La Scienza sembra confermare rischio basso di polmoniti con Omicron “può colpire anche i vaccinati ma alla gola”

Un numero crescente di prove indica che la cosiddetta variante Omicron del nuovo coronavirus ha maggiori probabilità di infettare la gola rispetto ai polmoni, il che secondo gli scienziati, potrebbe spiegare perché sembra essere più infettiva ma meno mortale rispetto ad altre versioni del virus:

A sostenere questa curiosa tesi non sarebbe una scuola “scuola” ma ben sei distinti studi scientifici – di cui quattro pubblicati dalla vigilia di Natale del 2021 – che hanno scoperto come Omicron non sia causa del danneggiamento di polmoni delle persone tanto quanto la  Delta e altre precedenti varianti di virus attribuiti alla sindrome da Covid-19. Gli studi devono ancora essere sottoposti a revisione paritaria da parte di altri scienziati. “Il risultato di tutte le mutazioni che rendono Omicron diverso dalle varianti precedenti è che potrebbe aver alterato la sua capacità di infettare diversi tipi di cellule”, ha affermato Deenan Pillay, professore di virologia presso la University College di Londra. “In sostanza, sembra essere più in grado di infettare il tratto respiratorio superiore, le cellule della gola. Quindi si moltiplicherebbe nelle cellule lì più facilmente che nelle cellule profonde nel polmone. Questo è davvero preliminare, ma gli studi puntano nella stessa direzione”. Se il virus produce più cellule nella gola, ciò lo rende più trasmissibile, il che aiuterebbe a spiegare la rapida diffusione di Omicron. Un virus che è bravo a infettare il tessuto polmonare, invece, sarà potenzialmente più pericoloso ma meno trasmissibile. I ricercatori del Molecular Virology Research Group dell’Università di Liverpool hanno pubblicato una prestampa il giorno di Santo Stefano che mostra che l’Omicron porta a “malattie meno gravi” nei topi, secondo il professor James Stewart. L’articolo ha mostrato che i topi infettati da Omicron perdono meno peso, hanno una carica virale inferiore e soffrono di polmoniti meno gravi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

È un pezzo del puzzle“, ha detto. “Il modello animale suggerisce che la malattia è meno grave del Delta e del virus Wuhan originale. Sembra essere eliminato più velocemente e gli animali si sono ripresi più rapidamente, e questo si collega ai dati clinici che arrivano. “Le prime indicazioni sono che è una buona notizia, ma non è un segnale per abbassare la guardia, perché se sei clinicamente vulnerabile, le conseguenze non sono ancora grandi: ci sono morti per Omicron. Non tutti possono strapparsi le maschere e festeggiare“. Il Neyts Lab dell’Università di Leuven in Belgio ha trovato risultati simili nei criceti siriani, con una carica virale inferiore nei polmoni rispetto ad altre varianti. Il professor Johan Neyts ha affermato che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il virus era più efficace nell’infettare gli esseri umani rispetto ai criceti, o che aveva maggiori probabilità di infettare il tratto respiratorio superiore o che provocava malattie meno gravi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un’ulteriore prestampa, presentata a Nature la scorsa settimana da ricercatori negli Stati Uniti, ha anche scoperto che i topi con Omicron hanno perso meno peso e avevano una carica virale inferiore. E i ricercatori del Centro per la ricerca sui virus dell’Università di Glasgow hanno trovato prove che Omicron ha cambiato il modo in cui entra nel corpo. Omicron era sostanzialmente in grado di eludere l’immunità delle persone che avevano ricevuto due dosi del vaccino, ma una dose di richiamo ha fornito un “ripristino parziale dell’immunità”. La sfilza di ricerche di Natale si basa su uno studio dell’Università di Hong Kong del mese scorso che mostra una minore infezione da Omicron nei polmoni e sulla ricerca guidata dal professor Ravi Gupta dell’Università di Cambridge, il cui team ha studiato campioni di sangue di pazienti vaccinati. Hanno scoperto che Omicron è in grado di eludere i vaccini, ma meno in grado di entrare nelle cellule polmonari:

L’ultima ricerca scientifica arriva nel mezzo di un dibattito su come eseguire al meglio i test a casa. La scorsa settimana, alcuni scienziati hanno suggerito che i test di flusso laterale (LFT) potrebbero essere più accurati se le persone prendessero tamponi dalla gola e dal naso. La prof.ssa Jennifer Rohn dell’University College di Londra ha affermato che la sua esperienza nell’uso degli LFT è stata di essere risultata negativa utilizzando tamponi nasali ma positiva quando ha prelevato un campione dalla sua gola. Ciò sembrava essere supportato da uno studio del Sudafrica che mostrava che i campioni di saliva sottoposti a test PCR erano migliori dei tamponi nasali nel rilevare l’Omicron:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tuttavia, il professor Lawrence Young, virologo dell’Università di Warwick, ha affermato che lo studio non era abbastanza significativo da poter trarre conclusioni. “Questo è un piccolo studio su pazienti sintomatici acuti, non ospedalizzati. Da un lato conferma studi precedenti che indicavano che il test salivare potrebbe essere utile come approccio di campionamento più facile da eseguire. Non credo che questo studio sia abbastanza significativo per concludere qualcosa sul comportamento di Omicron. L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito ha affermato che non vi era alcuna indicazione che i test rapidi differissero nella loro capacità di rilevare le varianti Omicron o Delta, sebbene i test fossero continuamente monitorati dai ricercatori. Tutti i dispositivi a flusso laterale utilizzati da NHS Test and Trace sono stati sottoposti a rigorose convalide e si sono dimostrati altamente efficaci nel rilevare il Covid-19 nelle persone”, ha affermato un portavoce. Attualmente stiamo vedendo un numero elevato di test positivi sui dispositivi a flusso laterale segnalati. Ciò significa che stiamo rilevando decine di migliaia di casi che altrimenti potrebbero non essere rilevati”.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.