori modelli climatici. Ecco perché

Le ondate di calore estremo sono generalmente legate a paesi in cui le temperature sono normalmente elevate. Ma negli ultimi giorni sono saliti i termometri in una piccola cittadina tra le montagne del Canada. Lytton si trova in una regione boscosa con fiumi e catene montuose.

Descritto sul sito web della città come “il luogo ideale per gli amanti della natura per connettersi con l’incredibile bellezza naturale, la libertà di aria fresca”, il piccolo villaggio è in una bolla di calore che ha avvolto parte del Canada e degli Stati Uniti e può essere stato responsabile per più di 500 morti. Gli scienziati del clima sono allarmati dal caldo intenso e si chiedono se i modelli climatici non siano riusciti a prevedere le condizioni che dovranno affrontare in un futuro non troppo lontano. Johan Rockström , direttore del Potsdam Institute for Climate Impact Research, ha affermato che le recenti anomalie climatiche estreme non sono state rappresentate nei modelli informatici globali utilizzati per proiettare come il mondo potrebbe cambiare con più emissioni: “È UN RISCHIO DI UN GRAVE IMPATTO CLIMATICO REGIONALE CAUSATO DAL RISCALDAMENTO GLOBALE CHE FINORA ABBIAMO SOTTOVALUTATO” – ha detto Johan Rockström, direttore dell’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico. Il record di temperatura canadese è stato battuto a Lytton, raggiungendo i 49,6°C nell’ultima settimana, secondo la stazione di monitoraggio locale. Dopo il caldo è arrivato il fuoco che si è acceso nella foresta e ha raggiunto la città. Il sindaco ha emesso mercoledì scorso un ordine di evacuazione dalla città. Secondo lui, il fuoco si è propagato rapidamente. “Ci sono voluti circa 15 minuti dal primo segno di fumo all’improvviso incendio ovunque”, ha detto Jan Polderman. Il giorno successivo, le immagini satellitari hanno rivelato fuoco e fumo intorno a Lytton e in tutta la regione. Anche città statunitensi come Olympia e Quillayute, nello stato di Washington, hanno registrato record di temperatura con termometri che hanno segnato 6°C in più rispetto al calore massimo mai registrato, secondo il Weather Prediction Center. In Oregon, la città di Salem ha raggiunto i 47°C, battendo il precedente record di 9°C. Diverse aree della California e dell’Idaho hanno anche registrato nuovi picchi di caldo. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

La settimana prima, anche il nord Europa e la Russia hanno sperimentato una bolla di calore senza precedenti. I record di giugno sono stati battuti a Mosca a 34,8 °C, Helsinki a 31,7 °C, Bielorussia a 35,7 °C ed Estonia a 34,6 °C. In Siberia, un’ondata di caldo ha contribuito a ridurre la quantità di ghiaccio marino nel mare di Laptev. La città russa di Oymyakon, considerata il luogo abitato più freddo del mondo, ha registrato 31,6°C. Ciò è avvenuto dopo un periodo di caldo spaventosamente prolungato in Siberia lo scorso anno che è durato diversi mesi. L’intensità del calore nelle Americhe nordoccidentali quest’anno e in Siberia l’anno scorso ha colto di sorpresa molti scienziati e ha suggerito che alle latitudini settentrionali potrebbero essere coinvolti fattori aggiuntivi. Una teoria è che il recente picco di temperatura potrebbe essere stato causato non solo dal riscaldamento globale, ma anche dal rallentamento dei sistemi climatici stagnanti in luoghi diversi per un lungo periodo di tempo, che intensifica le ondate di calore e i loro danni. Questo è stato un fattore importante nella devastazione in Texas causata dall’uragano Harvey nel 2018, che aleggiava sopra Houston per diversi giorni invece di soffiare nell’entroterra e indebolirsi. Anche i fronti di alta pressione bloccati sono stati accusati dell’ondata di caldo torrido in Europa nel 2019.

Michael Mann, direttore dell’Earth System Science Center presso la Pennsylvania State University, ha affermato che il caldo inaspettatamente intenso di questa settimana a Lytton e altrove dovrebbe indurre i climatologi a considerare ulteriori impatti dell’attività umana. “Dobbiamo prendere molto sul serio questo evento”, ha scritto via e-mail. “Se riscaldi il pianeta, vedrai un aumento dell’incidenza degli estremi di calore. I modelli climatici catturano molto bene questo effetto e prevedono grandi aumenti delle temperature estreme”. Ma c’è qualcosa in più con questa ondata di caldo e, in effetti, con  molti degli estremi meteorologici molto persistenti che abbiamo visto negli ultimi anni negli Stati Uniti, in Europa, in Asia e altrove, dove i modelli non stanno catturando l’impatto di cambiamenti climatici.” Indipendentemente dalle interazioni da incolpare, gli scienziati concordano sul fatto che il modo più semplice per ridurre il rischio di ulteriori sbalzi di temperatura è ridurre le emissioni di combustibili fossili e fermare la deforestazione. “Sembra che questa ondata di caldo sia ancora un fenomeno raro nel clima attuale, ma se rimarrà tale dipende dalle nostre decisioni”, ha affermato  Friederike Otto , direttore associato dell’Istituto per il cambiamento ambientale dell’Università di Oxford.  “SE IL MONDO NON ELIMINERÀ RAPIDAMENTE L’USO DI COMBUSTIBILI FOSSILI E ALTRE FONTI DI EMISSIONI DI GAS SERRA COME LA DEFORESTAZIONE, LE TEMPERATURE GLOBALI CONTINUERANNO AD AUMENTARE E LE ONDATE DI CALORE MORTALI COME QUESTE DIVENTERANNO ANCORA PIÙ COMUNI”- ha aggiunto Friederike Otto, direttore associato dell’Istituto per il cambiamento ambientale, Università di Oxford.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.