Cosa facciamo con tutto l’olio usato che produciamo?

Dopo la frittura, gettare l’olio esausto nel lavello della cucina non è una buona scelta, poiché porta alcune conseguenze sfavorevoli per l’ambiente. Per vincere una disputa con Poseidone per la protezione di una città, la dea Atena fece germogliare un ulivo. Da esso si poteva ricavare olio da usare come cibo, rimedio per le ferite e olio per ungere. Grazie alle virtù dell’albero e del suo prodotto, Athena ha vinto. Da allora è conosciuta come la dea della saggezza e la città ha ricevuto il nome di Atene.

L’olio è apparso come un passaggio naturale dopo l’invenzione dell’agricoltura. L’umanità ha addomesticato piante – come ulivi, semi di soia, girasoli – e animali per estrarne rispettivamente oli e grassi, e usarli sia nell’alimentazione che nell’industria. Fin dall’antica Grecia e dalle prime civiltà agricole, l’umanità ha sviluppato capacità di produzione industriale per queste sostanze che lascerebbero lo stesso Zeus a bocca aperta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’olio è utilizzato in tutto il mondo in dosi massicce, basti pensare a quanto olio utilizziamo noi in cucina. Questa altissima produzione di olio è associata a una produzione di rifiuti proporzionale. Gli Stati Uniti generano circa 11 miliardi di litri di olio usato, mentre in Europa questa cifra è di 1 miliardo.  Per quanto riguarda i grassi animali residui, solo negli Stati Uniti sono stati scartati 2,6 milioni di tonnellate (manzo, maiale, grasso di pecora, ecc.). Entrambe le sostanze sono generate principalmente dalle industrie di trasformazione alimentare, dai ristoranti e nelle nostre case.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gestione di un rifiuto inquinante
Gli oli usati e il grasso devono essere smaltiti separatamente dai rifiuti organici generati durante la cottura. Non dovrebbero mai essere scaricati nella rete di drenaggio, poiché la loro capacità di contaminazione è elevata. Una discarica o una cattiva gestione di questi rifiuti rappresenta un pericolo reale; Si stima che un litro di olio esausto possa contaminare mille litri d’acqua. Queste sostanze, creano un film superficiale che impedisce lo scambio di ossigeno negli ambienti acquatici. Causano così il degrado di fiumi , laghi, falde acquifere e colpiscono suoli, ecosistemi e, quindi, l’agricoltura. La sua persistenza provoca un aumento dei costi delle infrastrutture necessarie per la bonifica dei suoli contaminati e la depurazione delle acque .

Tradizionalmente, una forma di riciclaggio artigianale è stata la produzione di sapone. Unendo l’olio residuo con la soda caustica e applicando calore, avviene la reazione di saponificazione. Tuttavia, la vita moderna è difficilmente compatibile con l’artigianato. Pertanto, è meglio affidare il riciclaggio di questi rifiuti a mani specializzate, che effettueranno una raccolta controllata, aziende specializzate nella raccolta dell’olio si occupano di questo lavoro. Per fare ciò, hanno installato contenitori specifici, che di solito mostrano colori vivaci come l’arancione o il giallo. In questi contenitori viene depositato l’olio esausto, precedentemente accumulato in casa in bottiglie usate.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’olio d’oliva e le sue varietà, cosa li rende diversi?
La comunità scientifica sta cercando di dare un valore a questi residui, in modo che, attraverso una serie di trasformazioni, possano essere utilizzati per altri scopi. Il riuso o riciclo, che diventa la valorizzazione di questi rifiuti, fa parte del modello di economia circolare . Questo viene fatto attraverso un modello di bioraffineria. In queste strutture si ottengono una varietà di prodotti e bioenergia dalla biomassa (o dai rifiuti vegetali o animali). Il processo è simile alle raffinerie tradizionali, ma più sostenibile. Optare per questa alternativa ci consente di mitigare la nostra dipendenza dal petrolio, il suo impatto ambientale e ridurre l’impatto dello scarico di questi rifiuti alimentari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Produzione di biocarburanti
I grassi e gli oli sono sostanze chiamate esteri. Generalmente sono costituiti da tre acidi grassi (che possono avere un grado di saturazione o insaturazione maggiore) e una molecola di glicerina. Chiamiamo questo tipo di estere trigliceride e la sua sintesi in natura è legata all’immagazzinamento di energia per i periodi di scarsità. I trigliceridi sono sintetizzati da batteri, funghi, piante, animali ed esseri umani. Se a temperatura ambiente sono allo stato liquido sono oli e se sono allo stato solido sono grassi.

