L’aglio è veramente un anticancro naturale? Nuove evidenze scientifiche confermano capacità preventive contro molteplici tipi di tumore. Ecco quali

Diversi studi osservazionali suggeriscono che il consumo di verdure della famiglia Allium può aiutare a ridurre il rischio di diversi tipi di cancro. Sia la cipolla che l’aglio, che rientrano nelle verdure allium, possono aiutare a ridurre il rischio di cancro gastrico e del colon-retto. L’aglio può anche aiutare a ridurre il rischio di cancro al seno, alla prostata, ai polmoni, allo stomaco, all’esofago e al fegato, ma non il cancro del colon distale. Mentre le cipolle sono anche buone per gestire l’iperglicemia (glicemia alta) e la resistenza all’insulina nei pazienti con cancro al seno, potrebbero non avere alcun effetto significativo sul rischio di cancro alla prostata e le cipolle cotte possono persino aumentare il rischio di cancro al seno:

Cosa sono le verdure Allium?
La famiglia di verdure Allium ha fatto parte di quasi tutti i tipi di cucine. In effetti, è difficile immaginare di preparare un pasto senza includere le verdure allium. Il termine “Allium” può sembrare estraneo a molti di noi, tuttavia, una volta che conosceremo le verdure incluse in questa categoria, saremo tutti d’accordo sul fatto che abbiamo utilizzato questi gustosi bulbi nella nostra dieta quotidiana, sia per il sapore che per per la nutrizione. “Allium” è una parola latina che significa aglio. Tuttavia, oltre all’aglio, la famiglia di verdure allium comprende anche cipolla, scalogno, scalogno, porro ed erba cipollina. Sebbene alcune delle verdure allium ci facciano piangere mentre si tagliano, forniscono un ottimo sapore e aroma ai nostri piatti e sono anche ricche di composti solforati benefici che forniscono grandi benefici per la salute tra cui proprietà antiossidanti, antivirali e antibatteriche. Si ritiene inoltre che abbiano proprietà antinfiammatorie, immunostimolanti e antietà. Valore nutrizionale delle verdure Allium: La maggior parte delle verdure allium contiene composti organo-zolfo e diverse vitamine, minerali e flavonoidi come la quercetina. Le verdure dell’aglio come cipolla e aglio contengono diverse vitamine come vitamina B1, vitamina B2, vitamina B3, vitamina B6, acido folico, vitamina B12, vitamina C e minerali come ferro, magnesio, fosforo, potassio, sodio e zinco. Contengono anche proteine, carboidrati e fibre alimentari. Associazione tra le verdure dell’aglio e il rischio di diversi tipi di cancro:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Negli ultimi due decenni, diversi studi osservazionali si sono concentrati sul potenziale anticancerogeno della famiglia di ortaggi allium. Ricercatori di tutto il mondo hanno condotto studi per valutare l’associazione tra diversi ortaggi allium e il rischio di diversi tipi di cancro. Esempi di alcuni di questi studi sono elaborati di seguito. Associazione tra ortaggi allium e rischio di cancro al seno. Uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Scienze Mediche di Tabriz, in Iran, ha valutato il consumo alimentare di verdure di allium e il rischio di cancro al seno tra le donne iraniane. Lo studio ha utilizzato dati basati su un questionario sulla frequenza alimentare di 285 donne con cancro al seno a Tabriz, nel nord-ovest dell’Iran, di età compresa tra 25 e 65 anni e controlli basati sull’ospedale abbinati per età e regione. (Ali Pourzand et al, J Breast Cancer., 2016). Lo studio ha scoperto che un consumo elevato di aglio e porro può ridurre il rischio di cancro al seno. Tuttavia, lo studio ha anche scoperto che un consumo elevato di cipolla cotta può essere associato a un aumentato rischio di cancro al seno. Impatto della cipolla gialla sull’iperglicemia (glicemia alta) e sulla resistenza all’insulina nei pazienti con cancro al seno
Un altro studio clinico condotto dai ricercatori della Tabriz University of Medical Sciences, Iran, ha valutato l’impatto del consumo di cipolle gialle fresche sugli indici correlati all’insulina rispetto a una dieta a basso contenuto di cipolle tra i pazienti con cancro al seno sottoposti a trattamento con doxorubicina. Lo studio ha incluso 56 pazienti con cancro al seno di età compresa tra 30 e 63 anni. Dopo il secondo ciclo di chemioterapia, i pazienti sono stati divisi casualmente in 2 gruppi: 28 pazienti integrati con 100-160 g/die di cipolle, indicato come l’alto cipolla e altri 28 pazienti con cipolle piccole da 30 a 40 g/die, indicati come gruppo cipolla bassa, per 8 settimane. Di questi, 23 casi erano disponibili per l’analisi. (Farnaz Jafarpour-Sadegh et al, Integr Cancer Ther., 2017). Lo studio ha scoperto che quelli con un’elevata assunzione giornaliera di cipolla possono avere una diminuzione significativa della glicemia a digiuno e dei livelli di insulina rispetto a quelli che assumono basse quantità di cipolla. Verdure Allium e rischio di cancro alla prostata
Uno studio pubblicato dai ricercatori del China-Japan Friendship Hospital, in Cina, ha valutato l’associazione tra l’assunzione di vegetali di allium (compresi aglio e cipolla) e il rischio di cancro alla prostata. I dati per lo studio sono stati ottenuti attraverso una ricerca sistematica della letteratura fino a maggio 2013 nei database PubMed, EMBASE, Scopus, Web of Science, Cochrane register e Chinese National Knowledge Infrastructure (CNKI). Sono stati inclusi un totale di sei studi caso-controllo e tre di coorte. Lo studio ha rilevato che l’assunzione di aglio ha ridotto significativamente il rischio di cancro alla prostata, tuttavia non sono state osservate associazioni significative per le cipolle. (Xiao-Feng Zhou et al, Asian Pac J Cancer Prev., 2013)
Uno studio pubblicato da ricercatori in Cina e negli Stati Uniti ha valutato l’associazione tra l’assunzione di verdure allium, tra cui aglio, scalogno, cipolle, erba cipollina e porri, e il rischio di cancro alla prostata. I dati sono stati ottenuti da interviste faccia a faccia per raccogliere informazioni su 122 prodotti alimentari da 238 pazienti con cancro alla prostata e 471 controlli maschi. Lo studio ha rilevato che gli uomini con il più alto apporto di verdure allium totali (>10,0 g/giorno) avevano un rischio significativamente inferiore di cancro alla prostata rispetto a quelli con un apporto più basso (<2,2 g/giorno). Lo studio ha anche scoperto che la riduzione del rischio era significativa nelle categorie di assunzione più elevate per aglio e scalogno. (Ann W Hsing et al, J Natl Cancer Institute, 2002)
Sulla base di questi studi, sembra che l’assunzione di aglio possa avere un potenziale maggiore per ridurre il rischio di cancro alla prostata rispetto alle cipolle:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Consumo di aglio crudo e rischio di cancro al fegato
In uno studio caso-controllo basato sulla popolazione nella Cina orientale tra il 2003 e il 2010, i ricercatori hanno valutato l’associazione tra consumo di aglio crudo e cancro al fegato. I dati per lo studio sono stati ottenuti da interviste con casi di cancro al fegato del 2011 e 7933 controlli di popolazione selezionati casualmente. (Xing Liu et al, Nutrients., 2019). Lo studio ha scoperto che mangiare aglio crudo due o più volte a settimana può essere associato a un ridotto rischio di cancro al fegato. Lo studio ha anche scoperto che un’elevata assunzione di aglio crudo può ridurre il rischio di cancro al fegato tra gli individui negativi all’antigene di superficie dell’epatite B (HBsAg), i bevitori frequenti di alcol, coloro che hanno una storia di consumo di cibo contaminato dalla muffa o bevono acqua grezza e quelli senza famiglia storia di cancro al fegato.

