Cosa sono quei forellini sulle rocce in spiaggia? Ecco la spiegazione

Avete mai visto in spiaggia delle rocce con dei forellini tutti uguali e perfetti? Vi siete mai chiesti chi ha li ha realizzati? Sono dei fori creati da una specie chiamata Lithophaga lithophagaè o meglio conosciuta come dattero di mare.  E’ un bivalve endolitico commestibile, protetto dalla Direttiva Habitat dell’UE e da altri accordi internazionali, che vive all’interno di rocce carbonatiche. E’ molto conosciuto tra gli amanti dei “frutti di mare”, ma adesso sua raccolta è illegale, avviene rompendo le rocce dove cresce il bivalve.

L’impatto ha conseguenze a cascata in quanto provoca cambiamenti permanenti nelle caratteristiche del substrato, la rimozione di specie bentoniche, il passaggio da habitat altamente complessi a habitat strutturalmente semplificati. Di conseguenza, la ricca biodiversità delle scogliere rocciose si trasforma in un deserto biologico, chiamato “arido”. Insieme all’eccessivo sfruttamento dei pesci, questa pratica porta all’aumento della densità dei ricci di mare e alla pressione del pascolo sugli habitat, ostacolando la resilienza della biodiversità e delle funzioni associate. Sono necessarie campagne sociali per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle gravi conseguenze della pesca e del consumo di datteri.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: sciencedirect.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.