L’olio può essere utilizzato come carburante per motori diesel. Infatti, il motore che Rudolf Diesel inventò e presentò nel 1900 all’Esposizione Universale di Parigi utilizzava come carburante l’olio di arachidi. Tuttavia, la viscosità degli oli è molto elevata, il che significa che il carbonio può formarsi durante la combustione, tra gli altri problemi. Per ridurlo, viene utilizzata una reazione di transesterificazione. Questo processo consiste sostanzialmente nel sostituire la molecola di glicerina con un altro alcol più leggero, trasformando l’estere in biodiesel. Pertanto, è possibile ridurre la viscosità e produrre un carburante con proprietà simili al diesel. Il biodiesel sta perdendo peso come combustibile alternativo, dal momento che la sua produzione parte solitamente da oli vegetali e potrebbe, quindi, competere con il suo uso alimentare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’utilizzo di oli residui può risolvere questo conflitto, poiché è stato dimostrato che il biodiesel ottenuto ha la stessa qualità di quello degli oli vegetali. D’altra parte, l’emergere di auto elettriche e altri combustibili alternativi come l’idrogeno può ridurre ulteriormente la necessità di biodiesel, riducendo il suo utilizzo a quelle situazioni in cui non è possibile utilizzare un’altra fonte a emissioni zero. Oli e grassi possono essere utilizzati anche per la lubrificazione . Con un processo simile a quello della produzione del biodiesel, sono stati ottenuti nuovi biolubrificanti, biodegradabili e meno inquinanti degli oli minerali.

Oltre alle applicazioni nel settore automobilistico, questi residui possono essere utilizzati nei settori farmaceutico e nutraceutico. La produzione di saponi tramite saponificazione è un dato di fatto da molto tempo, ma è stato osservato che la composizione di molti di questi residui è ricca di antiossidanti e che può aiutare nella cura di molte malattie. Per quanto riguarda l’industria della lavorazione del pesce, abbiamo scoperto che i residui sono ricchi di acidi grassi omega-3, che hanno un alto valore aggiunto per combattere, ad esempio, il colesterolo. Un utilizzo di grande pregio da sviluppare nei prossimi anni è la produzione di bioplastiche da microrganismi alimentati con oli residui.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Molti batteri hanno la capacità di scomporre i trigliceridi e di includerli nel loro metabolismo (grazie alla secrezione di un enzima chiamato lipasi e a un processo metabolico chiamato β-ossidazione, che gli esseri umani usano per perdere peso). Pertanto, sono in grado di trasformarli in altre sostanze come le bioplastiche. È stato dimostrato che i biopolimeri hanno proprietà simili ai termoplastici derivati ​​dal petrolio. Pertanto, possono essere utilizzati nella tecnologia , come la stampa 3D, aprendo un’incredibile gamma di possibilità.

Come si vede, l’olio che esce dalla friggitrice può avere migliaia di vite. Quello che oggi ci ha aiutato a cucinare delle favolose patatine fritte, domani potrebbe essere la bioplastica dal manico della padella. A loro volta, smaltendo questo utensile, altri microrganismi possono utilizzare questa bioplastica per produrre l’idrogeno che ci porta a lavorare (in un nuovo motore che sfrutta la reazione di idrogeno e ossigeno per produrre energia) e molecole d’acqua, che irrigheranno l’olivo che centinaia di anni fa ci ha donato una dea come Atena. In questo caso il miracolo è frutto dell’economia circolare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: bioguia.com

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.