Associazione della famiglia di ortaggi Allium con cancro del colon-retto
Uno studio ospedaliero tra giugno 2009 e novembre 2011, condotto da ricercatori dell’Ospedale della China Medical University, in Cina, ha valutato l’associazione tra l’assunzione di verdure allium e il rischio di cancro del colon-retto (CRC). Lo studio ha incluso i dati di 833 casi di CRC e 833 controlli la cui frequenza è stata abbinata per età, sesso e area di residenza (rurale/urbana) a quella dei casi di CRC. Lo studio ha riscontrato una diminuzione del rischio di CRC sia negli uomini che nelle donne con un alto consumo di verdure allium totali e diverse tra cui aglio, gambi d’aglio, porro, cipolla e cipollotto. Lo studio ha anche scoperto che l’associazione dell’assunzione di aglio con il rischio di cancro non era significativa tra quelli con cancro del colon distale. ( Xin Wu et al, Asia Pac J Clin Oncol., 2019 )
Una meta-analisi di studi osservazionali è stata condotta dai ricercatori italiani per valutare le associazioni tra l’assunzione di verdure allium e il rischio di cancro del colon-retto e polipi del colon-retto. Lo studio ha incluso i dati di 16 studi con 13.333 casi di cui 7 studi hanno fornito informazioni sull’aglio, 6 sulla cipolla e 4 sulle verdure totali di allium. Lo studio ha scoperto che un’assunzione elevata di aglio può aiutare a ridurre il rischio di cancro del colon-retto. Hanno anche scoperto che un’elevata assunzione di verdure totali di allium può essere associata a una diminuzione del rischio di polipi adenomatosi del colon-retto. (Federica Turati et al, Mol Nutr Food Res., 2014)
Un’altra meta-analisi ha anche scoperto che un’elevata assunzione di aglio crudo e cotto può avere un effetto protettivo contro i tumori dello stomaco e del colon-retto. (AT Fleischauer et al, Am J Clin Nutr. 2000)
Assunzione di verdure allium e cancro gastrico
In uno studio pubblicato nel 2015, i ricercatori italiani hanno valutato l’associazione tra l’assunzione di vegetali di allium e il rischio di cancro gastrico in uno studio caso-controllo italiano che includeva 230 casi e 547 controlli. Lo studio ha scoperto che un elevato consumo di verdure allium, inclusi aglio e cipolla, può essere associato a un ridotto rischio di cancro gastrico. (Federica Turati et al, Mol Nutr Food Res., 2015)
Una meta-analisi condotta dai ricercatori dell’Università di Sichuan, in Cina, ha valutato l’associazione tra l’assunzione di allium vegetale e il rischio di cancro gastrico. L’analisi ha ottenuto dati attraverso la ricerca bibliografica in MEDLINE per articoli pubblicati tra il 1 gennaio 1966 e il 1 settembre 2010. Nell’analisi sono stati inclusi un totale di 19 studi caso-controllo e 2 studi di coorte, di 543.220 soggetti. Lo studio ha scoperto che un’elevata assunzione di verdure allium tra cui cipolla, aglio, porro, erba cipollina cinese, scalogno, gambo d’aglio e cipolla gallese, ma non foglia di cipolla, riduce il rischio di cancro gastrico. (Yong Zhou et al, Gastroenterologia., 2011). Consumo di aglio crudo e cancro ai polmoni:

- Prosegue dopo la pubblicità -

In uno studio pubblicato nel 2016, i ricercatori hanno valutato l’associazione tra consumo di aglio crudo e cancro ai polmoni in uno studio caso-controllo condotto tra il 2005 e il 2007 a Taiyuan, in Cina. Per lo studio, i dati sono stati ottenuti attraverso interviste faccia a faccia con 399 casi di cancro ai polmoni e 466 controlli sani. Lo studio ha rilevato che, nella popolazione cinese, rispetto a coloro che non hanno assunto aglio crudo, quelli con un’elevata assunzione di aglio crudo possono essere associati a un ridotto rischio di cancro ai polmoni con un modello dose-risposta. (Ajay A Myneni et al, Cancer Epidemiol Biomarkers Prec., 2016)
Uno studio simile ha anche trovato un’associazione protettiva tra il consumo di aglio crudo e il rischio di cancro ai polmoni con un modello dose-risposta (Zi-Yi Jin et al, Cancer Prev Res (Phila)., 2013)
Aglio e rischio di cancro esofageo
In uno studio pubblicato nel 2019, i ricercatori hanno valutato l’associazione tra aglio e rischio di cancro esofageo in uno studio di popolazione con 2969 casi di cancro esofageo e 8019 controlli sani. I dati sono stati ottenuti da questionari sulla frequenza alimentare. I loro risultati hanno suggerito che un’elevata assunzione di aglio crudo può aiutare a ridurre il rischio di cancro esofageo e può anche interagire con il fumo di tabacco e il consumo di alcol. (Zi-Yi Jin et al, Eur J Cancer Prev., 2019). Conclusioni:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Diversi studi osservazionali suggeriscono che il consumo di verdure della famiglia Allium può aiutare a ridurre il rischio di diversi tipi di cancro. Tuttavia, queste associazioni protettive possono essere specifiche del vegetale consumato. Le verdure allium come l’aglio possono aiutare a ridurre il rischio di cancro al seno, cancro alla prostata, cancro ai polmoni, cancro del colon-retto (ma non cancro del colon distale), cancro gastrico, cancro esofageo e cancro al fegato. Mentre le cipolle sono buone per ridurre il rischio di cancro gastrico e gestire l’iperglicemia (alta glicemia) e la resistenza all’insulina nei pazienti con cancro al seno, potrebbero non avere alcun effetto significativo sul rischio di cancro alla prostata e le cipolle cotte possono persino aumentare il rischio di cancro al seno. Pertanto, consulta sempre il tuo nutrizionista o oncologo per assicurarti che gli alimenti e gli integratori giusti siano inclusi nella tua dieta per la cura o la prevenzione del cancro. “Cosa dovrei mangiare?” è la domanda più frequente tra dietologi e medici oncologici. La risposta giusta dipende dal tipo di cancro, dalla genomica sottostante, dai trattamenti attuali, da eventuali allergie, dalle informazioni sullo stile di vita e da fattori come l’IMC. Il piano nutrizionale personalizzato aggiuntivo ti protegge da interazioni nutrizionali avverse. Inizia ORA rispondendo a domande su tipo di cancro, trattamenti attuali, integratori, allergie, età, sesso e informazioni sullo stile di vita.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.